Torino, il Fila ha riaperto dopo 121 giorni: in 300 ad osservare i granata

Torino, il Fila ha riaperto dopo 121 giorni: in 300 ad osservare i granata

DIRETTA TN / La cronaca dell’allenamento dei granata a porte aperte dopo parecchie settimane

di Andrea Calderoni
  • IL POMERIGGIO GRANATA MINUTO PER MINUTO

17.25 Squadra negli spogliatoi. L’allenamento è finito davanti a circa 300 tifosi. Dopo 121 giorni, dunque, il Toro è tornato ad allenarsi a porte aperte e al termine i giocatori hanno firmato un po’ d’autografi. Grazie per averci seguito con la diretta della seduta.

17.21 “Triplice fischio”: la partitella con chi è stato impiegato poco o nulla nel derby è terminata.

17.19 Anche Buongiorno si è accomodato di fianco a Belotti per il finale della partitella.

17.17 Nemmeno il tempo di sistemarsi e ancora Zaza: rovesciata e palla alta di poco.

17.16 Prosegue la partitella granata: gol e urlo liberatorio di Zaza.

17.07 Belotti non gioca la partitella, ma la osserva da molto vicino, da dietro la porta.

17.05 Belotti rientra nel gruppo principale. Aina, invece, a colloquio con lo staff.

16.53 Non soltanto il pubblico, ma anche i compagni intorno a Parigini per dargli sostegno e forza.

16.52 In gol Parigini: forte incitamento per lui che sta vivendo una stagione complicata e ai margini.

16.50 Nell’altro gruppo ci sono 8 dei 10 titolari tra i giocatori di movimento del Derby della Mole. Per loro un po’ di corsa defaticante.

16.47 Anche i portieri si uniscono al gruppo. Una parte dei giocatori disputa una partitella con loro.

16.45 Momento di pausa dopo aver lavorato parecchio su fase di possesso palla.

16.41 Dopo la prima fase con la squadra, niente possesso palla per Rincon, anche lui non al meglio, nonostante la gara da titolare con la Juventus

16.37 Due schieramenti proposti da Mazzarri sul terreno di gioco: 3-4-3 e 3-4-1-2. Fase di possesso palla senza porte

16.36 Il tecnico toscano sta mostrando alla squadra come eseguire al meglio i passaggi, soprattutto mantenendo alta la velocità d’esecuzione.

16.35 Si ferma il pallone. Momento dedicato alla tattica: Mazzarri parla ai suoi ragazzi.

16.33 Con l’arrivo in campo della squadra il pubblico sugli spalti è cresciuto sensibilmente. Circa 300 le presenze al Filadelfia per il primo allenamento a porte aperte dopo 121 giorni.

16.29 Dici qualità e pensi a Iago Falque: lo spagnolo, però, non sta svolgendo la seduta a causa dell’infortunio occorso venerdì, prima della gara con la Juventus.

16.27 Fase in cui si cerca di dare ritmo e di allenare la tecnica in velocità.

16.25 Tocca al “torello” a campo lungo. Una regola: massimo due tocchi.

16.23 Buon ritmo nei primi 20 minuti di allenamento sul campo: piccolo break e poi nuove esercitazioni.

16.19 Anche il possesso palla è stato aggiunto da Mazzarri in questa fase.

16.17 Prende velocità la seduta granata: esercizi di vai e dai con introduzione della palla.

16.12 Granata capitanati da Ansaldi, Rincon e Belotti agli ostacoli per la prima fase di riscaldamento.

16.10 Il clima è favorevole: il Filadelfia applaude i ragazzi al loro passaggio.

16.09 Recepite le istruzioni si parte con una leggera corsetta intorno al campo secondario del Filadelfia.

16.07 Si parte con una fase di colloquio tra Mazzarri e la squadra: un dialogo necessario in vista di una settimana fondamentale.

16.05 Di fronte a circa 200 tifosi, tra cui tanti giovani, è sceso in campo il Torino.

16.00 Continua il lavoro in palestra dopo il derby dei granata. Momento anche di confronto per capire cosa è funzionato e cosa invece non è funzionato nella sfida con la Juventus.

15.45 La squadra è ancora in palestra. Tra poco i giocatori agli ordini di Mazzarri dovrebbero calcare il manto del campo secondario del Fila.

15.30 Una cinquantina i tifosi granata presenti per ora al Filadelfia per un giorno significativo nella stagione granata. L’allenamento si disputerà nel campo secondario, già allestito dallo staff di Mazzarri.

15.15 Il pomeriggio si è aperto con il capitano Andrea Belotti che si è presentato al Filadelfia a piedi e ha scambiato qualche chiacchera con i tifosi presenti, concedendosi per foto e autografi (LEGGI QUI).

Amici di Toro News, eccoci in diretta dal Filadelfia, dove il Torino di Walter Mazzarri torna a disputare un allenamento a porte aperte dopo 121 giorni. I cancelli dello storico impianto granata, posizionato nel cuore pulsante della città della Mole, sono tornati ad aprirsi in una settimana molto delicata per tutto il mondo granata. Il Derby della Mole è stato lasciato alle spalle e ora si inizia a pensare al crocevia stagionale di sabato al “Rigamonti” di Brescia.

26 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Wallandbauf - 2 settimane fa

    Forse con il post di Izzo “stateci vicini” qualcuno ha fatto in tempo a rispondere “come??”.
    Le porte chiuse ci stanno pre gara o quando si prova qualcosa di nuovo, ma sempre è ridicolo..soprattutto se il gioco non esiste. Si segna anche palla a terra e in verticale, spero provi anche questo ogni tanto, ma non lo sapremo mai..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. michelebrillada@gmail.com - 2 settimane fa

    allenatore nel pallone ha detto di avere la coscienza pulita sto incapace di dare un gioco alla squadra i ragazzi lavorano vanno in campo ma non sanno che cosa fare vedere zaza a calciare sempre fuori anche in allenamento con nessuno che lo ostacola è una vergogna millico ne vale 10 di zaza e deve stare fuori sempre i nostri giovani non sono visti da mister porte chiuse al filadelfia non esiste la società non c’è il ds non c’è il dg mazzarri se ne deve andare subito perche cosi torniamo dritti in serie B per carita non avremo uno squadrone ma almeno da meta classifica in su via mazzarri

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. jimmy - 2 settimane fa

    Bon ci rivediamo a marzo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. GlennGould - 2 settimane fa

    121 giorni.

    Manco il Pentagono è così inaccessibile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. prawn - 2 settimane fa

    Certo che questi 121 giorni hanno portato grand risultati eh..

    Mi chiedo se Cairo per calmare gli animi (della maratona/tifosi) abbia espressamente chiesto di riaprire le porte

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bela Bartok - 2 settimane fa

      Sicuro come l’oro. Ed è una buona idea, siamo tutti daccordo che le società non debbano essere condizionate dal tifo organizzato ma ogni tanto accontentare un po’ i tifosi non fa male.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. fedy - 2 settimane fa

    Quattordicesimo posto in classifica e c’e’ gente che perde tempo ad andare ad applaudire i giocatori, che il presidente riesce a far passare quasi come degli eroi per aver perso solo di misura un derby. Per colpa di pochi si legittima ancora una volta chi sta distruggendo anno dopo anno la passione per questa maglia causa interessi privati da soddisfare e incapacità totale di assumere gente preparata in materia per raggiungere risultati sportivi. Gli spalti gremiti di gobbi allo stadio sono la più pesante delle umiliazioni che si potevano subire, ma nonostante questo invece di contestare si va al Fila per portarsi a casa la foto col giocatore di turno, che diventerà a seconda dei casi la prossima plusvalenza da non reinvestire. Voi siete complici di quello che ha imbalsamato il Toro, vivete di retorica e vi accontentate delle briciole che il pontefice Urbano vi lascia, non avete ancora capito e forse mai lo capirete che non sono i tifosi a dover trascinare la squadra ma è la squadra allestita da una società seria a farlo, loro sono già ricchi abbastanza di che caxxo di sostegno hanno bisogno! Meritate la serie B!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. suoladicane - 2 settimane fa

      il tuo commento mi sembra eccessivo, al FILA vanno i nonni a portare i nipotini e non certo per mendicare un autografo ma per trasmettere in qualche modo il dna granata, poi tutte le opinioni sono valide, ma non la penso come te, 300 spettatori sono semplicemente dovuti a 121 giorni di porte chiuse, AVESSERO TENUTO APERTO UNA O DUE VOLTE LA SETTIMANA OGGI SAREBBERO STATI AL MAX 30
      MAZZARRI VATTENE

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. fedy - 2 settimane fa

        Di certo non mi riferivo a quel nonno col nipotino…visto che non si diventa granata per caso, la mia è una considerazione per sottolineare come sia anestetizzato e abituato a qualsiasi cosa il tifoso medio granata.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. suoladicane - 2 settimane fa

          purtroppo il tifoso è anestetizzato, su questo sono d’accordo con te; 16 anni di nulla e di balle portano a questo…..
          SFT

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-13797744 - 2 settimane fa

    la società ne è proprietaria o si rischia di essere sfrattati ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. GranaSiempre - 2 settimane fa

    Se fossero tutti come suoladicane o fondodigatto dovrebbero chiudere il Fila con i sigilli…
    Il Fila si tiene aperto quando si può, cioè eventualmente solo alla ripresa e quando non ci sono contestazioni, visto che non sappiamo contenere gli isterismi.
    E se trovate una squadra che si allena a porte aperte fatemi subito un fischio, mi raccomando…
    Solo FORZA TORO!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Andreas - 2 settimane fa

      stavo proprio pensando che sicuramente il Fila aperto è bello x noi tifosi ma è sempre utile x la squadra?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. GranaSiempre - 2 settimane fa

        Chiaro che il Fila aperto è una bella cosa per tutti, ma ripeto, si può fare solo in alcune circostanze solo alla ripresa e quando c’è un clima sereno perchè la squadra va protetta.
        Quindi farlo in questo momento è a mio avviso qualcosa che va apprezzato.
        Poi nessuna squadra – e sottolineo nessuna – fa gli allenamenti di preparazione ad una partita a porte aperte, per cui per certi versi mi stupisco che ci stupiamo…
        Comunque, bella cosa oggi!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. suoladicane - 2 settimane fa

          ma va protetta da cosa, da qualche mugugno dei tifosi anziani che portano i nipotini a vedere i loro idoli? ma siete più conigli dei gobbi e di testadighisa messi insieme, ma siete mai stati al fila? ma perchè parlate di cose che non conoscete?
          e poi ti ripeto al tifoso del TORO in genere non interessa cosa fanno gli altri, altrimenti ci sono tante altre squadre da tifare non trovi?
          MAZZARRI VATTENE

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Garritano - 2 settimane fa

      Eh già…solo quando le cose vanno bene e il presiniente e i suoi tirapiedi sono tranquilli bisogna aprirlo.

      Altrimenti, per evitare il confronto con i tifosi e per nascondere i segreti di Pulcinella, bisogna che stia chiuso.

      Se tu fossi vissuto ai tempi del Vero Filadelfia e se avessi esposto ai “Vecchi del Fila” dei ragionamenti di questo genere a quest’ora portavi la dentiera a furia di calci sui denti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. suoladicane - 2 settimane fa

      il FILA è il DNA del TORO, la squadra quando era in piedi si è sempre allenata a porte aperte almeno due volte la settimana, le motivazioni che adduci per le porte chiuse sono ridicole, ed il fatto che altri non facciano assistere i tifosi è un problema degli altri, se non lo capisci, capisci proprio poco di TORO oltre a non conoscerne la storia, STUDIA VA CHE NON TI FA MALE.

      MAZZARRI VATTENE

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. suoladicane - 2 settimane fa

    cerchiamo di non tenerlo chiuso altri 120 giorni
    e poi mi chiedo come si fa a rinunciare alla carica di 300 tifosi agli allenamenti? come si fa?
    MAZZARRI VATTENE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. gianni bui - 2 settimane fa

    Che senso ha aver trattenuto Parigini e Millico se poi non li fai giocare…boh

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Garritano - 2 settimane fa

      Rovinar loro la possibile carriera, ovvio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Garritano - 2 settimane fa

    “I giocatori, incuranti del freddo pungente e ben protetti dal loro abbigliamento granata, si muovono fieri sul campo di allenamento agli ordini del loro condottiero e stratega livornese, correndo e sudando con e senza palla, adottando gli schemi di gioco previsti e applicando i movimenti e le mosse necessarie per disorientare gli avversari”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. rogozin - 2 settimane fa

      Splendido pezzo! Davvero bravo e divertente. Senza alcuna ironia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. marione - 2 settimane fa

      Ai tempi del fascismo c’era meno retorica. E sono passati quasi 100 anni, Mr. Pulitzer

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Garritano - 2 settimane fa

    Sembrano le telecronache di propaganda dell’Istituto Luce ai tempi del ventennio…!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. TOROPERDUTO - 2 settimane fa

    Certo che l’hanno costruito proprio male, già in manutenzione è……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. GRANATORO - 2 settimane fa

    120 giorni?????
    Era una punizione?
    Roba da matti…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy