Torino: Siniega, Freddi Greco e Ibrahimi in Primavera da fuoriquota

Torino: Siniega, Freddi Greco e Ibrahimi in Primavera da fuoriquota

News / In base al mercato verranno decisi i 2000 e i 2001 che rimarranno aggregati alla compagine di Cottafava

di Roberto Ugliono, @UglionoRoberto
Freddi Greco Torino Primavera

Il Torino è al lavoro per non doversi ritrovare con troppi fuoriquota in Primavera. La passata stagione è servita da insegnamento e Massimo Bava è al lavoro per piazzare gran parte dei giocatori classe 2000 e 2001 dove possano fare esperienza. Così da concedere ai 2002 di poter trovare i giusti spazi per crescere. Va detto che al momento ancora non si è espresso il Consiglio federale su quanti fuoriquota possano essere a disposizione delle varie squadre. Un anno fa erano 5 (in campo contemporaneamente, di cui uno poteva avere un’età qualsiasi e gli altri nati nel 2000), la prossima stagione potrebbero anche aumentare.

LEGGI ANCHE: Torino Primavera, il 17 agosto la possibile ripartenza. Ma niente Cantalupa

IN USCITA – Per questo al momento Bava sta pensando di regalare a Cottafava una squadra per il ritiro con meno ragazzi del 2000 e del 2001 possibile. Al momento, infatti, sono già stati mandati in prestito Riccardo Ricossa e Marco Garetto al Messina e il prossimo partente potrebbe essere Enrici, per il quale Torino e Sambenedettese sono vicini all’intesa per il prestito. Al momento ci sono richieste dalla C anche per Mattia Sandri, aggregato alla prima squadra dopo il lockdown. Ma in generale sono varie le situazioni di interesse per ragazzi della Primavera, che potrebbero andare a vivere la loro prima esperienza tra i grandi.

CHI RIMANE – Molto verrà deciso proprio in base al mercato. Al momento l’idea generale è di tenere in Primavera Giacomo Siniega, Brjian Ibrahimi, Jean Freddi Greco e Niccolò Moreo. Quest’ultimo verrà valutato, visto che da gennaio era andato in prestito alla Virtus Entella. In teoria questi sono i quattro al momento designati, ma ancora non c’è niente di definitivo. Molto dipenderà dalle uscite e dalle eventuali proposte che potrebbero arrivare ai ragazzi e al Torino. L’obiettivo di Bava è quello di poter consegnare a Cottafava una squadra che non strabordi di fuoriquota e al momento il suo lavoro è proprio incentrato sul trovare le giuste destinazioni dei ragazzi.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. iugen - 2 mesi fa

    Greco io lo farei in prestito. Mi sembra bravino, un anno di professionismo non può che fargli bene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. bertu62 - 2 mesi fa

    Leggo “Bava”, “Bava”, “Bava” un sacco di volte e da un sacco di parti: ma non era mica “quel” Bava che a detta di tutti doveva andar via sbattendo al porta perché trattato a pesci in faccia da Cairo? Non è mica “quel” Bava su cui per settimane tutti i professori di calcio qui sul sito hanno scritto centinaia di Post in cui “spiegavano” il “perché se ne sarebbe andato via dal Toro per non tornarci mai più”?
    Nooooo, sarà un omonimo 🙂 ….
    FV♥G!! SEMPRE!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. al_aksa_831 - 2 mesi fa

      Si vede che non ha orgoglio.
      L’anno scorso chi ha tenuto una dozzina di fuoriquota in primavera? Fabbrini? O Bava che invece di fare un mercato decente per la prima squadra ha preso una barcata di giocatori inutili tipo Markovic?

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy