Il “Grande Torino” volta le spalle al club: stadio semi-deserto e chi c’è contesta

Il “Grande Torino” volta le spalle al club: stadio semi-deserto e chi c’è contesta

Il fatto / Durante la gara di ieri sera tanta la contestazione del pubblico granata

di Luca Sardo

Brutta serata quella di ieri per il Torino di Walter Mazzarri che allo stadio Olimpico Grande Torino si è fatto rimontare – dopo esser passato subito in vantaggio al 4′ grazie al destro micidiale di Rincon – dalla Spal di Semplici. Ma a peggiorare il ricordo finale del 2019, oltre al risultato del campo, c’è stato il contesto circostante. L’atmosfera allo stadio è stata prima surreale e poi bollente. Maratona vuota al centro (una protesta annunciata e legata all’intricatissima questione della curva Primavera), certo, ma in tutti i settori c’erano larghi vuoti (quelli in Primavera sono stati colmati da ragazzini delle Academy e della Scuola Calcio). Il dato finale dell’affluenza parlava di poco più di 6400 spettatori paganti.

Torino, la posizione di Mazzarri: salvo sorprese il tecnico non è a rischio

CONTESTAZIONE – C’è una frattura tra il Torino e i suoi tifosi, esisteva già prima della partita e di certo non si è rimarginata dopo. Prendiamo quanto successo in Maratona: i tifosi presenti erano disposti sui lati della curva e, non appena la Spal ha segnato la rete del pareggio con Strefezza allo scadere della prima frazione di gioco, hanno iniziato a contestare la squadra e la società fischiando i giocatori in campo e cantando cori contro Urbano Cairo e Walter Mazzarri. Molti sono stati i fischi all’intervallo per i granata, ma anche durante la partita contumelie verso presidente e allenatore si sono percepite chiaramente; alcuni tifosi presenti in Maratona e Primavera hanno ad un certo punto acceso le torce dei propri smartphone, ad effettuare una sorta di “panolada” moderna. Soprattutto è a fine partita che i tifosi si sono fatti sentire.

RAPPORTO DA RECUPERARE – Esasperazione e avvilimento: questi i sentimenti dominanti tra i tifosi per una stagione che avrebbe dovuto portare un salto di qualità dopo i promettenti segnali della seconda metà del campionato scorso e invece sta vedendo la squadra granata fare il passo del gambero. Starà al Torino trovare nel nuovo anno il modo di trasmettere nuove emozioni ai suoi tifosi e recuperare quella sinergia col pubblico che esisteva fino al maggio scorso e che oggi, a fine 2019, è solo un ricordo.

 

67 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13984311 - 9 mesi fa

    Ma uno che come presidente ha perso 22 derby su 29 come può avere ancora il coraggio di farsi vedere allo stadio? Questo sta riuscendo in quello che un infame di casa agnelli cercó di fare senza esserci riuscito, cioè far sparire il TORO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. altoro - 9 mesi fa

    Ciccio Graziani, ex bomber del TORO dello Scudetto datato Maggio 1976 e attuale opinionista delle reti Mediaset, conosce perfettamente l’ambiente delle Società di calcio professionistico.
    Egli ha sempre ribadito che l’unica e reale forma di contestazione che trasmette un esplicito messaggio alla proprietà di un Club in quanto la penalizza materialmente sotto l’aspetto economico/finanziario è la diserzione assoluta dallo stadio.
    Naturalmente risulta necessario perpetrare con costante continuità tale operazione di “stadio vuoto” affinché essa risulti davvero efficace in modo tale da convincere e quindi indurre la proprietà a porre in vendita la stessa Società, in quanto avverte in modo assolutamente tangibile e concreto il dissenso generale e quindi il vuoto attorno a sé.
    A questo punto, mi domando quanti tifosi sono disposti realmente a reprimere il congenito “Cuore Toro” e quindi rinunciare a recarsi allo stadio per tifare la squadra del cuore in nome del “progetto” di svolta societaria che si sono proposti consapevolmente.
    Nel passato, alcuni anni fa, indicativamente nel periodo della stagione successivo al girone di andata del campionato, ricordo la scena, di cui personalmente fui testimone in quanto accaduta all’ingresso dello stadio relativa ad alcuni tifosi granata, assolutamente delusi e frustrati, sotto l’aspetto psicologico, non soltanto dai risultati sportivi della squadra ma anche in aperta polemica con la Società, i quali erano intenzionati e quindi disposti a vendere a prezzi contenuti ad altri tifosi granata la propria tessera di abbonamento.
    Con l’introduzione dei biglietti e delle tessere nominali dubito che tale operazione risulta ancora fattibile ma mi rivolgo ai lettori tifosi granata di questo forum per chiedere loro quanti effettivamente sono disposti ad attuare la politica della diserzione personale e/o collettiva dello stadio per indurre l’attuale patron Cairo a cedere la mano … . Pertanto, cari fratelli granata, vi pongo il seguente quesito : lo spettacolo assolutamente indegno e vergognoso offerto dalla prestazione di calciatori granata, peraltro assolutamente indegni di indossare quella gloriosa maglia, contro la Spal, ultima in classifica alla vigilia della partita di sabato sera, offre un reale spunto per attuare materialmente la politica di “assenteismo” generale dalle gradinate dello Stadio Olimpico Grande Torino durante le prossime partite casalinghe ? Naturalmente la risposta individuale scaturisce dal vostro cuore e dalla vostra reale fermezza consapevole di provare a indurre Cairo, unico azionista, a cedere la Società TORINO F.c. . Nel nuovo anno soltanto in occasione delle prossime partite casalinghe si avrà la tangibile verifica se i fiumi di parole e di critiche rivolte al patron Cairo su questo forum trovano un effettivo e concreto riscontro allo stadio.
    Fratelli granata, aldilà dell’assoluta libertà di opinione personale, nel frattempo auguri a voi tutti ! Alè TORO !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. VM70 - 9 mesi fa

    Io ho fatto ingresso in curva a partita cominciata.
    Clima funereo, senza tifo, senza Toro in Maratona, senza striscioni. La panolada sapeva esattamente di lumini a morto. Contestazione e fischi.
    La prestazione della squadra non la commento nemmeno.
    Speriamo che la Società si vergogni di averci portato a questo livello.
    Sciopero del tifo e contestazione, sperando che qualcosa cambi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. dattero - 9 mesi fa

    alessandro 69,la societa’ si è stabilizzata,crescita è cosa diversa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ALESSANDRO 69 - 9 mesi fa

      Per essere precisi: la crescita l’ha compiuta nel periodo di Ventura ( eravamo in serie B e siamo arrivati a vincere al S. Mames, se non è crescita questa…) Dopodiché sono daccordo con te , da lì in avanti ci siamo mantenuti su una sorta di limbo da cui non ci siamo più sollevati..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Capitan serpente - 9 mesi fa

    Redazione avete rotto i coglioni ,ok che lavorate x il nasone che aspira al bilderberg ma sarà già il quarto o quinto post che mi cancellate, pensate che la gente non se ne accorge? Dai su fatevi furbi se ne siete capaci……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. paviagranata - 9 mesi fa

    Buffoni….. Vergognatevi tutti, indegni di vestire ed appartenere alla storia del Toro… Cairo sei scappato come un sorcio alla fine della partita invece di commentare la prova della squadra difficilmente migliorabile, Mazzarri vergognoso nelle sue dichiarazioni, ed i calciatori già con le valige pronte per le meritate vacanze milionarie. Complimenti a tutti. Game Over Buon Natale a tutti i tifosi granata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. fabrizio - 9 mesi fa

    ma non si contesta una squadra impossibile da migliorare. non si contesta una squadra che ha perso con le ultime in classica, e che fa segnare gente che non ha mai fatto goal in serie A. d’altra parte siamo ancora nella parte sinistra della classifica, il miglior risultato sportivo della cairese. ingrati!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. ALESSANDRO 69 - 9 mesi fa

    Mi dispiace dover purtroppo prendere atto che la società ha fallito. Pur criticandolo ho sempre sostenuto Cairo perché piaccia o no da quando la prese a oggi non si può dire che non sia cresciuta. Aveva un parco giocatori azzerato, un settore giovanile ridotto alla mediocrità e un appeel sotto i tacchi. Ho letto che Cairo sarebbe peggio dei Cimminelli, Vidulic, Calleri e Goveani; chi lo dice probabilmente ha dimenticato quel periodo, un periodo dove i giocatori letteralmente scappavano da una società ridotta a un rottame in perenne ritardo con gli stipendi e che organizzava teasferte in pulman per risparmiare sui biglietti dell’aereo e sui pasti tagliava pure sul dolce. Nessuno voleva venire al Toro perché si sa : le voci nel calcio girano…. Da molti anni la società è economicamente solida e appetita dai giocatori che vi approdano senza alcuna reticenza . Non riconoscere questo è ingiusto…Tuttavia io oggi sto con chi diserta lo stadio. È sconcertante tutto ciò. Quel che mi addolora non sono le sconfitte o il fatto di non aver alzato coppe al cielo, non me ne frega un cazzo ( in tutta la mia vita l’ho visto vincere uno scudetto e una coppa Italia..),bensì la certezza di una società dove la disorganizzazione è totale e imbarazzante, un organigramma ridotto all’osso e scarsamente competente. La mancanza di una sede decente, lo stallo del Robaldo ( uno che possiede RCS i permessi se li fa dare in mezzora se vuole…)Il Filadelfia da completare ecc.
    Ecco perché ritengo Mazzarri più vittima che colpevole, perché lui come chi l’ha preceduto ha sempre dato la sensazione di essere abbandonato dalla società stessa che lo ha ingaggiato..Una società assente nei momenti importanti. Ad esempio in un momento delicato come questo sarebbe fondamentale da parte dei dirigenti prendere una posizione ufficiale con i media, stare vicino alla squadra,anche usando il bastone, proteggere il tecnico oppure cambiarlo se lo ritiene opportuno ma dare segnali concreti e trasmettere a tecnico e giocatori le proprie ambizioni e i propri obiettivi. Invece il silenzio assoluto ed è un silenzio troppo assordante talmente assordante da aver esasperato anche i tifosi più pazienti…Signor Presidente lei 15anni fa decise di diventare proletario del TORO, il suo credito è terminato e approfitto per ricordarle che all’ epoca ” salvando ” il Toro lei implicitamente si assunze l’onore di salvaguardare e riportare dove merita il nostro blasone soprattutto per il rispetto della nostra storia, che è anche un pezzo di storia del 900 del nostro paese. Non so perché lo fece ma quel che so’ è che nessuno le puntò una pistola alla tempia costringendola a compiere quel passo…..Buon Natale a tutti i fratelli Granata.. FORZA TORO SEMPRE E COMUNQUE..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RossoSangueGranata - 9 mesi fa

      Ricambio gli auguri di Buon Natale, ma se non hai ancora compreso chi è veramente Cairo e il perchè è venuto a Torino, allora sei proprio un ingenuo.

      Eppure lo abbiamo detto e ridetto, scritto e riscritto più di un milione di volte, questo motivo.

      L’acquisto dei resti del Torino Calcio era solo un mezzo per raggiungere il suo vero scopo di imprenditore editorialista, diventando così il giullare a servizio della famiglia Agnelli.

      Ed il suo padrone zebrato gli ha detto chiaro e tondo che, se voleva prendersi il Gruppo RCS, del Toro e dei suoi Tifosi non doveva restare più nulla, che dovevano essere cancellati dalla faccia della terra e dal ricordo di tutti.

      Può un serpente velenoso promettere alla sua vittima di lasciarlo vivo e di non ucciderlo per poi divorarselo?

      Così sono le false promesse di Urbano Cairo.

      Bisogna annientarlo e distruggerlo, per il bene del Toro e dei Suoi Tifosi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Maroso - 9 mesi fa

        @Alessandro condivido uello che dici e contraccambio gli auguri. Aspetto solo che si posi la polvere, comunque sia, con la speranza che si possa ragionare, finalmente, e costruire qualcosa di nuovo.
        FVCG.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. ALESSANDRO 69 - 9 mesi fa

        Io sicuramente sarò ingenuo ma credo che nessuno conosca veramente Cairo. Che a Torino ci sia una latente volontà di annientare la nostra Squadra lo disse Giraudo con la celebre frase ” a Torino 2 squadre sono troppe ” , che addirittura lo si baratti con l’acquisizione di RCS se permetti mi sembra alquanto inverosimile. Che noia ha dato mai la nostra Squadra negli ultimi 25 anni agli zebrati?? Mettere la sua distruzione come condizione per permettere la scalata a un gruppo come RCS mi sembra un po’ sproporzionato. Auspico sicuramente un cambio di proprietà sperando di non cadere dalla padella alla brace ma mi dissocio da usare termini come ” distruggere ” e “anninentare” …siamo parlando di sport non di guerra….

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. RossoSangueGranata - 9 mesi fa

          Vedo che non conosci bene la Nostra Storia, specialmente quella degli Invincibili i quali, con le Loro Gesta, furono gli artefici della rinascita dell’Italia del dopoguerra, dell’Orgoglio Italiano, di un Intero Popolo che, grazie a Loro, rialzò la testa dopo tutto il terrore vissuto con il fascismo e con la guerra.

          E questo ha scatenato l’odio degli Agnelli, i quali giurarono di annientare il Torino Calcio e la Sua Storia a qualunque costo.

          In effetti sei troppo giovane per conoscere queste cose.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. ALESSANDRO 69 - 9 mesi fa

            Si vede che non conosco la storia..

            Mi piace Non mi piace
    2. ddavide69 - 9 mesi fa

      Cairo ha preso il toro senza parco giocatori perché semplicemente ha speso zero e ha aspettato il fallimento. Cosa si pretende , avere la rosa al completo senza metterci in soldo? È come comprare un appartamento al costo dell affitto di un mese. Il nostro presidente si è guardato bene dal coprire la fideiussione da dieci milioni per iscriversi alla serie a ee versare i circa 18 di debiti, avesse fatto questo avrebbe avuto una rosa da bassa classifica, con alcuni ritocchi ci si poteva salvare …invece…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ALESSANDRO 69 - 9 mesi fa

        Sono daccordo con te, lo ha preso praticamente gratis ma lui lo ha fatto, di altri imprenditori nemmeno l’ombra…Il Toro non faceva gola nemmeno a gratis..Ora io mi chiedo e chiedo a tutti voi: se non faceva gola a gratis come può far gola oggi che comunque ha un certo valore???È una domanda non polemica con voi fratelli Granata, sia chiaro, è una domanda che mi inquieta tantissimo, questo sì..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Il_Principe_della_Zolla - 9 mesi fa

          Vatti a rileggere la storia di quei giorni scritta e raccontata da chi salvo’ il Toro, l’avvocato Marengo. Vai a vedere se non c’erano altri imprenditori o cordate, e come il Nostro fu, diciamo cosi’, colui che fu ammesso alla trattativa, mentre altri non trovarono, diciamo cosi’, terreno favorevole.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. ALESSANDRO 69 - 9 mesi fa

            Chi sono gli ” Altri ” che non trovarono terreno favorevole????Io ricordo solamente un tale Giovannone, personaggio ambiguo amico di Lotito…Il resto io non ne ricordo altri, mi aiuti per favore???

            Mi piace Non mi piace
    3. Bischero - 9 mesi fa

      Bravo. Ottimo intervento.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. ddavide69 - 9 mesi fa

      Alessandro, guarda , prendere una società prima di un fallimento, senza avere chiare le carte, con l unica certezza di dover mettere dei soldi un po’ al buio, proprio perché i tempi e i termini per poterlo fare erano molto pressanti , richiedevano un po’ di coraggio e alcuni rischi. Nessuno lo ha fatto ,nemmeno Marengo che peraltro probabilmente non aveva neppure le disponibilità economiche, però un conto è vendere e o trovare un acquirente in una settimana disposto a tirare fuori circa 18 milioni e farsi bloccare beni per 10 per la fideiussione sperando di non trovarsi altre sorprese, un un’altro conto è pianificare una vendita con tempi adeguati e cercare un acquirente serio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. IlGrandePolicano - 9 mesi fa

    Cairo VATTENE!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Maroso - 9 mesi fa

    Scusate, Signori che sapete tutto dello stadio, mi spiegate chi sono i Torino Hooligans raggiunti da 75 Daspo e con indagini in corso a cui lo Stadio avrebbe dato solidarietà ieri sera?
    Partiamo dal nome: perché si sono chiamati così? Hanno qualcosa a che fare con gli Hooligans inglesi?
    Chi era dietro le bombe di carta dopo Genoa – Torino, c’entra qualcosa con costoro?
    Di che reati si sarebbero macchiati?
    Faccio queste domande perché se sono i bravi ragazzi che dite, anche io porterò solidarietà. Diversamente no.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. IlDadoDelToro - 9 mesi fa

      Cominciamo così : lei è una brava persona? Se sì risponderò alla sua domanda, altrimenti no!
      Come vede il discorso è molto più ampio, non è questione di bravi ragazzi o meno, ma di ingiustizie.
      Io sono intervenuto in tantissimi articoli che trattavano l’argomento. Per farsi un’idea vada cercarli, ci sono anche commenti di tifosi molto interessanti per comprendere l’accaduto.
      Buone feste e Forza Toro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. prawn - 9 mesi fa

    “Walter Mazzarri si è sentito in discussione dopo il crollo del suo Torino contro la Spal, una settimana dopo aver pareggiato da 3-0 a 3-3 contro il Verona. Secondo Sky Sport il presidente Urbano Cairo ha deciso di confermare Mazzarri alla guida del Toro. Una scelta maturata nella notte e garantita in mattinata, Walter rimane al timone nonostante la delusione attorno a lui sia tanta e la tifoseria abbia iniziato a contestarlo. ”

    mamma mia che schifo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 9 mesi fa

      Ho il voltastomaco

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. RossoSangueGranata - 9 mesi fa

    Atalanta, solidarietà dei tifosi ai ‘daspati’ del Torino
    Striscione appeso fuori dalla Curva Sud del Gewiss Stadium
    22.12.2019 14:50 di Redazione TMW Twitter: @TuttoMercatoWeb

    (ANSA) – BERGAMO, 22 DIC – I tifosi della Curva Nord dell’Atalanta, giunti al Gewiss Stadium per il lunch match contro il Milan, hanno espresso solidarietà agli ‘Hooligans Torino’, colpiti da 75 Daspo lo scorso 11 dicembre. “Un esperimento sociale per uccidere un ideale vero e passionale. Vecchi granata non mollate!!!”, recita lo striscione esposto in viale Giulio Cesare all’angolo con la zona prefiltraggio e tornelli della Curva Sud dello stadio di Bergamo. (ANSA).

    Cairo, sei fottuto: ormai ti conoscono tutti e tutti sanno che la sceneggiata che hai messo in piedi, con la connivenza e complicità di “altri” per distruggere i Veri Ultras Granata e i Veri Tifosi Granata ti si è ritorta contro.

    Il tuo tempo a Torino è finito, alza i tacchi e vattene: sei su una polveriera con la miccia già innescata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mestregranata - 9 mesi fa

      Solidarietà da tifosi avversi ai nostri colori fa capire tutto. Il tifo non deve essere soffocato dalla società e quest’ultimo deve essere passione e non violenza.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. IlDadoDelToro - 9 mesi fa

        Esatto, ho applaudito i tifosi Spallini che ieri sera hanno aderito a 10 minuti di silenzio, e il primo coro che hanno intonato è stato “liberate gli ultras”.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. rampanti-vatta - 9 mesi fa

    Potrebbe esserci il Toro al posto della Lazio, invece guarda dove siamo.
    La Lazio stasera ha per l’ennesima volta bastonato i ladri e lotta per lo scudetto e noi?
    Metà giocatori della Lazio erano degli sconosciuti e ora viaggiano… Lotito ha a fianco Tare, che di calcio capisce e noi? Hanno promosso dalla primavera Inzaghi che era nessuno e ora?
    La mia impressione è che il presidente non sa cos’è il Toro, non ha competenti attorno, non costruisce il settore giovanile, altro che ciliegina sulla torta. Grazie ai ragazzi che si impegnano Gallo, Ansaldi, Sirigu, Rincon e grazie soprattutto ai tifosi che amano sempre il Toro, ma tutti noi rivogliamo il Toro.
    Con Nkoulou chissà cosa hanno combinato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. user-13953968 - 9 mesi fa

    Ancora ….basta non scriverò mai più
    siete falsi come il vostro presidente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. subcomandante - 9 mesi fa

    Cairo gaute da le bale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Daniele abbiamo perso l'anima - 9 mesi fa

    Vorrei che la redazione rendesse noto che dopo la solidarietà della Fiesole allo scempio perpetrato ai TH in Primavera. anche i rivali dell’Atalanta hanno esposto un grande striscione in favore degli ultras granata daspati con la “trappola” perpetrata da Cairo.
    Così, tanto per far almeno insospettire che la contestazione Non è proprio campata in aria e non riguarda solo i deludenti risultati sportivi.
    È in atto uno smantellamento degli Ultras Granata. Quelli veri che tutto il mondo del calcio invidiava

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. NEss - 9 mesi fa

      Il mondo ultras, non il mondo calcio. Non necessariamente la stessa cosa

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. IlDadoDelToro - 9 mesi fa

        Per smantellare il mondo del calcio bisogna smantellare il potere degli Agnelli… E non stiamo parlando di quisquilie, quindi il suo commento? Poco comprensibile, perché come hanno capito anche i bergamaschi, la passione è l’ultimo baluardo in difesa di valori legati allo sport, alla partecipazione, alla condivisione, alla appartenenza, in contrasto con business, soldi, spettacolo preconfezionato, sopraffazione, magheggi finanziari e corruzione. Insomma, in poche parole, l’atavica dicotomia Torto / gobbi.
        A tal proposito le consiglio la lettura del bellissimo articolo di di Weatherhill.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. IlDadoDelToro - 9 mesi fa

          Atavica dicotomia Toro /gobbi, scusate l’errore di battitura

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Daniele abbiamo perso l'anima - 9 mesi fa

      Giusta precisazione: allora diciamo che intendevo entrambe le definizioni.
      Quando la maratona era la Maratona che tutti ci invidiavano. Nel calcio e tra gli ultrà

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. RossoSangueGranata - 9 mesi fa

    Se qualcuno pensa ancora che gente come Vidulich, Goveani, Calleri, Cimminelli e Romero fossero stati il peggio, sta prendendo un grosso granchio.

    Urbano Cairo, il clown ammaestrato degli Agnelli e tutti i suoi burattini e lacchè, costituiscono il vero e unico Male con l’unico scopo di uccidere ed annientare quel che resta del Toro ma, soprattutto, i suoi Tifosi.

    Ci vuole divisi, ci vuole sbandati, ci vuole l’uno contro l’altro, ci vuole colpire nell’Amore più Caro e Dolce che possediamo, che abbiano nel Cuore e nell’Anima, vale a dire l’Essere Granata sino al Midollo, per gli Invincibili, per la Nostra Storia, Blasone, per il Nostro Toro.

    Non fermiamoci adesso: stadio vuoto, Filadelfia presidiato sino a che non verranno aperti i cancelli ai Tifosi per tutti gli allenamenti settimanali, contestazione legale, civile, ferma, sotto quella topaia di Via dell’Arcivescovado che qualcuno ha il coraggio di chiamare Sede, richieste di interrogazioni in Comune per il mancato avvio dei lavori al Robaldo e per il completamento dei Lotti n. 2 e n. 3 del Filadelfia, ora in stato di abbandono, coordinamento e ribellione da parte di tutti i Toro Club d’Italia nei confronti di Cairo e della società, denunce a Cairo e alla società per quanto avvenuto in Curva Primavera, a seguito della vendita dei biglietti rimasti agli ultras interisti, da parte delle persone coinvolte, nonché tutto ciò che sia umanamente, civilmente e legalmente possibile per togliere di mezzo questo mercenario milanista.

    Qui o ci diamo una svegliata, tutti insieme uniti e compatti nel distruggere ed annientare questo mascalzone, oppure per noi ci sarà soltanto più l’oblio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. faina76 - 9 mesi fa

    Aspettiamo con ansia il prossimo sondaggio, le prossime partite sono alla portata,quante ne vinciamo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. user-13953968 - 9 mesi fa

    Non vale tagliare i post
    Sono quello vicino alle 60 primavere
    CAIRO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. marione - 9 mesi fa

    Ma voi non vorreste mica avere un presidente come Lotito vero? Siamo ben fieri di avere uno serio e onesto come ciro il mandrogno, che sta migliorando di anno in anno…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. ToroMeite - 9 mesi fa

    Tanto per rendere il (pur semplice) concetto:
    chi semina venti (ed ormai fin da troppi anni) prima o poi raccoglie tempeste.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. marione - 9 mesi fa

      Raccogliesse blackstone in testa, metto fuori la bandiera del Toro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. Toro Forever - 9 mesi fa

    Cairo ha immaginato Mazzarri come il “continuatore” di Ventura. Un normalizzatore in grado di ottenebrare le menti dei tifosi, condendo il nulla con una ridicola sequela di “direi bene”. Un Valium sportivo in doti massicce. Tutto “farlocco”. Forse per un milanista è anche troppo. Ma noi siamo tifosi del Toro. E non ci rassegnamo. SSFT!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. user-13953968 - 9 mesi fa

    Sono prossimo alle 60 primavere ma questa dirigenza mi sta facendo passare la voglia di Toro allo stadio …al cuore non si comanda, ma soldi non gliene darò più dopo oltre 45 anni di abbonamenti …FVCG
    CAIRO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. fedy - 9 mesi fa

    Non è il pubblico che volta le spalle è la società stessa che lo fa da anni e anni , finalmente meglio tardi che mai la gente sta aprendo gli occhi, capisco un abbonato che paga per una stagione intera e magari anche solo per inerzia va allo stadio ma chi di spontanea volontà compra un biglietto oggi è complice di questo fallimento chiamato cairese fc.
    L’unico interesse che ha urbano (minuscolo inteso come rifiuto urbano umido) è quello di mantenere la categoria e leccare il culo a monociglio per scopi imprenditoriali noti a tutti, lo si manderà via solo disertando lo stadio ad oltranza, non servono cori striscioni petardi ecc., sarà costretto a dare mandato di vendita a una qualsiasi società di intermediazioni per trovare un nuovo acquirente, poi si vedrà, è un indegno e basta, incompetente come pochi, la sua unica fortuna è stata Petrachi, via lui l’inizio della fine e il peggio deve ancora venire, già dalla prossima trasferta a Roma guarda caso proprio dove risiede l’ex ds subiremo l’ennesima umiliazione stile Lazio, morale campionato finito alla befana.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. Sempretoro - 9 mesi fa

    Mimmoooooo? Dove cazzo è quella merda di Mimmo 1975? E tutti quelli come lui? Ci dite cosa deve succedere per cacciare ste merde?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. FORZA TORO - 9 mesi fa

    bravi andate allo stadio a contestare,merde

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Toronelcuore74 - 9 mesi fa

      Ma tu sei tifoso del toro, o sei il solito coglione gobbo, che decide di sfottere in lidi che non gli appartengono. Mi sa che stavolta l’ hai fatta fuori dal vasino, e la merda sei tu. Piciu

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ddavide69 - 9 mesi fa

      Ma infatti allo stadio proprio non bisognerebbe più metterci piede.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. TOROPERDUTO - 9 mesi fa

    Bè ognuno raccoglie quel che semina… Questo dovrebbe fare riflettere la società, ma con la presunzione non si riflette.
    Cairo sta sbagliando tutto mi sembra un dato di fatto ineccepibile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Andrea63 - 9 mesi fa

      È finita signor Cairo se ne faccia una ragione la sua è stata la peggiore gestione sportiva che io ricordi e il Toro lo seguo dagli anni 70,è riuscito a dividere una tifoseria che seppur con le sue disgrazie è stata sempre unita come un pugno…. L’ultima vicenda della curva è emblematica a lei dei tifosi e delle persone non interessa nulla è quindi è giusto che il vero tifoso non la rispetti più!!! SE NE VADA!!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. sergiovatta - 9 mesi fa

    Riprendo e sottolineo quello che qua sotto è già stato detto da altri.
    Il grave non è tanto non vincere mai niente. Il grave, il gravissimo è vedere una tifoseria, un popolo orgoglioso e unico ormai svilito, umiliato costantemente, allo stremo. Il grave è arrivare a 55 anni e non aver più voglia di andare allo stadio, non avere più voglia neanche di vedere la partita in tv.
    il grave è rendersi conto che se non cambiamo, tra qualche anno non ci saremo più.
    Tristezza infinita.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. abatta68 - 9 mesi fa

    Se si vuole vendere il calcio come spettacolo, allora fatecelo vedere sto spettacolo, perché altrimenti la gente mancini gratis vi viene più a vedere! Solidarietà a tutti quelli che hanno fatto l abbonamento… rimborsare grazie!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. sergiovatta - 9 mesi fa

    Vogliamo farci del male? Parliamo un attimo del tanto criticato Lotito? Criticato, contestato….tutto quello che vogliamo. Antipatico, dittatore, importatore di badanti rumene….ecc. Però la Lazio ha un progetto, è ormai costantemente in alto in classifica, riesce a tirare su qualche coppa, insomma, quello che vorremmo(dovremmo) fare noi, per storia, blasone, tifosi, ecc. E non credo che le finanze di Lotito siano tanto superiori a Cairo. E’ una questione di volontà, di passione, di voler crescere.
    Insomma, anche per questi paragoni impietosi, la gestione Cairo è fallimentare. Game Over. Meritiamo sicuramente di più.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Il_Principe_della_Zolla - 9 mesi fa

      Condivido al 100%. Lotito al confronto di Cairo è un genio, ed è tutto dire.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. jimmy - 9 mesi fa

      Io cerco di guardare il meno possibile squadre come Lazio, Atalanta, Cagliari perchè penso che anche noi potremmo avere quello che hanno loro e invece ci dobbiamo accontentare del settimo posto ogni 5 anni. E sono 15 anni che Cairo è qua.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Torello di Romagna - 9 mesi fa

      Vero , però ha anche la protezione della politica e come squadra della capitale , dove non c’è un club che prevarica sull’altro , ha ottenuto la spalmatura dei debiti in 23 anni per esempio invece di fallire e ripartire dalla serie D .

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ddavide69 - 9 mesi fa

        Se sei veramente indipendente e non devi chiedere favori a nessuno ,non c e bisogno di protezioni, c e invece bisogno di circondarsi di gente seria e capace, c è bisogno di tirare fuori ogni tanto soldi veri di tasca propria.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. alexku65 - 9 mesi fa

    E mentre la Lazio festeggia l’ennesima super coppa pur avendo un presidente macchietta, meno importante dal punto di vista patrimoniale del nostro piccolo presidente ma che ha saputo e voluto investire, noi siamo qui a celebrare l’ennesimo anno di mediocrità assoluta. Mi domando solo agli occhi dei nerd che vedono ancora questa squadrettacone la più forte del mondo se solo vivessimo un anno , uno solo, come la Lazio o l’Atalanta che ancora questi personaggini dal cuore tenero e cervello molle considerano e trattano come delle formazioni di serie C

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. palmiro - 9 mesi fa

    Lazio, Atalanta, Cagliari…tutti pieni di miliardi?
    Cairo VATTENE!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  33. Immer - 9 mesi fa

    Non se ne può più di questo presiniente vattene facci sognare. Adesso finché non venderà il toro nessuno allo stadio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  34. Furbanetto - 9 mesi fa

    SVENDI

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  35. Andyyytoro - 9 mesi fa

    METTA UFFICIALMENTE IL TORO IN VENDITA vediamo se qualcuno si presenta
    Intanto via Mazzarri
    Siamo stufi davvero chi pensa il contrario è semplicemente uno sportivo ( voglio essere carino)e NON un tifoso del TORO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 9 mesi fa

      Aggiungerei : ad un prezzo congruo. Le sparate tipo 250 milioni pur valendoli magari sulla carta sarebbero davvero come dire non voglio vendere. E poi sinceramente se lo vendesse anche solo a 100 ,sarebbero 100 milioni in più di quanto lo pago’

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  36. jimmy - 9 mesi fa

    È un buon segnale, significa che Cairo è sempre più solo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  37. alexku65 - 9 mesi fa

    È l’unica via per spingere cambiamenti che naturalmente non verranno mai. Cairo che si è sempre atteggiato come uno dei furbetti del quartiere deve prestare molta attenzione ai danno direttone indiretti che l’incapace seduto in panchina sta determinando. Capisco che mandarlo via dopo aver dato ogni colpa al precedente allenatore e avendo abbracciato questo come il colpo del secolo è difficile e dimostra di non capire un granché però magari gli aspetti più strettamente economico lo convinceranno presto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  38. Il_Principe_della_Zolla - 9 mesi fa

    Cairo lascerà solo macerie, e sarà ricordato per quello che è, uno dei peggiori presidenti della storia granata, affossatore e distruttore di storia, tradizioni e sentimenti. Un popolo orgoglioso allo stremo, diviso, disilluso, deluso, che deve trovare la forza di assestargli un potente e decisivo calcio nel culo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy