Le Loro storie, Eugenio Fascetti: “Io sono una persona libera”

Le Loro storie, Eugenio Fascetti: “Io sono una persona libera”

Esclusiva / L’ex mister di Lazio e Toro a muso duro sul razzismo: “I colpevoli fuori a vita dagli stadi. Certi presidenti gettano benzina sul fuoco”

di Marco Parella

Un nuovo modo di raccontare il calcio: quello dei protagonisti. Calciatori, allenatori, dirigenti. Sempre sotto la luce dei riflettori, ma mai veramente compresi o comprensibili. Noi li vogliamo avvicinare ai tifosi e ribaltare il meccanismo delle interviste. Non saremo noi a chiedere, saranno loro a raccontarci un aspetto del mondo in cui vivono. Un tema libero, potremmo dire. Sono i protagonisti stessi della nostra passione a condividere con noi “Le Loro storie”. Senza filtri, senza meta.

Il mister non ha un carattere facile, ma non parla mai a vanvera.
Meglio imprimere bene in mente ogni sillaba, si rischia di imparare qualcosa.

Non è la prima volta che succede. Si ripetono, questi stupidi episodi di razzismo. A cicli, eccoli ancora, ma qui in Italia è così, non cambia mai nulla, ogni volta punto e a capo.

MILAN, ITALY - DECEMBER 26:  Mauro Icardi of FC Internazionale talks to Kalidou Koulibaly of SSC Napoli during the Serie A match between FC Internazionale and SSC Napoli at Stadio Giuseppe Meazza on December 26, 2018 in Milan, Italy.  (Photo by Marco Luzzani - Inter/Inter via Getty Images)
MILAN, ITALY – DECEMBER 26: Mauro Icardi of FC Internazionale talks to Kalidou Koulibaly of SSC Napoli during the Serie A match between FC Internazionale and SSC Napoli at Stadio Giuseppe Meazza on December 26, 2018 in Milan, Italy. (Photo by Marco Luzzani – Inter/Inter via Getty Images)

Fin quando non facciamo come in Inghilterra è inutile chiacchierare. In Premier League ho visto uno tirare una banana a un giocatore dell’Arsenal. Lo hanno preso subito e quello lì allo stadio non ci va più. Mai più. Non un buffetto: quel signore non entrerà mai più nella sua vita in uno stadio. Se non ci decidiamo a usare lo stesso metodo, non si risolverà mai nulla.

Invece qui si parla tanto e sempre a posteriori. Certe persone che stanno nel mondo del calcio dovrebbero riflettere bene prima di dire certe parole, a mente fredda. Sospendere il campionato? Ma per favore. Sospendere le partite quando ci sono i cori? Quindi tutte le volte che c’è un giocatore di colore in campo, due scemi fanno “Bu bu” e l’arbitro fa terminare la partita. Non si gioca più allora.
Facciamola finita, la colpa è una bella donna, tutti la vogliono, ma nessuna se la piglia.

Ai miei tempi anche su queste cose c’era meno clamore mediatico, meno giornali, meno televisioni. I presidenti non parlavano mai, ora sono sempre in prima pagina. E quando qualcuno getta benzina sul fuoco è sempre un casino.

MILAN, ITALY - DECEMBER 26:  A general view during the Serie A match between FC Internazionale and SSC Napoli at Stadio Giuseppe Meazza on December 26, 2018 in Milan, Italy.  (Photo by Claudio Villa - Inter/Inter via Getty Images)
MILAN, ITALY – DECEMBER 26: A general view during the Serie A match between FC Internazionale and SSC Napoli at Stadio Giuseppe Meazza on December 26, 2018 in Milan, Italy. (Photo by Claudio Villa – Inter/Inter via Getty Images)

Noi allenatori siamo abituati a essere nell’occhio del ciclone. Facciamo un mestiere dove qualsiasi cosa fai arrivano le critiche. C’è sempre qualcuno a cui non va bene qualcosa che hai fatto, ma la soluzione è semplice: spalle robuste, tapparsi le orecchie e andare avanti. Di situazioni difficili ne so qualcosa e il tapparsi le orecchie non è un segno di rassegnazione o debolezza: serve a tutelare lo spogliatoio e a continuare il proprio percorso. Me ne sono sempre fregato delle critiche, tanto quando ho fatto bene, qualcuno me l’ha riconosciuto, quando ho fatto male mi hanno mandato via, ma mi hanno mandato via anche quando ho fatto bene, per cui figuriamoci un po’ se do peso alle parole altrui.

Fascetti (a sinistra) sulla panchina del Varese nella stagione 1981-1982, assieme al DS Beppe Marotta.
Fascetti (a sinistra) sulla panchina del Varese nella stagione 1981-1982, assieme al DS Beppe Marotta.

Sono contento di tutto quello che ho fatto: non ho avuto regali, non ho avuto padrini, quello che ho ottenuto l’ho vinto, punto. Non so se meritavo qualcosa in più o qualcosa in meno, sono soddisfatto della mia carriera perché la verità è che io sono una persona libera. Libera di fare quello che ho sempre voluto, libera di andare dove sono voluto andare. Nel mondo del calcio ho trovato persone per bene e altre meno per bene, ma di una cosa sono certo. Io ho sempre fatto scelte libere.

PRECEDENTI PUNTATE

LEGGI: Le Loro storie, Kamil Glik: “Contro la Juve sempre a testa alta, non ci toglieranno mai la fede”

LEGGI: Le Loro storie, Maxi Lopez: “Non ho rimpianti, faccio sacrifici per i miei figli lontani”

LEGGI: Le Loro storie, Fabio Galante: “Le ragazze, come gli allenatori, cambiavano idea su di me solo conoscendomi”

LEGGI: Le Loro storie, Roberto Muzzi: “Io cresciuto per strada, ora penso solo al bene di mio figlio”

LEGGI: Le Loro storie, Valerio Di Cesare: “Io e Kamil mai nemici. Ventura, uno dei migliori”

LEGGI: Le Loro storie, Attilio Lombardo: “Basta essere vice, adesso voglio una carriera tutta mia”

LEGGI: Le Loro storie, Riccardo Maspero: “Tratto i dipendenti della mia fabbrica come giocatori”

LEGGI: Le Loro storie, Cesare Natali: “Gli allenatori vanno controllati, altrimenti rovinano i calciatori”

LEGGI: Le Loro storie, Daniele Arrigoni: “Ho conosciuto davvero i miei figli soltanto quando ho lasciato il calcio”

LEGGI: Le Loro storie, Elvis Abbruscato: “Ero un terrone con un talento immenso, ma cercavo Dio”

LEGGI: Le Loro storie, Antonino Asta: “Sto facendo il giro largo per allenare in Serie A. Io non mi arrendo”

LEGGI: Le Loro storie, Alex Manninger: “Finalmente sono libero dal calcio”

LEGGI: Le Loro storie, Mirko Valdifiori: “Quella volta che io e Iago ci prendemmo a pugni (per finta)”

LEGGI: Le Loro storie, Alessandro Conticchio: “Dopo una sconfitta mi incazzavo troppo per fare festa”

LEGGI: Le Loro storie, Ivan Franceschini: “È la sconfitta dei buoni”

LEGGI: Le Loro storie, Rachid Arma: “Noi figli non potremo mai fare abbastanza per i nostri genitori”

LEGGI: Le Loro storie, Luca Bucci: “Dissi a mio figlio ‘meglio poveri e onesti che alla Juve’”

LEGGI: Le Loro storie, Claudio De Sousa: “Mi ritirarono l’idoneità, ho pensato di aprire un MC Donald’s”

LEGGI: Le Loro storie, Migjen Basha: “Il Toro mi lasciò da solo a curarmi, ma quante risate con Glik e gli altri”

LEGGI: Le Loro storie, Antonio Nocerino: “Preso in giro da Ventura, volevo finire la carriera al Toro”

LEGGI: Le Loro storie, David Di Michele: “Cairo non mi lasciò andare alla Roma perchè…”

LEGGI: Le Loro storie, Andrea Mandorlini: “Io a piedi, Mihajlovic ancora nel giro senza aver vinto nulla”

LEGGI: Le Loro storie, Mauro Bonomi: “Spigoloso, martellante, un Messia. Chapeau, Mondo”

LEGGI: Le Loro storie, Stefano Fiore: “Astori come Moretti, esempi. Valorizziamoli prima che sia troppo tardi”

LEGGI: Le Loro storie, Sergiu Suciu: “Forse non l’avevate capito, ma io tifo Toro”

LEGGI: Le Loro storie, Luca Mezzano: “Tanto, al massimo perdi”

LEGGI: Le Loro storie, Giovanni Margaro: “Perchè noi del Toro siamo diversi da quelli là? Troppo facile”

LEGGI: Le Loro storie, Salvatore Masiello: “Ma quale cocco di Ventura?!

LEGGI: Le Loro storie, Andrea Gasbarroni: “Se non dribbli, cosa giochi a fare?”

LEGGI: Le Loro storie, Alessandro Pellicori: “Ignorante sì, disonesto no. Io sono innocente”

LEGGI: Le Loro storie, Gianluca Sansone: “Lui”

LEGGI: Le Loro storie, Roberto Stellone: “Il lunedì non riuscivo ad alzarmi dal letto, ma il sorriso non l’ho perso

LEGGI: Le Loro storie, Lys Gomis: “Ho fatto pace col cervello, ora sono libero di tifare Toro”

LEGGI: Le Loro storie, Omar El Kaddouri: “Mi prenderei volentieri un giallo per zittire i razzisti”

LEGGI: Le Loro storie, Alessandro Gazzi: “Da giovane non parlavo. Il calcio per ritrovare la gioia di un bambino”

LEGGI: Le Loro storie, Simone Tiribocchi: “Per il bene di mio figlio, non dovrei farlo giocare a calcio”

LEGGI: Le Loro storie, Andrea Mantovani: “Non sono riuscito a essere la bandiera del mio Toro”

LEGGI: Le Loro storie, Benoit Cauet: “Le corse per strappare un applauso io non le facevo”

LEGGI: Le Loro storie, Robert Acquafresca: “Dalle umiliazioni al sorriso, la mia disillusione”

LEGGI: Le Loro storie, Enrico Fantini: “Belotti non ha bisogno di Facebook per essere capitano”

LEGGI: Le Loro storie, Cesare Bovo: “Mi dicevano sempre rotto, io mi sentivo in colpa”

LEGGI: Le Loro storie, Andrea Fabbrini: “Per trovare talenti non basta YouTube”

LEGGI: Le Loro Storie, Alessandro Sgrigna: “Dietro al calciatore c’è l’uomo, rispettatelo”

LEGGI: Le Loro storie, Amauri: “Quegli sporchi minuti di recupero”

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ale_gran79 - 8 mesi fa

    Avete intervistato la persona più sbagliata a proposito di razzismo: Fascetti e’ quello che nel febbraio 2000, dopo un Toro-Bari in cui Diawara (Toro) reagì ad un provocazione di un avversario con uno sputo, disse alla stampa a proposito dei giocatori neri che “e’ meglio che quelli stiano a casa loro, anche perché lo sputo potrebbe essere infetto”.
    Ora naturalmente pontifica sul razzismo, come tutti.
    Personaggio ipocrita e allenatore mediocre.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy