Toro, la vittoria a Brescia manca dal 2006. E la finale playoff persa è un ricordo vivo

Toro, la vittoria a Brescia manca dal 2006. E la finale playoff persa è un ricordo vivo

I precedenti / Il bilancio complessivo sorride ai granata, ma la vittoria manca da tredici anni

di Alberto Giulini, @albigiulini

ULTIMA VITTORIA

TORINO, ITALY - APRIL 1: Elvis Abbruscato of Torino in action during the Seria A match between orino and Palermo at Stadio Olimpico Grande on April 1, 2007 in Torino, Italy. (Photo by New Press/Getty Images) *** Local Caption *** Elvis Abbruscato

 

Detto del bilancio complessivo favorevole, bisogna però aggiungere che la vittoria granata al Rigamonti manca dal lontano 21 maggio del 2006. Si trattava della prima stagione da presidente di Urbano Cairo, con il Toro di De Biasi che strappò tre punti grazie ad una rete di Abbruscato. In campo per le Rondinelle c’era l’attuale osservatore del Torino Omar Milanetto.

BRESCIA – TORINO 0-1 (0-1)
Brescia: Viviano, Stankevicius, Zoboli, Mareco, Cortellini (all’88’ Schiavi), Hamsik (al 60′ Di Biagio), Milanetto, Piangerelli, Del Nero (all’82’ Mourad), Bruno, Possanzini. A disposizione: Arcari, Santacroce, Straus, Zambrella. All.: Zeman.
Torino: Taibi, Nicola (al 23′ Martinelli), Melara, Brevi, Balestri, Lazetic, Gallo, Edusei, Music (all’84’ Fantini), Abbruscato, Vryzas (al 61′ Longo). A disposizione: Fontana, Vailatti, Doudou, Ferrarese. All.: De Biasi.
Arbitro: Ayroldi di Molfetta.
Marcatori: Abbruscato 45′

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. bergen - 11 mesi fa

    Ecco quando qualcuno mi chiede del Toro che vorrei devo dire che interiormente vivo con un certo disagio gli incroci con squadre come questa.

    Forse il mio ottimismo di fondo o la naturale tendenza alla rimozione del dolore mi fanno dimenticare nel quotidiano di aver anche vissuto l’umiliazione di perdere i play off con il Brescia calcio.

    Chiunque indossasse la maglia granata dovrebbe entrare nello stadio intitolato a Rigamonti sentendo il dovere morale di onorarne la memoria.

    Se fossi il mental coach farei vorrei undici furie cieche in ipnosi collettiva disposte a scendere in campo per non fare prigionieri.

    Butterei il quaderno degli schemi di VM che nessuno capisce e come fanno nella Premier metterei chessò Thunderstruck degli ACDC a palla negli spogliatoi.
    Metterei addosso ai giocatori i sensori Zebra che usano nell’NFL.
    Li costringerei ad una danza intimidatoria stile rugby australiano.

    Scusate mi sono lasciato trasportare…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Dr Bobetti - 11 mesi fa

      Si chiama Tremendismo, a prescindere da moduli e schemi. E’ Cuore Granata. Deve essere così e speriamo che i giocatori lo capiscano per primi, anzi prima del Mister.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. eurotoro - 11 mesi fa

        ..dottore io sto tremendismo lo vedo fare solo all’atalanta…azz pensa te… era proprio il gasp l’allenatore ideale del toro…agghiaggiande

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. eurotoro - 11 mesi fa

    indelebile amarezza la farsa della squalifica a Rolando Bianchi x una mezza parolaccia…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Dr Bobetti - 11 mesi fa

      Ancora oggi ho il ricordo di una partita segnata, dall’arbitraggio che negò il gol ad Arma alla bestemmia non bestemmia di Bianchi.
      Il tutto condito da una squadra arrivata sicuramente alla frutta, anzi al dessert, dopo una rimonta quasi impossibile nel girone di ritorno.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy