Torino e Cagliari, centrocampi a confronto: senza Nainggolan il gap è diminuito

L’avversario / Gli isolani possono puntare sulle qualità dell’ex Napoli Rog e della rivelazione dello scorso anno Nandez. E occhio all’ex Ajax Marin

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

Senza Nainggolan non è la stessa cosa. Il Cagliari, prossimo avversario del Torino, non è riuscito a riportare in Sardegna il centrocampista belga dell’Inter e il livello qualitativo del centrocampo ne ha risentito parecchio. La squadra isolana è partita in campionato non in maniera splendida, visto il solo punto raccolto nelle prime tre giornate. Una situazione che, peraltro, è simile a quella granata. Ricordando l’ultimo confronto tra le due squadre, quello giocato a fine giugno alla Sardegna Arena e vinto dal Cagliari per 4-2, ciò che fece la differenza fu soprattutto il netto dominio a centrocampo a favore dei padroni di casa, trascinati da un super Nainggolan. Senza il belga, come si è riorganizzato Di Francesco lì in mezzo?

QUALITÀ E VELOCITÀ – Il Cagliari, a centrocampo, dispone di alcuni elementi importanti, che sono stati confermati rispetto alla scorsa stagione. In primis si trova Rog, ex Napoli, che già lo scorso anno ha messo in mostra le sue doti dando grande qualità e quantità in mezzo al campo. Al suo fianco troviamo Nandez, una delle rivelazioni dello scorso campionato, l’uruguaiano che il Torino ricorda bene poichè ai granata ha segnato sia all’andata che al ritorno. L’uomo nuovo è invece Razvan Marin, regista romeno che si è trasferito a Cagliari proprio quest’estate. Il mediano ex Standard Liegi, che alle spalle ha una buona esperienza internazionale pur avendo solo 24 anni, è stato subito posto da Di Francesco come perno del centrocampo a tre. Dietro a questi tre, che sono al momento i titolari, ci sono i giovani Caligara e Tramoni e giocatori come Oliva, Bradaric e Pereiro, che sin qui non hanno dimostrato di poter essere dei valori aggiunti.

LEGGI ANCHETorino, contro il Cagliari attesi i primi progressi e anche i primi punti

IL CONFRONTO COL TORINO – Di Francesco e Giampaolo schierano entrambi un centrocampo a tre, dunque si può presumere che domenica andranno in scena diversi duelli individuali che contribuiranno a indirizzare il match. Se giocherà Meité come mezzala destra, il francese andrà a cozzare contro Rog, mentre sul centro-sinistra il duello potrebbe essere quello tra Linetty e Nandez. I due registi, invece, sono Marin e Rincon, con il romeno sicuramente più a suo agio nel ruolo: a differenza del Torino, il Cagliari ha uno specialista del ruolo. Ma in generale, sulla carta, con la partenza di Nainggolan da una parte e l’arrivo di Linetty dall’altra, il gap qualitativo tra i due reparti pare essere diminuito rispetto alla scorsa stagione.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. lucabenzoni7_8317634 - 2 settimane fa

    Si vince raga daaaiiii …. FT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Nero77 - 2 settimane fa

    Il volpone del giornalaio non ha preso il regista propio perché i sardi non hanno confermato Naingolan!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy