Grande Torino, un libro al giorno: “Campione per sempre” di Stefano Muroni

Recensioni / Gli Invincibili raccontati tramite la storia di Rubens Fadini, il giocatore più giovane e più dimenticato: sarebbe diventato il nuovo Mazzola

di Redazione Toro News
Figurina-Lavazza-Campioni-Dello-Sport-Fadini-Rubens-100

A 70 anni dalla sua scomparsa, il Grande Torino vive nella memoria di tutti gli appassionati di Toro e di calcio. E 70 anni dopo, è ancora fonte di ispirazione per scrittori, giornalisti, artisti, cantautori. Nella settimana che porta all’anniversario della caduta degli Invincibili, diamo spazio su queste colonne ad alcuni autori che hanno deciso di ricordare Valentino Mazzola e i suoi splendidi compagni, con libri editi nel periodo a ridosso del settantesimo anniversario della Tragedia di Superga.  


 

Quella del Grande Torino è una storia ormai divenuta leggenda. Così come la storia di quegli uomini che diedero forma e spirito a una delle squadre più belle e vincenti che la storia del calcio abbia mai visto. Bagicalupo, Mazzola, Loik e non solo: i volti, le facce e i destini dei grandi campioni che perirono a Superga il 4 maggio 1949 sono scolpiti nella memoria di tutti. O quasi. Perché tra le 31 vittime c’è una storia che in pochi probabilmente conoscono. Quella di Rubens Fadini, il più giovane e il più dimenticato del Grande Torino.

Scorci di vita e molto altro: in “Campioni per sempre” di Stefano Muroni, libro in attesa di pubblicazione, ci si perde nei meandri di una vita fatta di gioie e passioni giovanili, ma anche di guerra e le grandi sofferenze di una vita stroncata troppo presto. Una narrazione che è frutto di un’attenta ricerca storica, da cui tornano alla luce le vicende della vita quotidiana di Rubens, che fin da bambino sognava di diventare calciatore. Un sogno portato avanti oltre le difficoltà, oltre le bombe della guerra, fino alla fabbrica di funivie di Milano in cui andò a lavorare. Arrivando al Grande Torino. Di lui si diceva che sarebbe diventato il nuovo Valentino Mazzola ma, appena ventunenne, Fadini salì insieme ai suoi compagni di squadra sull’aereo Fiat G.21. Una grande storia italiana dimenticata, vissuta attraverso il mito del calcio, il mito del Grande Torino, narrata come se fosse una favola antica raccontata dalla nonna vicino al camino acceso. Per un romanzo che sarà, nelle prossime settimane, disponibile in tutte le migliori librerie.

Grande Torino, un libro al giorno

LEGGI – “Invincibili” di Strippoli-Bramardo (29 aprile)
LEGGI – “Superga 1949” di Culicchia (30 aprile)
LEGGI – “Il Grande Torino” di Matteucci-Ossola (1 maggio)

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy