Calciomercato Torino: Boyè, il riscatto dell’Aek Atene è lontano. La situazione

Calciomercato Torino: Boyè, il riscatto dell’Aek Atene è lontano. La situazione

Focus On / L’esterno alto granata tornerà momentaneamente a Torino dove si deciderà il suo futuro

di Luca Sardo

Il riscatto dell’Aek Atene per Lucas Boyè pare molto difficile. Con l’arrivo del nuovo allenatore, Miguel Cardoso, reduce dall’avventura sulla panchina del Celta Vigo, il futuro dell’esterno granata sembra esser lontano dalla Grecia. Infatti il nuovo allenatore portoghese avrebbe chiesto alla società due ali nuove per la prossima stagione, escludendo di conseguenza il giocatore classe 1996 di proprietà del Torino. Boyè si era trasferito l’estate scorsa all’Aek Atene sulla base di un prestito con diritto di riscatto a 7.5 milioni di euro.

Edera, a Bologna poco spazio: futuro da valutare

RENDIMENTO – Con la squadra greca, Boyè ha collezionato in totale in questa stagione 36 presenze fra Super League, Kypello Elladas (coppa di Grecia) e Champions League, segnando 6 reti e facendo 1 assist. L’attaccante, escluso quando non era a disposizione, è sempre stato impiegato dall’ormai ex allenatore Manolo Jimenez. Non sono mancati degli acuti, ma in generale non c’è stata continuità e il feeling con la porta è lo stesso dei tempi di Torino: scadente. Ora, con l’arrivo del nuovo mister, il futuro di Boyè con molte probabilità non sarà con la casacca giallo nera addosso: almeno, ad oggi l’Aek non ha fatto trasparire l’interesse nel tirare fuori 7.5 milioni per lui.

FUTURO – Quindi il giocatore argentino verosimilmente rientrerà dal prestito e tornerà a Torino per poi finire nuovamente sul mercato. Sull’attaccante classe ’96 è forte l’interesse dell’Estudiantes, club argentino di Buenos Aires. Quando il giocatore farà il suo rientro in Italia, insieme alla società e al management dell’argentino, si deciderà il futuro dell’ex numero 31 granata. Il suo destino potrebbe venire deciso anche prima della partenza per il ritiro precampionato di Bormio. Dunque il ritorno di Boyè a Torino potrebbe essere soltanto di passaggio: nel suo futuro potrebbe esserci un ritorno in Argentina, con formula e modalità tutta da decidere.

31 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Immer - 7 mesi fa

    Sarò concorrente ma a me boye piace vorrei che venissero date a lui tutte le possibilità di baselli e poi alla fine là differenza non è cosi tanta

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ale_gran79 - 7 mesi fa

    Le alternative reali per lui sono il ritorno in Argentina oppure qualche medio-piccola di Serie A, magari una neopromossa. Di sicuro non resterà da noi, la speranza di Cairo è recuperare almeno l’investimento iniziale.
    Peccato perché al suo esordio in granata mi piacque tantissimo, con quell’incedere con la palla incollata al piede. Me lo ricordo soprattutto in una esaltante gara casalinga in cui il Toro battè la Roma: lui, Belotti e Iago furono devastanti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. bertu62 - 7 mesi fa

    Credo fondamentalmente che ci siano alcune “questioni” da risolvere già con la rosa attuale, prima ancora di cercare di capire quale sarà quella futura….
    Mi riferisco a Berenguer e Parigini tanto per fare nomi: se uno dei 2 oppure addirittura tutti e 2 dovessero lasciare il Toro (cosa tutt’altro che improbabile…) allora ecco che gli scenari “potrebbero” anche vedere un Lucas BOYE al Toro, altrimenti mi sa tanto che verrà preferito un LAXALT, tanto per dire, che oltretutto fa anche la fase difensiva e rappresenta PIU’ di un’alternativa ad Ansaldi che, non dimentichiamolo, andrà per i 33….
    Boye non rientrava nei piani già prima, ed il prestito serviva a “piazzarlo” proprio com’è stato con Niang, adesso che la situazione economica in Grecia è ancora “pesante” credo che si proverà in Francia, oppure tornerà in Argentina, purtroppo è stato un investimento di quasi 3 €/Milioni non proprio azzeccato, ma ci sta….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Seagull'59 - 7 mesi fa

    caro granata, peschi a strascico quando non hai i soldi per fare il selettivo, sperando di prenderne uno buono…
    oppure hai una rete di osservatori in giro per il mondo che ti fanno prendere a poco e prima degli altri il potenziale campione: ma è molto dura…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Seagull'59 - 7 mesi fa

    23 anni, è ancora molto giovane e, per fisico & tecnica, potrebbe ancora diventare molto importante per il Toro: a me è sempre molto piaciuto, ma lascio agli esperti e chi lo conosce e gestisce da vicino decidere del suo futuro.
    spero solo sia valutato oggettivamente e obiettivamente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Ospunda - 7 mesi fa

    Vero che Boyé è giovane e ha potenziale, ma è in scadenza nel 2020 e nel Toro attuale non vedo molti spazi per lui. Visto che è arrivato praticamente a costo 0, meglio venderlo facendo anche una minima plusvalenza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Ned Ellis - 7 mesi fa

    Lo dirò fino allo sfinimento, boyè deve giocare come interno di centrocampo e fare da collante tra centrocampo e attacco, ha tecnica corsa e fisico, il potrebbe ritagliarsi quel ruolo che Mazzarri vedeva in baselli, la sua forza il suo scatto la sua tecnica, potrebbero essere quelle armi per capovolgere velocemente l’azione, già in grecia se si gurdano alcuni filmati sembra partire sempre da quella posizione. ieri sera ha giocato una finale un giocatore che arrivato a pescara era una seconda punta, oddo l’ha trasformato in un regista, alla samp si è confermato, e ieri ha giocato una finale europa.
    Boyè ha solo un ruolo sbagliato, io spero che il mister possa lavorare su di lui in ottica interno di centrocampo nel ritiro, sono straconvinto possa diventare un ottimo giocatore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Bischero - 7 mesi fa

    Ciao verarob. Ammetto che quando fai la disamina dei giocatori senza nominarlo per come li ho visti io faccio fatica a capire di chi stai parlando. Boye che mi colpi molto quando arrivó al toro per me non é una prima punta. Ha il fisico del centroavanti ma le movenze da 2 punta esterna. Caprari nei due anni di doria ha giocato come punta di movimento con un altro attaccante e alle spalle un 10.ma a Pescara ha giocato largo in un tridente. Boye in Argentina giocava centroavanti ma in Italia da noi ha fatto l esterno del tridente. A me sembrano giocatori simili con fisici diversi. Caprari mi sembra molto più concreto peró. La pista caprari cmq credo che sia percorribile in 2 casi. O con un toro impegnato su 3 fronti quindi in coppa Uefa o come giocatore duttile con la cessione di zaza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. verarob_701 - 7 mesi fa

      Ciao Bischero, secondo me la questione in generale è una sola, Mazzarri ha dimostrato che preferisce lavorare con una rosa ridotta, abbiamo fatto il ritorno con 20 giocatori e quindi non tutti i ruoli potrebbero avere un doppione, quindi credo si voglia avere una rosa in cui siano tutti con un ruolo in cui danno il meglio ma che possano essere utilizzati in altre posizioni, e in questo momento credo che i meno duttili siano De Silvestri Belotti e Zaza, quindi o cambi modulo o Zaza partirà di nuovo sempre in panca.Se prendi un Caprari, serve solo se parte uno davanti.Se questo fosse Zaza ti mancha un giocatore che all’occorrenza possa sostituire Belotti, quindi o in panca porti De Luca o Damascan, o prendi un giocatore che possa giocare in più ruoli davanti e il solo al momento in rosa che possa fare la prima punti , all’occorrenza, è Boye..sono d’accordo con te che il campionato argentino è diverso, ma l’alternativa a Belotti con il nostro modulo è difficile da trovare quindi o cambi modulo, o spendi bei soldi per una riserva o fai una scommessa…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granata - 7 mesi fa

        Caprari è un ala pura che si adatta a fare seconda punta( malino a dire il vero ) o il trequartista. È la tipologia di giocatore che da mesi vado dicendo si debba prendere. Spero che l’acquisto sia di levatura diversa. Zaza può giocare col gallo e sostituirlo. Le punte sarebbero Gallo Zaza Millico e mister x

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. prometeora - 7 mesi fa

    In Grecia non ci sono i soldi… era impensabile che lo avrebbero riscattato a quella cifra poi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. granata - 7 mesi fa

    Boyè è una delle tante scommesse di Petrachi non azzeccate, come Sanchez Mino, Martinez, Gaston Silva, Ruben Perez, Carlao, Sadiq ecc. ecc. Non che il nostro ex direttore sportivo le abbia fallite tutte, ma il numero di quelle sbagliate è alto e pesa sul giudizio che si deve dare di lui. Spero che il nuovo direttore sportivo abbandoni il sistema petrachiano della “pesca a strascico” per fare poche scelte mirate senza caricare la società di costi di cartellini e ingaggi inutili.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. verarob_701 - 7 mesi fa

      In tanto Martinez in un campionato certamente stupido come quello della major League ha segnato 31 gol lo scorso anno, 8 in più di un certo Ibra….quando fai una scommessa se sbagli perdi, con nessuno di questi il Torino calcio ha perso, come minimo hai ripreso l’investimento generalmente ha guadagnato dei soldi da reinvestire,….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Torello_621 - 7 mesi fa

      Sotto l’aspetto sportivo i nomi che citi non sono stati all’altezza e infatti prontamente sostituiti, ma sotto l’aspetto economico le perdite sono state molto limitate. Anzi, solo Sanchez Mino è stata una minusvalenza. Martinez, Gaston Silva come Janson sono state plusvalenze. Sadiq e Ruben Perez prestiti, Carlao praticamente costo zero.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Pulster - 7 mesi fa

    Boyè puo giocare in un 4 3 3 oppure 3 4 3 cmq come ala, per fare qualche golletto e sfornare più assit possibili; purtroppo s’innamora del pallone e infine per fare il trequartista, come ho letto da alcuni nel sito, la componente importante è la fantasia, che mi sembra scarseggiare nell’argentino, velocità gioco di gambe salta l’uomo, per Mazzarri un Ansaldi….non va bene per noi; escludo possa tornare utile alla causa, abbiamo già Zaza come zavorra, anche perchè potrebbe solo fare la seconda punta nel modulo di Mazzarri che è e resterà il 3 4 2 1 o 3 5 2, non varierà più di tanto; ritornerà in Argentina, cmq è giovane e si farà

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. user-13973712 - 7 mesi fa

    a me piace per la grinta, penso che in caso di impossibilità nel tenerlo in rosa gli si potrebbe dare un’altra chance in qualche squadra di bassa A o di B

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. verarob_701 - 7 mesi fa

    Se uno non fa gol non li farà mai….belli questi commenti tanto per smentirli basta prendere questa stagione…Petagna 2 anni fa 34 partite 5 gol lo scorso anno 29/4 quest’anno 36/16….e ha un anno in più di Boye..come qualcuno ha fatto notare i discorsi sono 2, il giudizio dello staff tecnico della società, e le scelte tattiche, al momento direi che è chiuso, ma bisogna capire il futuro di Zaza, se come oggi riportava il tuttosport Mazzarri vuole un giocatore alla Caprari, seconda punta di movimento o trequartista, e questa tipologia di giocatore prendesse il posto di Zaza, credo starebbe bene in rosa un Boye che può fare l’alternativa tattica a Belotti in caso di necessità oltre alle posizioni già citate, se restasse Zaza o arrivasse un giocatore che può giocare con Belotti o fare la prima punta, sarebbe di troppo…bisogna anche vedere se si gioca il solo campionato, o ci fosse l’aggiunta di una eventuale EL, con penso un piccolo allargamento della rosa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Bischero - 7 mesi fa

    La penso come Mimmo75. Credo che abbiano già deciso. Oggi tutto sport parla di caprari. Che é un doppione di boye. Ma sono 3 anni che gioca in serie A con risultati migliori. Boye é tecnicamente e fisicamente dotato. Ma gioca solo per sé stesso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. verarob_701 - 7 mesi fa

      Beh, definire Caprari doppione di Boye, mi pare un pò azzardato ci sono 12 centimetri, e un pò di chili di differenza, uno brevilineo e veloce, l’altro molto meno veloce e molto più forte fisicamente, uno ala/attaccante solo esterno, l’altro ha giocato anche da prima punta in carriera….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Tarzan - 7 mesi fa

    So che ne capisco poco, ma a me piace un sacco…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RinoVecchiato - 7 mesi fa

      Siamo in due in questa situazione. 😀

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Mimmo75 - 7 mesi fa

    Io credo che mister e società abbiano già deciso definitivamente lo scorso anno su Boye. La formula con la quale è stato prestato lascia pochi dubbi e lega le mani al Toro. Se l’AEK lo vuole se lo prende esercitando il diritto di riscatto. Se il Toro fosse stato indeciso lo avrebbe ceduto in prestito secco per poi rivalutarne la crescita.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Kieft - 7 mesi fa

    Quando uno non vede la porta non la vede …un giocatore può migliorare molto fisicamente, può migliorare abbastanza tecnicamente ma se non fa goal non li farà mai …..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Numero7 - 7 mesi fa

    È pur sempre un classe 96… Mazzarri confidiamo in te.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Rimbaud - 7 mesi fa

    Un chance la merita. Ha i mezzi e può crescere

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. user-13963758 - 7 mesi fa

    leggo di caprari. ecco … io tra caprari e boyè darei una chance a boyè.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Michele Nicastri - 7 mesi fa

    Questo gioca fuori ruolo.
    Non vede la porta, ma avrebbe piedi e fisico per essere un ottimo centrocampista

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Rock y Toro - 7 mesi fa

      Sono dello stesso parere, ma mi chiedo perché gli allenatori lo schierano esterno alto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. Garnet Bull - 7 mesi fa

    Chiaramente la mia è solo un’ipotesi, ma io penso che dietro le punte o comunque in tandem con Belotti, con il suo mix di tecnica, velocità e fisico potrebbe tornarci molto utile. In ogni caso so che mazzarri farà la cosa giusta

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 7 mesi fa

      Lo spedirà in qualche campionato minore o in serieb b.
      Uno che non vede la porta, non fa assists… Ancora fatico a capire come mai venga definito tecnico.

      Ha un bello stile, nient’altro, zero efficienza pratica. Va bene per le figurine o per video di 30 secondi, quelli che si è guardato Petrachi, ecco magari se lo porta a Roma

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Granata78 - 7 mesi fa

      Concordo che Boye non sia un esterno ma più una seconda punta/trequartista. Il problema è che nella rosa attuale abbiamo Belotti, Zaza, Jago, Berenguer e Mazzarri ha già detto che Millico verrà inserito. Per due posti da titolare mi sembra che siamo già ben coperti. Poi le vie del mercato sono infinite….

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy