Le tre sentenze di Torino-Cagliari 1-1: il gioco non c’è, la reazione sì

Le tre sentenze di Torino-Cagliari 1-1: il gioco non c’è, la reazione sì

Le verità del match / Con i sardi si è rivisto il “vero” Nkoulou

di Luca Sardo

TRE SENTENZE 

Il Torino di Walter Mazzarri pareggia in casa contro il Cagliari di Rolando Maran e raggiunge quota 11 punti in classifica. C’è stato un miglioramento della squadra dal punto di vista della grinta della lotta, una reazione nervosa avvenuta nel secondo tempo che dimostra che i granata sono ancora vivi. Problema confermato nel match contro i sardi è sicuramente l’assenza di un gioco convincente che in questo momento latita del tutto, probabilmente anche a causa della mancanza di fiducia. Nota positiva della gara è il ritorno del “vero” Nkoulou: il difensore camerunese sembra aver ritrovato la migliore condizione, un’ottima notizia per il tecnico toscano. Ecco le tre verità che il match ci ha lasciato.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Alex70 - 10 mesi fa

    Ma il redattore obiettivo dove vive, cosa ha visto ?
    dai facciamo i tifosi a obiettivi a chi ci tiene al TORO per favore alziamo la voce
    concordo con quanto scritto da suoladicane

    in sintesi le tre sentenze sono:

    MAZZARRI VATTENE VIA
    MAZZARRI HAI TOTTO
    MAZZARRI ORA BASTA

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. suoladicane - 10 mesi fa

      non hai capito il senso del mio post

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. suoladicane - 10 mesi fa

    LE TRE SENTENZE, scritte dal redattore obiettivo

    1. gioco: il gioco continua a latitare, nonostante i continui esperimenti, i cambi di modulo, i giocatori messi in ruoli diversi a quelli loro più congeniali, a testimonianza che il mister ancora non ha trovato il bandolo della matassa, molto grave visto che i 14 di base sono gli stessi dello scorso anno e si sono giocati 15 incontri ufficiali
    2. approccio: nonostante il lavoro svolto in settimana, la squadra pare organizzata e convinta dei propri mezzi solo nei primi minuti del primo tempo, poi emergono gli errori di sempre, occorre lavorare molto sulla testa e qui già detto e ridetto occorrerebbe affidarsi ad un professionista
    3. individualità: non si può prescindere dal Gallo tutte le azioni pericolose passano da lui, e da Sirigu che anche oggi si distingue, tutti gli altri si nascondono un po’ troppo, segno di insicurezza e scarsa maturità; continua a mancare un leader a centrocampo
    MAZZARRI VATTENE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. GlennGould - 10 mesi fa

    Reazione? Perché abbiam pareggiato e poi attaccato 5 minuti?
    Ma scherziamo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. mavri - 10 mesi fa

    Ma quindi un´azione solitaria del solito Belotti rappresenta per voi una reazione??
    Dopo il pareggio a parte 3 minuti abbiamo nuovamente piú subito che attaccato. Bella analisi da chi ha visto solo il tabellino della partita…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy