Berenguer, Millico, Verdi ed Edera: si accende la concorrenza sugli esterni

Berenguer, Millico, Verdi ed Edera: si accende la concorrenza sugli esterni

Il punto / Nel probabile modulo adottato da Longo – il 3-4-3 – sono solo i due posti sugli esterni per i quattro giocatori

di Luca Sardo

Finalmente si torna in campo. Dopo l’assemblea di giovedì, il Governo ha dato l’ok definitivo per riprendere il campionato italiano. Il Torino di Longo potrebbe essere la squadra che scenderà in campo per prima per sfidare il Parma allo stadio Olimpico Grande Torino (ovviamente a porte chiuse) nel match di recupero della venticinquesima giornata di Serie A. Manca ad ora una comunicazione ufficiale che arriverà nei prossimi giorni, quando si saprà con precisione la data e l’ora del primo impegno della squadra granata dopo il lockdown. In vista della sfida con il Parma, si accende la concorrenza sugli esterni offensivi.

UFFICIALE, niente Atalanta-Sassuolo il 19 giugno: Torino-Parma e gli altri recuperi il 20 o 21

CONCORRENZA – Il 3-4-3 ora come ora sembrerebbe il modulo che il tecnico granata Moreno Longo predilige. Un modulo che farebbe nascere una concorrenza spietata per due posti sugli esterni nel tridente offensivo. Al fianco dell’imprescindibile capitan Belotti infatti, l’ex allenatore del Frosinone dovrà decidere chi schierare tra i ragazzi a sua disposizione: Berenguer, Verdi, Edera e Millico i candidati. Due posti per quattro giocatori. Longo prima della sospensione del campionato, nell’ultima giornata di campionato giocata al San Paolo contro i partenopei, aveva provato il tridente offensivo composta da Verdi-Belotti-Edera che – seppur per pochi minuti – ha portato i suoi frutti.

DUBBI – Entrato da pochi minuti Edera era riuscito subito ad incidere nel match nel ruolo di esterno offensivo con un gol inutile ai fini del risultato finale. Dunque è molto probabile che Longo possa riproporre questo modulo anche contro il Parma: resta da sciogliere il dubbio su chi tra i quattro granata affiancherà il Gallo. Ovviamente Longo avrà a disposizione ancora diverse settimane per osservare gli allenamenti della squadra da vicino e scegliere i due giocatori che partiranno dall’inizio. Se la data e l’orario del recupero è ancora in dubbio, su una cosa si può essere certi: solo due dei quattro giocatori sopra citati (Berenguer, Verdi, Edera e Millico) si guadagneranno la maglia da titolare. Arrivati a questo punto, la concorrenza si fa davvero spietata.

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. BO - 1 mese fa

    GIOCANDO OGNI 3 GIORNI FINO AL 2 AGOSTO BISOGNA AVERE RICAMBI PERTANTO TUTTI GIOCHERANNO QUINDI NON POTRANNO ESSERCI TITOLARI FISSI. SPERIAMO NELLA BUONA SORTE PER GLI INFORTUNI.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. maxx72 - 1 mese fa

    Bene cari Esterni e allora datevi da fare perché fino a ora avete fatto un pochino cagare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. bertu62 - 1 mese fa

    La gestione della rosa ossia del gruppo di giocatori a disposizione dell’allenatore è uno dei “punti forti” dell’allenatore stesso, nel senso che uno stesso giocatore “gestito” da un Mister ha un certo rendimento al contrario dello stesso giocatore gestito da un Mister “diverso” dal precedente….Anche noi del Toro abbiamo vissuto sulla nostra pelle questa verità lapalissiana ma spesso, vuoi perché talmente ovvio che spesso ce la si dimentica, vuoi perché “accecati” da risentimenti personali nei confronti del Mister di turno non la si vuole vedere, la “confondiamo” con altri fattori: le sirene di mercato (e quando mai non ci sono per dei giocatori che lo meritano?..), oppure colpe presunte della Società (premi non pagati? promesse di cessione non mantenute?) piuttosto che al contrario “maturità calcistica raggiunta” indipendentemente dalla bravura del Mister o dalla “fame” del giocatore stesso, la voglia di “spaccare il mondo” e “rasare l’erba del campo”….
    Adesso ci saranno, forse, 13 partite in cui i giocatori del Toro avranno la possibilità di dimostrare le cose, quali cose le scopriremo insieme a Loro, in diretta: scopriremo se davvero sono dei brocchi patentati e se il campionato scorso è stato “un incidente”, scopriremo se davvero Mazzarri era “un incapace avvinazzato” oppure se hanno “remato contro”, scopriremo se il capitano HA LE QUALITÀ per essere IL CAPITANO DEL TORO come lo fu Valentino, scopriremo se ci tengono a restare in A e soprattutto “sul mercato” perché se davvero hanno volontà di andare a giocare in “prestigiosi Club Europei” come ha scritto @altoro…
    L’abbondanza in genere non è un problema SE viene gestita bene: avere tanti galli in un solo pollaio QUASI MAI è buona cosa, ed avere 22 titolari per 11 posti fissi NON E’ roba che tutte le squadre si possano permettere AL DI LA’ dei costi evidenti!
    Una stagione calcistica è fatta di un insieme di tante cose: rosa certamente, ma anche dal tecnico e dal Suo staff, dagli infortuni, dal calendario, dalla Società ed i Suoi dirigenti, anche dalla buona sorte…Nel Toro di quest’anno sono venuti a mancare una serie di questi fattori ed altri “si sono nascosti”: ora è tempo di resettare e verificare se gli aggiustamenti fatti strada facendo daranno risultati positivi….
    FV♥G!! SEMPRE!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Fb - 1 mese fa

    Basta criticare Mazzarri

    L‘anno scorso e pure quello prima ha fatto molti bene

    Quest anno e mancata la societa, e lui ne ha subito le consequenze

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. altoro - 1 mese fa

    A tre settimane dal “rush” estivo che decreterà i verdetti finali della stagione agonistica del calcio professionistico nazionale più tormentata dal secondo dopoguerra (in effetti la tragica pandemia è da ritenersi un autentica “guerra” sotto l’aspetto sanitario) la concorrenza sugli esterni da affiancare al “Gallo” Belotti nel reparto offensivo risulta assolutamente spietata e agguerrita.
    Al contrario del suo predecessore l’ottuso tecnico toscano Mazzarri, il “Cuore Toro” Moreno Longo non ha né riserve né tantomeno pregiudizi nella gestione dei giovani, provenienti dalla “cantera” granata e difatti sono assolutamente convinto che Parigini sarebbe rimasto a disposizione nell’organico della squadra granata se lo stesso Longo fosse subentrato al citato tecnico toscano soltanto una settimana prima di quanto realmente accaduto lo scorso Febbraio.
    Pertanto i giovani Edera e Millico ha le stesse “chanches” di essere titolari di quante alla data odierna hanno il costosissimo Verdi, il quale è assolutamente obbligato, sotto l’aspetto professionale e morale, ad offrire finalmente una continuità di rendimento qualitativo delle prestazioni individuali durante questo ultimo terzo del campionato che possa almeno parzialmente giustificare l’oneroso investimento finanziario operato dalla Società per ingaggiarlo dal Napoli la scorsa estate, e del discontinuo tornante spagnolo Berengur.
    Purtroppo l’attuale situazione di classifica del nostro amato TORO è talmente critica nella lotta per la salvezza, che, aldilà degli unici due titolari fissi ossia i calciatori inamovibili, sotto l’aspetto tecnico, ossia il portiere “San Sirigu” e il “Gallo” Belotti, nessun altro componente dell’attuale rosa granata è certo della titolarità.
    A mio parere, aggiungo, che soltanto Ansaldi e Rincon possono avanzare legittimamente la loro candidatura alla titolarità del ruolo specifico essendo dotati rispettivamente di una qualità tecnica individuale e di un animo combattivo che non appartiene alla concorrenza dei compagni di reparto. Ritengo che neppure la coppia centrale del reparto arretrato N’koulou e Izzo possa ritenersi assolutamente inamovibile in quanto il loro rendimento individuale, a questo punto della stagione, si è rivelato assolutamente insufficiente, in particolare se messo a confronto con quello ammirato la scorsa stagione. Personalmente ritengo che l’oggettiva involuzione delle prestazioni di entrambi i sopracitati difensori centrali durante questa stagione sia di natura psicologica, essendo entrambi poco motivati in maglia granate essendo attratti dalle sirene di mercato, la cui destinazione sono prestigiosi Club europei.
    Quindi, a questo proposito, ritengo che sia la coppia di difensori brasiliani Lyanco e Bremer possa contendere la titolarità del reparto arretrato ai citati N’koulou e Izzo.
    Aldilà delle osservazioni personali, naturalmente al tecnico Longo è affidata la responsabilità e la competenza di queste scelte tecnico – tattiche della formazione titolare. Alè TORO !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 1 mese fa

      Avessi mai scritto io un commento simile, a quest’ora sarei già stata “crocifissa” dalla solita “banda dei soliti noti”, o almeno mi sarei di nuovo sentita dare della vecchia sproloquiante, rimbambita, smemorata e incompetente.
      Delirante “pseudo-mamma, nonna, zia, ecc..” di tutti i nostri giovani ex-primavera.
      Rimpiangere poi il buon Parigini sarebbe stata una “vergogna da cui non avrei mai più potuto uscire indenne”!!!
      Per fortuna, e con sommo piacere ovviamente, leggo che un altro stimato co-tifoso ha saputo ben esprimere quelle che che da sempre sono anche le mie idee, e che naturalmente sottoscrivo
      “in toto”.
      Noto poi anche che in molti, a quanto pare, condividono, approvano e positivamente votano il commento di “altoro”.
      Leggere che Mazzarri viene definito
      “l’ottuso tecnico toscano,
      con riserve e pregiudizi nella gestione dei giovani della cantera granata”
      è musica per le mie orecchie…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. altoro - 1 mese fa

        Madama granata, ti ringrazio vivamente per l’attestato di condivisione del mio post. Personalmente ti invito a continuare ad esprimere con assoluta serenità la tua libera opinione personale senza farti condizionare, sotto l’aspetto psicologico, in alcun modo dalle critiche di altri cuori granata che evidentemente hanno scalfito la tua sensibilità umana a tal punto da rimanere offesa.
        In questa ottica ti esprimo profonda solidarietà e ti rammento di considerare che, purtroppo, in ogni forum della Rete in genere è presente una minoritaria componente oggettivamente sessista, la quale si permette impunemente di criticare aspramente e, addirittura, offendere le libere opinioni femminili in genere in nome di un atavico pregiudizio assolutamente fuori luogo. Personalmente in aperta contrapposizione ideologica a questi assurdi e intollerabili pregiudizi nei confronti delle opinioni delle donne in genere, ti incito a continuare ad offrire il tuo contributo all’innalzamento generale del livello qualitativo del dibattito costituito dalla pluralità delle libere opinioni all’interno della vasta platea di tifosi granata, uomini e donne di qualsiasi età e condizione sociale, che rendono in assoluto ToroNews il più grande e importante forum di tifosi granata. Forza Madama Granata ! Alè TORO !

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Madama_granata - 1 mese fa

          Avevo deciso di smettere di scrivere, stufa delle solite sterili ed infinite discussioni..
          Non mi interessano più, se non portano mai nuove idee, se rimescolano e rinvangano sempre e solo le vecchie diatribe, se non accettano “pareri discordi”.
          Scrivere del Toro per me vuol dire scambiarsi opinioni nel rispetto reciproco, condividendo o dissentendo, ma con il diritto di mantenere le proprie idee ferme.
          Per altri, mi sono resa conto, vuol dire soprattutto
          imporre ad ogni costo il proprio parere e “vincere gli scontri”, pena lo scherno e la derisione, celati da una parvenza di ipocrita ironia.
          Ognuno parli per sé, e si affermi sostenendo le proprie ragioni, non sbeffeggiando quelle degli altri.
          Il quanto a “sessisti” hai ragione tu..
          Alcuni accettano di riconoscere i propri errori se sottolineati da altri uomini, non assolutamente da una donna.
          In attesa di nuove, feconde ed oneste discussioni:
          Grazie!

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy