Torino, nuova positività al Covid-19: oggi niente allenamenti, squadra in quarantena

Coronavirus / Continuano i problemi in casa granata a causa della pandemia

di Redazione Toro News

La pandemia si fa ancora sentire in casa Torino. In avvio di preparazione due giocatori sono stati costretti alla quarantena per la positività al Covid-19. Poi, a causa di una positività di un membro dello staff granata è stata rimandata l’amichevole in programma contro la Primavera nel mini-ritiro di Biella. Adesso, arriva la notizia – anticipata da gianlucadimarzio.com – di una nuova positività al Coronavirus, appena dopo il match del “Franchi” contro la Fiorentina e nella settimana pre-Atalanta. In attesa di comunicazioni ufficiali oggi, martedì, non verrà effettuata la doppia seduta in programma. Verranno applicati subito i protocolli del caso. La squadra andrà in quarantena ed è da accertare la possibilità che si giochi sabato contro l’Atalanta.

LEGGI ANCHE: Calciomercato, Torino al lavoro per un difensore: Ferrari e Andersen i preferiti

LEGGI ANCHE: Torino, Schone tra le alternative a Torreira: primi contatti per il regista del Genoa

COMUNICATO STAMPA TORINO F.C.:

39 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Toro_felix - 1 mese fa

    Comunque spero non sia Rodriguez il portatore sano… Dato che nn c’era.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Donato - 1 mese fa

    @abatta68
    Ad oggi nessuno muore più di covid…. Mai affermazione fu più avventata, per usare un eufemismo. Roba da far concorrenza a Zangrillo per il quale il covid era sparito fino al giorno in cui ha ricoverato Berlusconi, suo amico caro.
    Per favore, abbiate rispetto per chi ancora oggi deve lottare per non morire e per chi ogni giorno, ancora oggi, va ad ingrossare il conto dei decessi !!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 mese fa

    @Abatta: Sinisa può permettersi di essere curato al meglio e con tempestività. Concordo con te sull’aspetto economico. Anzi, motivo in più per mal sopportare questo fetido mondo.
    Allora rettifico la mia critica: In caso di grave emergenza sanitaria i ricchi e i politici hanno una corsia preferenziale per essere curati e inoltre soffrono meno le conseguenze di una crisi economica….
    mamma mia !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 mese fa

    @granata, @pau : siete voi che state generalizzando. Io non ho scritto che solo i milionari vengono curati ma che i milionari non muoiono di Covid. È diverso..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 1 mese fa

      Ad oggi nessuno muore più di covid, nemmeno uno come mhjailovic con le difese immunitarie azzerate dalla leucemia. Ti do ragione sul fatto che quando va in crisi il sistema economico e lavorativo chi è povero rischia di morire di fame più che di covid, mentre chi i soldi li ha sempre li avrà c’è poco da fare!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Granata - 1 mese fa

      È sbagliato anche questo dato. Per ovvi motivi, non posso fare nomi ma a parte la madre di Chiambretti, ( benestante no ? ) conoscevo personalmente un caso di un ricercatore di fama mondiale, molto benestante, entrato in ospedale con i suoi piedi l’8 marzo scorso, ricoverato in terapia intensiva la sera stessa è venuto a mancare 1 mese dopo circa. Di casi del genere ce ne sono molti. Questo virus infetta chiunque e l’accesso alle cure in Italia è uguale per TUTTI !!! il prof.Zangrillo, tu non lo conosci, tratta tutti allo stesso modo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Pau - 1 mese fa

      beh insomma , hai anche scritto che i meno abbienti li fanno morire a casa o in strada, in quanto a generalizzazioni non scherzi neanche tu.
      Hai ragione quando tiri fuori i trattamenti privilegiati dei politici o dei calciatori, è scandaloso. Ma si tratta per fortuna di eccezioni,come purtroppo ce ne sono in altri campi e non solo in quello sanitario. Ci sono molte cose da aggiustare nella sanità italiana ed i numeri della scorsa primavera la hanno fatta collassare più volte, lo stesso approccio che si ha ai tamponi ora è criticabile sia nei numeri che nelle modalità. Ribadisco però che scrivere quello che hai scritto nell’altro post è esagerato, senza polemica

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granata - 1 mese fa

        Precisiamo, nelle strutture sanitarie pubbliche i trattamenti sono uguali per tutti. Chi ha soldi puo rivolgersi a strutture private, a pagamento, ed è ovvio che in quelle strutture si abbia corsia preferenziale. Si paga !!! Aggiungo e finisco col dire che, se la struttura pubblica non può soddisfare una richiesta che può essere soddisfatta in ambito privato, il pubblico copre le spese, PER LEGGE !!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 mese fa

      Ragazzi (a prescindere dalla vostra età ) io non ce l’ho con voi, ed è ovvio che il mio riferimento non contemplava tutti i casi di covid che ci sono stati. Sono state curate bene persone povere e persone ricche. Ma come scrive lo stesso @Granata, il ricercatore di fama mondiale morto per Covid fu ricoverato la sera stessa, mentre, ad esempio, una persona che conoscevo di 38 anni (38 ) senza altre malattie, nel mese di marzo a Carpiate in provincia di Bergamo, è morto nel sonno nel suo letto di casa, perché lasciato lì in quarantena anziché ricoverato, nonostante avesse febbre alta e problemi respiratori: in questo caso permettetemi di generalizzare e affermare che se quel uomo di 38 anni fosse stato Salvini sarebbe stato ricoverato, non so se sarebbe guarito, ma di certo non sarebbe morto in casa accanto a sua moglie e i due figli che aveva.
      E qui la finisco perché onestamente mi fa male continuare anche solo a parlarne.
      Ciao

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granata - 1 mese fa

        Neanche io ce l’ho con te. Io lavoro nel calcio come tecnico ma ho specializzazioni accademiche mediche acquisite in Italia ed all’estero. In piena emergenza mi sono messo in gioco ed ho fatto il volontario. Ero in reparti di rianimazione e so di cosa parlo. Credimi, nessuno fa differenze. Gli errori di valutazione ci sono sempre stati e sempre ci saranno, purtroppo. Saluti.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Pau - 1 mese fa

        si fermiamoci, la mia voleva essere una difesa della categoria infermieri e medici, di cui non faccio parte, che sono stati in primissima linea soprattutto in primavera e se la sono vista brutta. So che la tua non era una critica diretta a loro.
        Per cui buona giornata anche a voi!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. pupi - 1 mese fa

    Quindi anche la viola è messa così, sempre che sia uno che ha giocato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. RiccoBello - 1 mese fa

    Una fine strategia ! Evitare di giocare contro l’Atalanta propio adesso. Evitiamo cosi la figuraccia di perdere 10 a 0, visto il cantiere aperto, cosi si rimanda la partita a “più tardi”. 😉

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Donato - 1 mese fa

      Che coglionata!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. TOROPERDUTO - 1 mese fa

    Sapete quanti di noi ce l’ hanno e non lo sanno perché non controllati come i calciatori.
    Però nessuno ha risposto alla mia domanda, qualcuno sa se è successo e già due volte ad altre squadre di serie A?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 1 mese fa

      Credo sia successo a tante società… alcune hanno reso noto i nomi, altri no… mi pare che la juve dopo rimani abbia avuto anche altri positivi… ma avevo letto anche di altre. Ma a sto punto che sia la mia squadra o un altra o la classe di mio nipote… poco cambia!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Tommydado - 1 mese fa

    Certo se non c’era il covid era da champions sta squadra…ma smettiamola cercate di vedere le cose non da tifosi ma con obbiettività…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Andrea D’Alberto - 1 mese fa

      Hai ragione è che ogni tanto ci si distrae e si pensa di essere su un sito di tifosi…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. FORZA TORO - 1 mese fa

      ma cosa c’entra,si discute delle problematiche che il covid comporta legate al calcio,sulla difficolta (per tutte le squadre/società) di fare le cose per bene

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Bastone e Carota - 1 mese fa

    Mi viene da dire “ma questi giocatori, di questi tempi, non potrebbero fare una sana vita da sportivo?” casa allenamento casa partita casa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 1 mese fa

      Ma in che senso? Pensi che chi è positivo va a mignotte tutte le sere? Quanti ti noi disinfettato il cellulare che magari appoggiamo mille volte ovunque, mentre siamo al bar, lavoriamo? Dopodiche la positività non è grave di per sé, magari lo è di più per la comunità in genere e per il funzionamento dell economia della società. Ma per quanto riguarda il toro… metteteli pure tutti in quarantena che ci guadagnamo in salute!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 mese fa

    Ieri pomeriggio scrivevo sconsolato e critico per il probabile non acquisto di un regista di qualità.
    Ma non c’è nulla da fare, questo covid non ci molla. Saranno mesi difficili e un campionato che alla fine sarà sospeso o completamente falsato.
    Uno prova a non pensarci e a vivere più normalmente possibile ma non è semplice. Ho due figli in età scolare e sia io che mia moglie lavoriamo a contatto con il pubblico. Come ci si può distrarre ? Impossibile.
    In bocca al lupo a tutti, soprattutto a chi non ha un conto in banca milionario, perché si è capito che i ricchi di covid non muoiono e hanno subito accesso alle cure. Il problema è per i meno abbienti che li fanno morire in casa o per strada come un uomo in Sardegna un paio di giorni fa, stramazzato per strada mentre con la valigia è stato costretto a recarsi a piedi in ospedale.
    E non ci è manco arrivato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. stefanonai_5333616 - 1 mese fa

      finalmente un commento come si deve! chi se ne fotte del calcio e di ste cazzate….il virus io che abito in america e un incubo…a new york non ce piu lavoro ma vi rendete conto ? altro che toro…..a me manca il calcio ma quando lo guardo sono senza emozioni….in bocca al lupo a tutti…fvcg

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Granata - 1 mese fa

      @Daniele, se scrivendo che chi ha i soldi viene curato e chi no viene lasciato morire hai voluto descrivere l’Italia, beh, hai scritto una grandissima cagata!!! Tu , scrivendo così, insulti il lavoro di migliaia di professionisti che si impegnano a fare tutto il possibile per chiunque, ripeto, CHIUNQUE sta male, covid o non covid. Un caso descritto da te non deve essere generalizzato. Se accaduto, fai nomi cognomi ed indirizzo alla Procura della Repubblica perché, in Italia, è un reato penale e non si scherza. Si tratta di omissione di soccorso.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Donato - 1 mese fa

        Quello di Daniele è evidentemente uno sfogo.
        Chiaramente vedere i signori Briatore e Berlusca entrare al San Raffaele eduscirne subito dopo da impressioni negative ma questo non deve farci sottovalutare il lavoro di tantissimi che cercavano, cercano e cercheranno di strappare alla morte migliaia di persone. E diverse di queste persone ci hanno anche Rimesso la vita.
        Siamo in un momento difficile che purtroppo in diversi hanno già dimenticato, per strada come sui forum, e non solo questo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 mese fa

      @granata: intanto io non ho offeso nessuno, mi sono limitato a esprimere un opinione e a rilevare dei fatti. Non ho certo criticato gli operatori sanitari che si fanno il mazzo tutti i santi giorni. Non posso però non notare che personaggi politici e milionari si sono ammalati di covid guarendo in fretta e senza problemi. Persone come Berlusconi di anni 84 e con problemi cardiaci sono guariti in una settimana perché il primario di un ospedale è andato personalmente a prelevarlo a casa, lo ha ricoverato con principio di polmonite e dimesso in poco tempo. Idem molti altri come il premier inglese. Allo stesso modo ho visto persone men che quarantenni lasciare a casa in quarantena, peggiorare e morire. L’esempio dell’uomo sardo morto sabato pomeriggio è un fatto di cronaca che puoi trovare da te fra le notizie. Il punto è che in caso di grave emergenza le persone che possono permettersi di avere accesso alle cure sono sempre i ricchi, i politici e i raccomandati. Gli altri arrivano dopo, e se li curano in tempo è solo perché nel frattempo non sono stati scavalcati da qualcuno di “più importante “. Esprimerò delle “cagate “ come dici tu ? Può darsi ma io mi guardò intorno e vedo che è sempre così che è girato il mondo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granata - 1 mese fa

        Vedi,@daniele, se tu dici che, io professionista, al momento in cui mi trovo davanti un paziente, in struttura pubblica, prima di assegnare un posto o delle cure, controllo identità e conto in banca, se permetti, mi offendi. Perché? Perché TUTTI GLI ESSERI UMANI HANNO STESSA DIGNITÀ, NON C’È PRIVILEGIO PER IDENTITÀ, SESSO, IDEOLOGIA, PORTAFOGLIO !!!! Ci possono essere disservizi ( che devono essere valutati e nel caso puniti ) si ma non siamo negli USA e nemmeno in Afghanistan. Grazie a Dio.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Pau - 1 mese fa

      In effetti ha ragione @granata, la sanità in Italia per fortuna è pubblica e chiunque può essere curato e farsi portare in ospedale dall’ ambulanza se serve. Il fatto a cui ti riferisci è dovuto ad un ritardo nei soccorsi immagino o da inefficienza o scarso numero di infermieri e non dal fatto che solo i ricchi si possono curare dai.
      Ciao

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 mese fa

      @granata: Dimmi la verità: se Berlusconi fosse stato un pastore sardo della provincia di Nuovo, positivo al Covid con polmonite, ottantaquattrenne e con altre patologie pregresse, si sarebbe salvato e guarito in una manciata di giorni ?
      Io non metto mica in dubbio la serietà dei medici in ospedale, e quel che dici sulla pari dignità ovviamente mi trova pienamente d’accordo. Il problema non sei tu, serio professionista che non guarda il conto in banca del paziente, ma chi sta sopra di te, che in caso di grave emergenza ti porta un malato da curare con maggior tempestività; il problema è che il Berlusconi di turno riceve la visita nottetempo del primario del San Raffaele e ricoverato immediatamente, mentre al povero pastore sardo gli si chiede di uscire in strada per raggiungere l’ambulanza arrivata dopo due ore ma impossibilitata a raggiungere il malato. Che muore come un cane per strada.
      Io non sto attaccando medici e sanitari, sia chiaro. Vorrei solo prendere le difese di chi non ha accesso alle stesse cure tempestive rispetto ad altri, solo a causa del suo ceto sociale. Non siamo in USA nè talebani, ma non viviamo nemmeno nel migliore dei mondi possibili.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 mese fa

      @Donato: Concordo con tutto quello che hai scritto. E mi fa piacere che tu abbia capito cosa intendevo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. FORZA TORO - 1 mese fa

    si va beh,lasciamo stare che è meglio,adesso tocca a noi un altro ad altri,non ha senso e si sapeva,ma tutto l’ambaradan doveva andare avanti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Donato - 1 mese fa

    Con un solo positivo si giocherà. E perderemo visto che tra una cosa e l’altra non c’è stato ancora modo di far allenare bene la squadra
    Spero che qualcuno capisca l’anomalia del momento e la pianti di criticare come se fossimo in una situazione normale.
    Purtroppo non è così
    In bocca al lupo per un sereno decorso della malattia perlui e per tutti quanti ne sono coinvolti
    Ci sono cose serie che fanno impallidire una semplice partita di calcio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. granataLondinese - 1 mese fa

    Beh ci vuole Pazienza e Tanto Tempo.
    Per cui bene così, il Maestro avrà fatto ammalare qualcuno così ha più tempo per far assimilare la nuova tattica.
    E tempo per Vagnati di completare la rosa.
    Se veniva l’atalanta ci faceva il filotto, non lamentiamoci, è meglio se non giochiamo di questi tempi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maxx72 - 1 mese fa

      “Il maestro avrà fatto ammalare qualcuno…” Ma le rileggi le frasi che scrivi. Scusami la trovo assurda e vergognosa, senza polemica.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Messere Granata - 1 mese fa

    La cosa è grave. Rischia di fermarsi tutto il Campionato. Si sommano problemi tecnici a problemi ambientali. Annata difficile e non è ancora finita. Oltre al Calcio, questo Covid ha creato solo disastri umani ed economici per tutti. Auguri gente Granata, arriveranno tempi migliori.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. rolandinho9 - 1 mese fa

    Vabbè quest anno si retrocede dai, se già la squadra é quel che é e manco può fare amichevoli e allenarsi allora di che parliamo? Ma é normale che si possano giocare solo le partite ufficiali? Le amichevoli per carità, le ufficiali che portano soldi a tv e baraccone allora si, ma così si retrocede. Tempo che entriamo in forma e ci collaudiamo di partite ufficiali ne sacrifichiamo 5-6 . É una farsa .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. TOROPERDUTO - 1 mese fa

    Ma succede anche alle altre o solo a noi??

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. extremoduro - 1 mese fa

      solo ed esclusivamente a noi, siamo unici, i nostri prendono il virus anche rinchiusi nella loro cameretta attraverso i social

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Nero77 - 1 mese fa

    Mi dispiace ammetterlo,se non si dovesse giocare per via del contagiato di covid,sarebbe manna dal cielo,l Atalanta ci farà un culo così all attuale stato delle cose

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy