Decameron granata – L’idolo d’infanzia: “Si chiamava Giorgio, veniva da Trieste ed era il mio supereroe”

L’iniziativa / La sedicesima puntata della nostra raccolta di novelle tra i lettori

di Marco De Rito, @marcoderito
Ferrini

Cosa narra il Decameron? Narra di un gruppo di giovani che per dieci giorni si trattengono fuori da Firenze per sfuggire alla peste nera che in quel periodo imperversava nella città, e che a turno si raccontano delle novelle di varie tematiche. Sull’idea di Giovanni Boccaccio vorremmo strutturare qualcosa di simile insieme a voi. Il Decreto #iorestoacasa ci costringerà giustamente a rimanere nelle nostre abitazioni fino al 3 aprile. E allora perché non sforzarci con la memoria e provare a ricostruire alcuni nostri frammenti di vita rigorosamente granata. Momenti che giacciono nella nostra testa, ma potrebbero tenere compagnia e regalare emozioni ad altri “colleghi di fede”. Come Toro News, vorremmo creare un casolare virtuale granata, sull’esempio di Boccaccio, così come le storie che vorremmo che voi condivideste con noi e con tutti gli altri “fratelli” del Torino. Un modo per tenerci impegnati e per liberarci per qualche momento dei cattivi pensieri. Continuiamo dunque con la sedicesima giornata di novelle.

PRIMA PUNTATA – Decameron granata – La prima volta allo stadio: “Al Fila nel ’59, Toro in B ma che bolgia…”

SECONDA PUNTATA – Decameron granata – La prima volta allo stadio:  La prima volta allo stadio: “Quelle emozioni degli anni 70-80”

TERZA PUNTATA – Decameron granata – La prima volta allo stadio: “La ripresa negli anni ‘ 60 “

QUARTA PUNTATA – Decameron granata – La prima volta allo stadio: “L’inizio della sofferenza”

QUINTA PUNTATA – Decameron granata – La prima volta allo stadio: “Il colore granata, il più bello del mondo “

SESTA PUNTATA – Decameron granata – La prima volta allo stadio: “Da quel giorno non ci fu storia, diventai del Toro “

SETTIMA PUNTATA – Decameron granata – La prima volta allo stadio: “Mi sentii parte viva della storia della mia squadra “

OTTAVA PUNTATA – Decameron granata – Derby indimenticabili: “Quel giorno capii cosa significa essere del Toro”

NONA PUNTATA – Decameron granata – Derby indimenticabili: “Si giocava in 12, c’era Meroni”

DECIMA PUNTATA – Decameron granata – Derby indimenticabili: “27 marzo 1983, sembrava di essere in orbita”

UNDICESIMA PUNTATA – Decameron granata – Derby indimenticabili: “Ricordo il ruggito della Maratona e l’urlo di tutti i tifosi”

DODICESIMA PUNTATA – Decameron granata – Derby indimenticabili: “Non vedo l’ora di tornare a gioire”

TREDICESIMA PUNTATA – Decameron granata – Derby indimenticabili: “Quel rosso a Glik…”

QUATTORDICESIMA PUNTATADecameron granata – L’idolo d’infanzia: “Provavo a imitare Pulici nelle rovesciate”

QUINDICESIMA PUNTATA – Decameron granata – L’idolo d’infanzia: “La figurina a colori se ne sta in una pagina aperta per caso”

MANDA LA TUA NOVELLA GRANATA A redazione@toronews. net

Decameron granata: raccontateci il vostro idolo dell’infanzia

Chi era il mio idolo dell’infanzia?
Si chiamava Giorgio, veniva da Trieste ed era il mio Super Eroe.
Si sa come sono i Triestini (vi ricordate di Nereo Rocco?) gente aperta e disposta ad ascoltarti ma gente temprata dalla Bora. Vento freddo, forte ed impetuoso. Giorgio era figlio di quel vento….
Si era Giorgio Ferrini, il capitano dei capitani con un record irraggiungibile di 566 presenze con la maglia granata! I soprannomi si sprecavano: diga, roccia, ma per me era “faccia d’angelo”. Anche se poi in campo tanto angelo non lo era.
Il suo ruolo era centrocampista che sapeva dosare qualità e quantità , ora di giocatori così non se ne vedono più. L’unico che me lo ricorda vagamente è Kamil Glik, guarda caso anche lui capitano. Insomma Giorgio era un giocatore di temperamento. Non era uno che buttava a terra l’avversario arrivando da dietro. No lui lo faceva faccia a faccia pagandone le conseguenze. Me lo rivedo in un derby inseguire uno spaventatissimo Sivori che fuggiva terrorizzato. Quando c’era da menare non si tirava indietro, come nel mondiale in Cile del 1962 dove i cileni ci tesero l’agguato e noi ci cascammo. Giorgio, a causa del suo temperamento, venne espulso e ci rimise, per qualche anno, il posto in nazionale.Ma nel 1968 si rifece perché vincemmo gli europei. Giorgio, con gli altri giocatori di quella nazionale, venne insignito con il titolo di Cavaliare d’Italia!

Quando penso a lui mi rammarico di due cose: la prima è che lui non volle giocare la partita dello scudetto contro il Cesena, nonostante che Radice lo avesse invitato, perché si era ritirato a inizio stagione. La seconda è che mi sarebbe piaciuto che lo stadio comunale portasse il suo nome, per tutti quegli anni che aveva indossato la maglia Granata.
Giorgio è mancato l’8 novembre 1976 a causa di una emorragia celebrale. Gli eroi non muoiono mai per cause naturali. Da allora per me Giorgio e il Toro vivono in simbiosi.
Grande Giorgio. Grande e irripetibile. Ciao e grazie!
Granata per sempre!
Bruno Giorsa.


Il 10/12/2016 andai a Torino con i miei nonni, mio fratello a  vedere il derby.

Il primo giorno andammo a vedere il Filadelfia dove si stavano ultimando le costruzioni.

Fu la prima volta che mi recai e il posto era speciale.

Fu come ripercorrere tutta la storia storia del Torino in un’istante.

La sera, una volta che arrivammo in albergo, parlammo fino alle 3 di come sarebbe stato il derby.

Finalmente arrivò il giorno che aspettavo.

La mattina io mio fratello e io nonno andammo a prendere il giornale è ci fu una scena molto simpatica dove mio nonno fermava tutti quelli che arrivavano al giornalaio e voleva che urlassero Forza Toro. Arrivò un signore juventino e fece una scommessa con mio nonno: chi era più anziano di due doveva dire inneggiare alla compagine avversaria. La vinse mio nonno e il bianconero fu costretto a urlare: “Forza Toro”.

Dopo arrivò il momento di andare allo stadio.

Ogni volta che si arriva al piazzale per me è sempre una gioia.

Non vivendo all’ombra della Mole, per me vedere così tante gente che tifa Toro è impossibile.

Perciò ogni volta che mi reco al Grande Torino è un emozionino indescrivibile.

Entrai allo stadio e mi salirono i brividi.

Il momento più bello è sempre la lettura della formazione e tutto lo stadio che canta l’inno.

La partita iniziò e il Torino non stava giocando male 

Al 16’ il Gallo segna. Lo stadio si trasforma in una bolgia.

Su sei derby che sono andato a vedere quella è che il Toro segnò.

Però come in tutte e sei le stracittadine, anche in quel caso i granata persero per 1-3. 

Finita la gara, delusi per il risultato, ma contenti per l’esperienza passata, assieme siamo tornati a casa. 

Riccardo De Rito


Ho 28 anni ,
in famiglia papà del Toro e mamma Juventina.
siamo nel 1997 ho cinque anni e non sapevo ancora bene per chi tifare.
Mio padre disse “ ti porto a vedere una partita della Juve e una del Toro
poi deciderai tu”

Ottobre ‘97 andiamo a vedere Juve – Fiorentina 2-1
La Juve aveva vinto lo scudetto la stagione precedente 96/97
Stadio pieno grande entusiasmo e nella Juve giocano Zidane,Del Piero,Inzaghi e Conte.

La settimana dopo andiamo a vedere Toro-Venezia.
Il Toro è in serie B da due anni.
Stadio semi vuoto MA LA MARATONA è PIENA
prendiamo 4 gol dal Venezia in quel momento nettamente
più forte. In quel Toro però giocano ASTA,FERRANTE, LENTINI e BRAMBILLA.
Perdono ma lottano come leoni.

All’uscita dallo stadio guardo mio padre e gli dico “ PAPA’ IO VOGLIO ESSERE DEL TORO”.
il DNA prevalente aveva fatto il suo lavoro.

Gualtiero Sabelli da Cumiana.


Continuate a mandarci le vostre novelle sulla mail redazionale (redazione@toronews.net) e, ricordatevi, l’argomento della prima settimana riguarda la vostra prima volta allo stadio. Non dimenticate di firmare l’email e soprattutto continuate a farci sognare e svagare in questo momento complicato per l’intero paese

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy