Coronavirus, Speranza: “Il calcio è l’ultimo problema in questo momento”

Coronavirus, Speranza: “Il calcio è l’ultimo problema in questo momento”

Il ministro: “La battaglio non è vinta. Sono un grande appassionato di calcio ma oggi dobbiamo mettere al centro la questione sanitaria e salvare vite”

di Marco De Rito, @marcoderito

“Con più di 400 morti al giorno, il calcio è l’ultimo problema”, così il ministro della Salute Roberto Speranza interviene a a “Circo Massimo” su Radio Capital. Il ministro poi continua: “Sono un grande appassionato di calcio, ma oggi abbiamo altre priorità nel paese. Dobbiamo mettere al centro la questione sanitaria e salvare vite. Ciò lo dico con massimo rispetto per il mondo dello sport e del calcio, in ogni caso lavoreremo affinché a un certo punto si possa riprendere la vita normale”.

“Abbiamo tutti insieme approvato le norme che prevedono che il 4 maggio sia la data per costruire la fase ma occorre avere più sicurezza sui luoghi di lavoro. La battaglia non è già vinta”, specifica Roberto Speranza nella trasmissione condotta da Massimo Giannini. Il ministro rimarca: “Se commettiamo l’errore di pensare che il pericolo sia scampato finiremo per vanificare i sacrifici enormi che gli italiani hanno fatto. Bisogna puntare sul rafforzamento della rete di assistenza territoriale e sui “Covid-hospital”, perché gli ospedali misti moltiplicano il contagio”.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. maxx72 - 4 mesi fa

    Ecco bravo speranza, il calcio è l’ultimo dei problemi. E visto che i numeri sono quello che sono magari sti tamponi non scialaquiamoli per la serie A ma magari usiamoli per medici e infermieri. Solo così tanto per dire.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy