Toro, il trend in casa è da retrocessione: contro il Genoa riprenditi il tuo pubblico

Toro, il trend in casa è da retrocessione: contro il Genoa riprenditi il tuo pubblico

L’analisi / Sette punti conquistati tra le mura amiche, solo due vittorie contro Spal e Frosinone

di Marco De Rito, @marcoderito

Venerdì 5 ottobre. E’ la data dell’ultimo successo di Belotti e compagni tra le mura del “Grande Torino”. Si trattava della vittoria contro il Frosinone, un 3-2 arrivato anche con qualche sofferenza. Dopodiché c’è stato un pareggio contro la Fiorentina e una sconfitta contro il Parma. Quest’anno il rendimento tra le mura amiche dei granata non è certamente entusiasmante. In 6 gare giocare all’ombra della Mole, la metà sono sconfitte, poi un pareggio e due vittorie. Se contro Napoli e Roma zero punti possono essere preventivabili, non così il ko contro il Parma che resta un avversario abbordabile per la squadra granata. Sei punti (arrivati dopo difficoltà di varia natura) sono stati conquistati grazie alle vittorie contro Spal e Frosinone, avversari di caratura non eccezionale, e l’unico pareggio è arrivato contro la Fiorentina.

IN CASA DA RETROCESSIONE – Se in trasferta il rendimento dei granata sarebbe da Champions con 12 ottenuti grazie a 2 vittorie e 5 pareggi – neanche una sconfitta e record di nove risultati utili consecutivi – diverso è il discorso tra le mura amiche. Se si considera la classifica per le partite in casa, il Torino sarebbe in zona retrocessione con soli sette punti e una differenza reti negativa (7 gol fatti e 9 subiti). E’ vero che la squadra di Walter Mazzarri ha giocato una partita in meno tra le mura amiche (6 in casa, 7 in trasferta) ma in ogni caso è evidente che il rendimento all’ex Comunale è alquanto deludente.

INVERTIRE IL TREND – Nella storia granata il fattore campo ha spesso influenzato la squadra ma positivamente. Il dodicesimo uomo in campo è servito, spesso e volentieri, a dare la carica in più al Toro per portare a casa il risultato. Può essere vero che, come ha affermato quest’estate Giampaolo Ormezzano ai nostri microfoni: “Il fattore campo non esiste. Stiamo parlando di professionisti, che sono pagati tantissimi soldi per correre, ci mancherebbe altro che non avessero le motivazioni”. In ogni caso contro il Genoa, i ragazzi di Mazzarri sono chiamati a invertire il trend al “Grande Torino”: cercando di riconquistare il proprio pubblico dopo le deludenti prove alle quali hanno assistito i tifosi granata.

 

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Hagakure - 7 mesi fa

    …riconquistarci vincendo contro il Genoa…???

    …ne ha da passare di acqua sotto i ponti, prima che ciò avvenga…!!!

    …è meglio che cerchiate di non fare la figura di merda fatta contro il Parma e in parte contro il Cagliari…!!!

    …dopodichè, quando avrete saccagnato di botte le merde strisciate e avrete staccato il biglietto per l’EL, come minimo, ne riparliamo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. michelebrillada@gmail.com - 7 mesi fa

    ma che cosa si deve riprendere fa schifo vederlo giocare non abbiamo nessun gioco non corriamo non siamo allenati tecnicamente non so che cosa aspettiamo a esonerare il mister che è solo capace a chiudere le porte agli allenamenti per paura che il pubblico veda che non si corre facciamo giocare soriano (da serie b) rincon desilvestri in condizione pietosa e basta basta non se ne puo più

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Luke69 - 7 mesi fa

    ….certamente se continuiamo a giocare anche in casa come se giocassimo in trasferta, della serie prima non prenderle, beh è normale che il nostro rendimento sia degno di una concorrente alla retrocessione e non all’Europa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Riba - 7 mesi fa

    2 vittorie in casa, che pena!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. valex - 7 mesi fa

      E con Spal e Frosinone, non proprio due top-club di livello internazionale. 🙂

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy