I cinquant’anni di Tonino Asta: il capitano del Toro e le sue tre vite granata

Mondo Granata / Giocatore, allenatore delle giovanili e la scorsa stagione anche collaboratore tecnico: Antonino Asta festeggia oggi l’importante traguardo dei cinquant’anni

di Alberto Giulini, @albigiulini

ANTONINO ASTA

Cinquanta candeline oggi per Antonino Asta, indimenticabile bandiera granata ormai legato indissolubilmente al Toro. Approdato per la prima volta a Torino nel 1997, Tonino ha trascorso tre diverse vite con la maglia granata addosso. Una volta chiusa la carriera da calciatore, Asta ha aperto la nuova avventura da allenatore proprio sulla panchina delle giovanili granata. L’ultima esperienza con la maglia del Toro, la più recente, ha visto invece il ritorno dell’ex capitano in prima squadra al fianco di Moreno Longo nelle vesti di collaboratore tecnico.

LEGGI ANCHE: Asta: “La mia terza vita al Toro: notti insonni per condurre la barca in porto”

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-14287754 - 2 settimane fa

    sei grande antonino tanti auguriiiiiiii… antonino asta antonino asta antonino asta ale….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. fandangogranata - 2 settimane fa

    Auguri, grande!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. christian85 - 2 settimane fa

    Basti vedere soltanto l’esultanza di Asta in panchina al rigore segnato dal Gallo.. esultò come un pazzo scatenato.

    In quel piccolo frangente, nonostante la sconfitta per mano di 10 giocatori senza palle.. Tonino riuscì a strapparmi un sorriso, malinconico.. di non poter più rivedere giocatori come lui e Ferrante che quando suonavano la carica erano in grado di tenere testa a campioni come Del Piero, Nedvded, Trezeguet…

    Se soltanto oggi, avessero 1/4 della grinta che ha ancora oggi Asta.. vedremmo un altro Toro, per fortuna almeno c’è il Gallo che si danna come faceva lui.. l’unica ragione per seguire il Toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. FVCG-70 - 2 settimane fa

    Grandissimo Capitano Tonino.

    Mai dimenticherò il suo esultare, la sua grinta dopo aver conquistato il rigore del 2-3 nel famoso derby terminato 3-3: spiritato, con gli occhi fuori dalle orbite!
    E il giorno del suo addio al Toro, per una scelta discutibile della società, lo striscione in Maratona “Mai nessuna bandiere senza Asta”.

    Cuore e grinta: Tonino Asta

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy