Attento Torino: contro il Debrecen c’è tutto da perdere

Attento Torino: contro il Debrecen c’è tutto da perdere

Focus On / Tanta pressione sui granata, che dovranno gestire le insidie di un match complicato

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Un po’ per il momento della stagione, un po’ per il maggior livello di condizione fisica degli avversari, un po’ per la grande attesa che circonda la partita: Torino-Debrecen è una partita molto delicata. Ha ragione Mazzarri: in 180 minuti il lavoro fatto in questo 2019 va concretizzato. Non si tratta di un’amichevole, ma di un duello da dentro o fuori, preparato in sole tre settimane. Le insidie sono tante, e il Torino per affrontarle ha fatto una scelta ben precisa: quella di puntare sulla squadra della scorsa stagione, senza cessioni nè acquisti.

Calciomercato Torino, giornata di ufficialità in uscita: il punto

TUTTO DA PERDERE – Preparare con successo un duello da dentro o fuori in tre settimane, senza una adeguata condizione fisica e senza avere la possibilità di fare esperimenti tattici, è possibile solo se si ha un gruppo che si conosca bene, che possa giocare quasi a memoria. Da qui la scelta condivisa da tecnico e società: il preliminare contro il Debrecen va affrontato senza novità di mercato. Non si poteva perdere pezzi importanti nè era conveniente acquistare qualcuno in fretta e furia, a costi magari sproporzionati, per poi doverlo inserire a bruciapelo andando a stravolgere equilibri che già esistevano. Per gli acquisti c’è ancora tempo e potranno essere immessi nell’organico con più calma una volta che la squadra sarà pronta per sostenere novità. Per ora il Torino da 63 punti è tranquillamente all’altezza di superare di Debrecen. Ma dalle intenzioni e dai ragionamenti ora si deve passare ai fatti: contro gli ungheresi per il Torino è il classico match con tutto da perdere. Se i granata passeranno il turno avranno fatto il loro dovere, in caso contrario sarebbe uno scottante fallimento. Tanta pressione da gestire, è innegabile: vedremo quanto questo Toro è maturo.

23 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. eurotoro - 4 settimane fa

    Fondamentale non subire contropiedi…basta fare 1 gol in 180 minuti…non prendiamolo e passiamo il turno…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. CUORE GRANATA 44 - 4 settimane fa

    Per eventuali innesti ci sarà tempo dal 29 agosto al 2 settembre sempreché….Sulla partita di questa condivido la prudenza del Direttore:al di là del livello dei magiari che comunque andremo a verificare tanti sono gli elementi che non giocano a ns. favore per considerare la partita una “semplice sgambata”. Mi riferisco alla diversità di tenuta fisica,alla pressione notevole ed al caldo tropicale.E’ vero che ci sarà per entrambi ma per chi imposterà una partita conservativa peserà meno.Certo Alessandria è proprio la sede adatta per giocare a fine luglio! Sempre FVCG! E vamos a gagnar!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Peterpann - 4 settimane fa

    Calma, gesso e Forza Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Fabertoro - 4 settimane fa

      Sempre

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Fede Granata - 4 settimane fa

    Perché essere offensivi col sig. Bava???? –

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Fabertoro - 4 settimane fa

      Giusto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. r.ponzon_13686323 - 4 settimane fa

    Forza TOROOOOOOOOOOOOOOOOO !!!!!!!!!!!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Fabertoro - 4 settimane fa

      Sempreeeee

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. maxx72 - 4 settimane fa

      Perché bisogna smarronare in qualche maniera…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. maxx72 - 4 settimane fa

        Il commento andava di sopra…Non capisco cosa sia successo chiedo scusa!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. maxx72 - 4 settimane fa

          PC gobbo…già che ci sono mi unisco: FORZA TORO!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Fb - 4 settimane fa

    Siamo senza DS e Cairo vuole la sicurezza di fare i gironi di EL prima di aprire il portafogli, punto e basta

    E se compra, senza DS si comprano solo giocatori noti e a caro prezzo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. GlennGould - 4 settimane fa

      Il ds c’è, e Verdi a 20 milioni non è certamente a caro prezzo, con le cifre che circolano.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. blackmapan_12184280 - 4 settimane fa

        magari con un DS di professione alla stessa cifra prendi un giocatore più forte

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. GlennGould - 4 settimane fa

          Per carità, tua opinione. Verdi, un anno emmezzo fa, era inseguito da mezza serie a, e parlo di inter Roma e Napoli fra le altre. L’ha spuntata il Napoli. Per correttezza, il ragazzo è voluto rimanere a Bologna sino a giugno, comportamento raro che si commenta da solo. Al napoli ha giocato poco (causa anche infortuni) e bene. Salta l’uomo, ha senso del gol, tira le punizioni da Dio, e ambidestro nel senso più puro del termine, è ancora giovane ed è affamato.
          E 20 milioni sono troppi?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Cerutti_Gino - 4 settimane fa

      il DS c’è ma non si vede.. e non si sente 😀

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. dattero - 4 settimane fa

    ormai è cosi,se non sei aziendalista,non fai strada.
    vale x quest’articolo,vale x tutte le interviste a pres,ds,giocatori.
    tutto patinato,bon ton,mai temi veri,diretti.
    articolo davvero deprimente,ma in linea con tanti altri,non solo qui,ribadisco.
    appiattimento generale,in sè mai foriero di buone cose,anzi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Mimmo75 - 4 settimane fa

    Assurdo e controproducente insistere nel tentativo di far passare un concetto strampalato per giustificare l’inerzia societaria sul mercato. Per la seconda volta su queste colonne tocca leggere che si è scelto di non intervenire sul mercato per non distrarre i calciatori. Quindi il mercato del Toro partirà a gironi acquisiti? Per forza, altrimenti non capisco perchè la motivazione (assurda) non dovrebbe più valere anche in vista dei turni successivi. Restando all’articolo, è lapalissiano che il Toro dei 63 punti avrà facilmente la meglio sul Debrecen e, aggiungo io, raggiungerà serenamente i gironi. Partiamo da una base solida e collaudata che non può che migliorare ancora, la conferma dei big è un grande merito per la società, una cosa non scontata, un valore aggiunto, un segno della volontà di continuare a crescere e migliorare. Però manca sempre il famoso 31 dopo il 30. Piantiamola con questi articoli giustificativi. Stasera passeggeremo sul Debrecen e al ritorno gli faremo ancor più male, ma lo spirito con il quale la società si è approcciata a queste partite fondamentali (non per valore dell’avversario ma per la posta in palio) è sparagnino e attendista piuttosto che determinato. Nessuno pretende (anche se sarebbe l’ottimo) che a inizio ritiro la rosa a disposizione di Mazzarri fosse stata completa e definita con i nuovi acquisti, ma che almeno nei ruoli dove c’è carenza di calciatori (esterno sinistro, almeno quello) si fosse intervenuto per tempo, a maggior ragione perchè lo si dovrà comunque fare. Durante la conferenza stampa Mazzarri ha detto senza troppi giri di parole che Aina avrebbe fatto comodo. Ebbene, non avrà neanche la riserva dei terzini già in rosa. Eh già: Ansaldi, pischello alle prime armi con ancora tutto da dimostrare, avrebbe potuto distrarsi in questo delicatissimo match contro avversari di primissimo livello, mettendo a repentaglio la qualificazione al turno successivo. Vabbè, facciamo finta che questo sia il vero motivo. Però, Redazione, mi aspetto le vostre critiche nel momento in cui il mercato dovesse decollare prima della qualificazione ai gironi. Perchè se giustificate questa scelta non potete non condannare quella opposta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PrivilegioGranata - 4 settimane fa

      Mimmo, dimentichi le parole di Mazzarri. Lui è stato chiaro dicendo che QUESTA partita è la più difficile e che tutto ciò che seguirà sarà più abbordabile.
      Il motivo sono le sole tre settimane avute a disposizione per preparare QUESTO match. Già il ritorno vedrà la nostra squadra allenarsi insieme da un mese, con ovviamente una forma fisica migliore.
      Io non sono per nulla convinto che questa sera passeggeremo sulle rovine del Debrecen, anche se me lo auguro. Questi saranno anche di livello inferiore, ma corrono, sono fisici e sono in perfetta forma.
      Ecco perché capisco la scelta di non toccare una formazione, la nostra, che ha dalla sua l’unico vantaggio di conoscersi a memoria e di aver perfezionato i movimenti di squadra nel girone di ritorno dello scorso campionato.
      Un terzino sx avrebbe fatto comodo, ma comunque sarebbe stato avulso dal gioco di squadra. Un trequartista forte avrebbe scalzato chi da un anno e mezzo gioca e sa come e dove e quando toccare la palla per i compagni.
      Quindi ciò che io ribadisco è PAZIENZA!!!
      Arriveranno i rinforzi quando i prezzi saranno diventati ragionevoli. Non dopo esserci qualificati per i gironi di EL.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mimmo75 - 4 settimane fa

        Ma io non sto mica dicendo che i nuovi acquisti avrebbero dovuto essere per forza impiegati! Sto parlando di mettere il mister in condizione di poter avere alternative, all’occorrenza. Il problema, stasera, se tutto andrà come al solito, non sarà sostituire qualcuno dopo un’ora di gioco. Chi è in panchina una mezz’ora di autonomia la garantisce sicuramente e se anche fosse impiegato fuori ruolo per un breve lasso di tempo non ci sarebbero contraccolpi, diverso sarebbe se ci fosse la necessità di sostituire qualcuno anzitempo. Il problema è che dal primo luglio ad oggi ci si è assunti il rischio di arrivare a questa gara senza titolari. E’ andato tutto bene, per fortuna, e speriamo continui così. Ma se si fossero fermati Ansaldi e/o De Silvestri, Meite e/o Baselli, così come accaduto a Djidji e Lyanco, sarebbe stato un bel problema. La società si è assunta questo rischio. Ma è chiarissimo, è fattuale, come direbbe Feltri. Il mio post sopra è contro l’articolo che tenta di far passare la panzana della distrazione per verità.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Mimmo75 - 4 settimane fa

          senza riserve, non senza titolari…ovvio

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. PrivilegioGranata - 4 settimane fa

          Se si fosse fermato Ansaldi, Berenguer avrebbe preso il suo posto e ci si sarebbe schierati col 3-4-2-1 con Falque e Lukic dietro a Belotti.
          Se si fosse fermato uno tra Meité e Baselli, Rincon avrebbe “supplito” visto che è allenato e in perfetta forma fisica, come attestano gli esami che ha effettuato, e lo si manda in panchina solo perché rientrato da poco.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        3. Luke90 - 4 settimane fa

          Lyanco mi pare ci sia … assenti Aina e DjiDji
          Cmq la rosa stretta è stretta da un anno.. quella che stasera scenderà in campo è quella vista contro la Lazio (vinto) inclusa assenza di Aina che, se ricordo, era in panchina.
          l discorso che fai tu è il discorso che si è sempre fatto lo scorso anno..
          Poi, se pensiamo ai trascorsi passati contro il Bromma-comesichiama c’erano tutti i “vecchi” tranne forse …… Nocerino… nell’11 di partenza (e segnarono Larrondo & Barreto…). Quando fummo sul 3-0 entrano alcuni neo-acquisti.. ma si era alla fine.. mi pare che Perez giocò 5 minuti..
          Non sottovalutiamo nessuno; neppure noi;
          Poi, comprare bene è fondamentale e per noi visti i precedenti ancora di più… e come dici tu, non farlo adesso, è una scommessa… ma lo sarebbe comunque. Dipende sempre da quale punto di vista vediamo le cose. Come tutto.

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy