Meité e Aina, la panchina funziona: contro il Napoli segnali di ripresa

Meité e Aina, la panchina funziona: contro il Napoli segnali di ripresa

Focus on / La panchina gli ha fatto bene, ora possono tornare utili alla squadra

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

Le scelte di Mazzarri premiano chi è in forma e penalizzano chi non è brillante. È stato questo il motivo per cui, dopo tante partite da titolari, Ola Aina e Soualiho Meité sono finiti in panchina nel match contro il Napoli. Entrambi si sono riscattati a gara in corso entrando con un altro spirito rispetto a quello che avevano dimostrato nelle gare precedenti (Parma soprattutto). Due giocatori fisici come il 23 e il 34 fanno più fatica ad entrare in forma e le molte gare disputate da luglio hanno influito sicuramente sul loro rendimento. Ora, un po’ di riposo sembra avergli fatto bene e con la sosta la condizione fisica e mentale non può che migliorare.

 

NUOVO INIZIO – Per Meité, i 20 minuti disputati contro il Napoli sono un nuovo inizio. Il francese ha avuto un ottimo impatto sulla gara, ha sfiorato il goal e ha contribuito ai tentativi offensivi del Toro. Lo testimoniano i numeri: 5 passaggi positivi in 19 minuti giocati, 8 duelli vinti e 3 palloni recuperati. Mazzarri lo considera importantissimo nell’economia della squadra e si aspetta conferme dalle prossime partite.

CONTROPIEDE – Non come Meité, ma anche Aina ha avuto un impatto positivo sulla partita. Nota dolente quel contropiede due contro due sciupato nel finale: un’ottima occasione vanificata da Allan che l’esterno granata poteva sfruttare molto meglio. Detto questo, le amnesie delle ultime partite dovranno essere un ricordo se Aina vorrà tornare titolare nel Toro. Laxalt spinge e Ansaldi è inamovibile ma il nigeriano si giocherà le sue carte.

13 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13773864 - 1 settimana fa

    Meité ha provato ad essere meno lento ed indolente del solito, ma appena ha accelerato il passo ha perso palla. Se ci sono acquirenti, si può vendere senza rimpianti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. GlennGould - 1 settimana fa

      Ma non scherziamo. Questo è talento puro. Bisogna solo lavorarci ancora un po’ sulla testa.
      Cederlo a gennaio sarebbe una mossa di una incompetenza senza precedenti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ToroMeite - 1 settimana fa

        Concordo. Meité puó essere ancora molto utile al Toro. Cederlo a gennaio sarebbe un grave errore.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. GlennGould - 1 settimana fa

    I segnali da Aina, io non li ho proprio visti, se non che si è fumato un contropiede potenzialmente pericolosissimo a nostro favore. Domando, a chi invece li ha visti, quali siano. Su Meite concordo con l’articolo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. drino-san - 1 settimana fa

    Aina avrebbe solo bisogno di giocare con continuità nel suo ruolo naturale di terzino destro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. toro52anni - 1 settimana fa

    Aina ,anche a rimessa, lo venderei subito a gennaio.Grandi doti fisiche ma il calcio non è il suo sport.Il fatto che è giovane (ma non un diciottenne) non conta.Se uno è forte si vede quasi subito e il quasi lo ha oltrepassato da tanto.Se era forte non veniva in Italia dall’Inghilterra con il diritto di riscatto.Io per 6/7 mln lo venderei subito alla Roma.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. martin76 - 1 settimana fa

    Effettivamente Meité è entrato molto bene in partita, Aina mi pare proprio di no, certo è giovane e le qualità non gli mancano ma è veramente ora di svegliarsi dal torpore in cui sono caduti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Maruzza44 - 1 settimana fa

    Soprattutto Meitè (Aina però ha l’alibi della Coppa d’Africa), ma tutti e due hanno dimostrato di avere numeri. Il problema è che i … numeri e anche troppi secondo me li fanno anche fuori dal campo. Il pistolino nero è molto di moda

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Pota - 1 settimana fa

    La panchina farà bene alla loro indolenza a quel muoversi in campo in modo svogliato che fino ad ora purtroppo hanno mostrato,altro che colpi di mercato… per fortuna abbiamo Lukic Il General e Baselli che perlomeno non lesinano mai nell’impegno per non parlare Ansaldi di cui è apparso evidente a tutti l’importanza della sua presenza in campo.La loro titolarità l’hanno persa tempo e occasioni ne hanno avute se le sono giocate male ora devono scalare le gerarchie e sudare sudare e sudare ancora. AD MAJORA FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Toro Forever - 1 settimana fa

    È importante avere delle alternative quando si verificano periodi di appannamento, o infortuni e squalifiche, che possono capitare a tutti. Finalmente il Toro può scegliere in tutti i ruoli. Questo terrà sulle spine i più ambiziosi e motivera’ i più “pigri”. Bene così. Gioca chi merita.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. pupi - 1 settimana fa

    Aina…..”se non fosse per quel contropiede”.
    È veloce e potente ed era freschissimo. Macché “se non fosse….”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. PrivilegioGranata - 1 settimana fa

    Un altro po’ di panchina, per essere sicuri che non si siedano sugli allori.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. user-14052178 - 1 settimana fa

    Con Mazzarri non si sbaglia!!!!! N 1

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy