I tre messaggi di Miha: il mea culpa, l’appello, la filosofia del rischio

I tre messaggi di Miha: il mea culpa, l’appello, la filosofia del rischio

Editoriale / La conferenza stampa pre-Verona è stata ricca di significati: tra la debacle del derby e la voglia di rialzarsi contro il Verona

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Come sempre, Mihajlovic è stato un libro aperto, nella conferenza stampa di presentazione di Torino-Verona. Il tecnico granata ha utilizzato, come spesso fa, l’incontro con i media per esporre all’esterno messaggi chiari e precisi. Dalla costante assunzione di responsabilità alla richiesta ai tifosi del “Grande Torino” per il match di oggi, terminando con la sua interpretazione a mente fredda della debacle del derby, arricchita con considerazioni di carattere generale sulla filosofia di squadra che ha in mente.

La conferenza stampa di Mihajlovic pre Torino-Verona

ASSUNZIONE DI RESPONSABILITÀ – Come spesso è accaduto, il tecnico ha avuto l’apprezzabile intento di assumere su di sè tutte le responsabilità, senza giri di parole: il coraggio di metterci la faccia a Mihajlovic non è mai mancato, soprattutto quando – come è successo nel derby – alcuni errori vengono commessi proprio da lui. Ormai, il tecnico serbo è personaggio che conosciamo bene. Sincerità e schiettezza sono doti che non hanno mai fatto difetto, così come il fatto di non scappare mai dinanzi alle difficoltà.

mihajlovic

RICHIAMO AL PUBBLICO“Se volete contestare qualcuno, contestate me: ma i giocatori vanno sostenuti”. Raramente Mihajlovic chiede qualcosa al pubblico, ma è consapevole del fatto che sono i giocatori, con le loro prestazioni, a dover portare dalla propria parte i tifosi, scatenando il loro entusiasmo. Stavolta però con un messaggio chiaro, il tecnico ha espresso un vero e proprio appello al pubblico del Grande Torino. E’ un riconoscimento implicito della delicatezza del momento che vive la sua squadra: oggi col Verona serve un solo risultato. Solo così le tossine del derby perso malamente verranno definitivamente debellate, impedendo loro di condizionare anche il resto della stagione.

LA FILOSOFIA DEL RISCHIO – Mihajlovic ha poi tenuto a spiegare il suo punto di vista su quanto è successo all’Allianz Stadium. Il tecnico ha illustrato la filosofia con cui interpreta il calcio, che vorrebbe fosse condivisa anche dai suoi giocatori: il prendersi dei rischi, sempre e comunque. A maggior ragione se di fronte c’è una squadra più forte: “E’ contro i forti che si deve gonfiare il petto, non contro i deboli”. Un modo sicuramente affascinante di vedere il calcio e la vita: “Chi resta sempre seduto non cadrà mai, ma mai si alzerà in piedi”. Anche le idee migliori, però, vanno calate nel contesto del momento: è giusto prendersi dei rischi, ma il rischio deve essere calcolato, altrimenti si può fare la figura dei dilettanti allo sbaraglio. Pur rispettando le idee del tecnico granata, manteniamo delle riserve su alcune sue scelte tecnico-tattiche. Ad esempio: giocare con un modulo a specchio contro una squadra più forte può essere controproducente, perché a fare la differenza possono essere i duelli individuali. E in partite come quelle contro la Juventus, occorre schierare giocatori pronti a dare battaglia: non elementi in chiaro ritardo come Niang. In ogni caso, per il Torino ciò che conta è riprendere la marcia. A partire da oggi, contro il Verona.

15 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Pimpa - 3 anni fa

    Insomma,ritengo la tigre serba dannosa,non ininfluente o modesta, dannosa per il nostro Toro.
    Non posso farci niente.
    Mi conforta la certezza che il prossimo anno,visto che dubito che venga cacciato in corso di campionato,non sarà più il nostro allenatore. Avremo buttato via altri due anni,ma con questa società è fisiologico.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maraton - 3 anni fa

      dunque ventura era troppo “conigliesco”, sinisa è troppo “tigre”, anche arrivassero i vari allegri (troppo “zombie”), ancelotti (troppo “flemmatico”), mourinho (troppo “showmen”), gasperini (troppo “gobbo”), ecc. ecc. scommetto che ci sarebbe da ridire lo stesso.
      per conto mio, indipendentemente da alcune carenze tattiche (che si sapevano in anticipo) sinisa mi piace. preferisco perdere rischiando di vincere, oppure provarci, che prenderne 4 ugualmente, con la squadra schierata sulla linea di porta.
      poi logicamente per sparare sulla società ogni cosa fà brodo 😉

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Alberto Fava - 3 anni fa

        Caro @maraton, non so se sparare sulla Società , sul Mister e sulla Squadra faccia più brodo, oppure mascheri qualcos’altro a strisce e che puzza …… 🙂
        Ciao
        FVCG

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. maraton - 3 anni fa

          ciao @alberto.
          sinceramente non riesco a capire….sembra che abbiamo gli stessi punti del crotone…..inoltre il bello per conto mio deve ancora arrivare 😉

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. CUORE GRANATA 44 - 3 anni fa

    Oggi è partita da vincere. Vedremo quali saranno le scelte del Mister e mi riservo poi un commento, al di là del risultato, sull’approccio tattico che verrà disegnato per l’incontro. Proclami e filosofie lasciano il tempo che trovano. FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. wally - 3 anni fa

    per carità,siamo tutti felici di avere un allenatore che si assume le proprie responsabilità e poi si scusa..
    Sinceramente sarei più felice se certe cose non avvenissero,perchè anche se chiede scusa, un allenatore certi errori non dovrebbe proprio farli..
    Ci dice che Niang non è ancora pronto e poi lo schiera nel derby (non la trovo una cosa furba a priori)..Ma nn basta, espulso Baselli, non toglie un giocatore (Niang) in difficoltà ma lo fa con Falque,uno al quale non manca la velocità e ( difficilmente sarebbe successo)poteva sfruttare qualche contropiede..ma ancora non bast, mette il solito Niang prima punta spostando Belotti più indietro..poi mette Ansaldi a sinistra per poter fare giocare DeSilvestri( e non mi dite che Molinaro non poteva fare 2 partite in tre giorni)..
    Queste sono cose che ognuno di noi (pur non prendendo un ottimo stipendio) avrebbe capito..
    Poi ci sonotutte quelle belle frasi sul “gonfiare il petto”..”Se stai seduto non caschi dalla sedia” etc etc..ma sai,con i detti puoi vincere le guerre (a tavolino), ma magari ci starebbe anche “se ti ripari un po rischi di non prendere un sacco di botte”,specialmente contro uno più forte e più organizzato e a casa sua..
    Diciamo che gli strateghi sono diversi..
    E sinceramente io di farmi prendere per il culo dai gobbi non ne ho molta voglia…
    Comunque sempre e, avanti a tutto e tutti, FORZATORO..!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. rogerfederer - 3 anni fa

    Ottimo articolo….e sarebbe bellissimo oggi avere lo stadio gremito….ma non accadrà….conosco bene i nostri bugianen maicuntent…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Athletic - 3 anni fa

    Non c’è proprio nessuno da contestare, né mister né tifosi, c’è solo da sostenere la squadra e vincere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granat....iere di Sardegna - 3 anni fa

      Giustissimo!!! FORZA TORO E BASTA!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Pimpa - 3 anni fa

      Dissento.
      I giocatori magari non vanno contestati (a parole son buoni tutti,ma sappiamo bene che dovunque i propri giocatori vengono contestati; Io per esempio Niang lo fischierei anche quando va a fare la spesa) perché si potrebbe dire che non hanno colpe se sono scarsi. Giustificazione buonista e parecchio bislacca,ma andiamo avanti.
      Il discorso relativo all’allenatore è diverso,però.
      Ogni parola che dice,questo dimostra di aver scambiato il gioco del calcio con il set di quei film americani dove il sergente vessa e umilia i soldati sotto la pioggia sottoponendoli a esercizi mortificanti e inutili e pretende che ripetano le sue grida,che gli obbediscano.
      Ogni parola che pronuncia è la dimostrazione della sua arroganza,incompetenza,violenza e ottusità,non c’è niente da fare.
      Oggi farà giocare di nuovo Niang e questa,per me,è una scelta che solo questo tipetto riesce a concepire. Non avesse alternative,capirei. È vero che le alternative sono assai modeste e inconcludenti,ma almeno si impegnerebbero e certamente qualcosa di meglio di quel vergognoso giocatore combinerebbero.
      Abbiamo speso una barca di soldi per uno che non ha mai combinato niente in Italia e all’estero.
      Però ce lo vogliono far passare per quello che non è,che dobbiamo aspettare,che maturerà, che entrerà negli schemi.
      Qui siamo alla superstizione pura,altro che.
      Quello che Voltaire scrive nel Saggio sui costumi e lo spirito delle nazioni quando riporta che la storia è sfigurata dalla favola,vale tranquillamente tra di noi:a chi svela la verità e smaschera la superstizione,dice Voltaire,si dà del miscredente.
      Qui del gobbo o del mai cuntent.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Athletic - 3 anni fa

        Su alcune cose sono d’accordo, almeno nei concetti. Dal principio sono stato contrario all’arrivo di Miha, avrei preferito che i 15 mln di Niang fossero stati spesi in altro modo, le sue interviste generalmente non piacciono neanche a me … ma nonostante tutto questo, sino a che saremo in corsa per un posto in EL, io sono fermamente convinto che per il bene del Toro, dobbiamo essere vicini alla squadra e sostenere tutti, dal presidente al magazziniere. Quando e se, non dovessimo raggiungere l’obiettivo prefissato, allora avremo tutto il tempo di puntare il dito contro i colpevoli ed eventualmente contestarli … per adesso però, dobbiamo solo sostenerli, tutti quanti, allenatore incluso. Questo è il mio pensiero.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Pimpa - 3 anni fa

          Che io rispetto massimamente.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Simone - 3 anni fa

        Ti quoto al 100%.
        Se non ci fossero state alternative nessuno avrebbe avuto da dire nulla.
        Nella conferenza post derby disse che Edera era troppo giovane x giocare una partita importante come quella (barreca quanti ne aveva l’anno scorso?). Col Verona può giocare o ancora non è alla sua portata?
        Xke dobbiamo giocare in 10 quando cmq le alternative ci sono?

        Mi ricorda tanto l’ostinazione con iturbe dell’anno scorso fallita in tutto e per tutto. Ma pur di non ammetterlo continuava a schierarlo a dispetto di giocatori di nostra proprietà

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. Alberto Fava - 3 anni fa

        Dissento.
        La Squadra può venire fischiata quando i risultati non arrivano.
        Oggi : 5 partite, 11 punti ed in perfetta corsa per un posto in EL, contestarli dimostra soltanto della prevenzione a priori
        Se poi Niang vorrebbe fischiarlo anche quando va a fare la spesa, onestamente mi domando cosa le abbia fatto personalmente.
        Il buonismo non c’entra, qui si tratta di essere realisti ed onesti intellettualmente.
        Quanto al Mister, ognuno ha le proprie idee, io preferisco un “ Sergente di ferro” piuttosto che un buon papà od uno psicologo da spogliatoio, degustibus.
        E mi pare in contraddizione dare del “ buonista” a chi non fischia i Giocatori al capitolo 1, e poi quando si tratta del Mister che invece e’ un duro, lo si critica per il suo metodo.
        Secondo me se si sceglie una via deve essere quella sempre, altrimenti si è confusi o in malafede.
        Realismo, visione concreta dei fatti, non chiacchiere stupide e provocatorie che non rispecchiano la mera realtà.
        Altro che superstizione, ci vuole coerenza di giudizio, altrimenti…..
        Poi lasciamo stare Voltaire, o Velaine o anche Giovanni Pascoli e la Cavsllina Sorna.
        Se parliamo di sport, competizione e voglia di Vittoria, forse il Vate sarebbe un riferimento più idoneo.
        Ma anche qui tante teste…..
        FVCG, Forza Mihailovic , e forza Niang, spero che oggi faccia un gran gol per la nostra gioia!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      4. Granat....iere di Sardegna - 3 anni fa

        Ma no pimpa. Non assurgerti a smascheratrice di chissà cosa, qui nessuno ha l anello al naso. Le tue critiche potrebbero pure avere un fondamento, soprattutto quelle al mister, se non fosse che tu hai un pregiudizio personale nei confronti del mister, cosa che invece athletic per esempio non ha. Il mister ti sta sul culo a prescindere e per tua stessa ammissione…magari non sarai gobbo ma certo partendo dai tuoi presupposti, sempre nel rispetto della tua opinione personale più che tecnica, i piani della discussione sono diversi

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy