Torino, i protagonisti del 1998: “Le parole di Dorigo? Una follia allucinante”

Esclusiva TN / Ferrante, Bonomi e Mondini smentiscono seccamente la ricostruzione dell’ex giocatore inglese

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Le dichiarazioni rilasciate da Anthony Dorigo al Guardian hanno fatto scalpore, anche a distanza di oltre 22 anni. L’ex calciatore inglese che giocò nel Torino nella stagione 1997/1998 e che è ricordato da molti per il rigore decisivo calciato sul palo nello spareggio promozione contro il Perugia ha lanciato pesanti accuse contro il Torino dell’epoca riguardanti una presunta combine in quel campionato di Serie B, architettata dalla società e avallata dai giocatori. Affermazioni di un certo peso sebbene il tempo passato faccia sì che ipotesi di illecito sportivo siano in ogni caso prescritte.

TURIN – NOVEMBER 2: Marco Ferrante of Torino in action during the Serie A match between Torino and Brescia, played at the Stadio Delle Alpi, Turin, Italy on November 2, 2002. (Photo by Grazia Neri/Getty Images)

FERRANTE – Il quadro però non può essere completo senza le testimonianze di altri protagonisti. Ai microfoni di Toro News, nomi importanti del Torino 1997/1998 intervengono per smentire non senza stupore il racconto di Dorigo. “Per l’amor di Dio, sono cose che non stanno nè in cielo nè in terra – dice Marco Ferrante, che quell’anno segnò 19 gol -. Non mi sono mai successi episodi simili in carriera e se mai ne avessi avuto il sospetto, avrei mandato a fan.. chiunque fosse coinvolto. Io vivevo per il gol e segnarne uno in più o uno in meno per me faceva la differenza. Respingo queste illazioni anche a nome dei miei compagni di allora, tutta gente onesta e con il sangue agli occhi sportivamente parlando. In quello spogliatoio alla prima ipotesi di combine sarebbero saltati i denti a qualcuno, statene certi”.

BONOMI – Anche Mauro Bonomi, difensore ricordato con piacere dai tifosi granata per il suo spirito mai domo che militò al Torino tra il 1997 e il 2001, non le manda a dire: “Ma davvero ha detto ciò? – chiede Bonomi con vivo stupore -. Tutto questo è follia. È strano perché ricordo Dorigo come un ragazzo educato e a posto, non mi spiego dunque queste affermazioni. Parole davvero allucinanti, mai la società venne nello spogliatoio a imporci una cosa simile nè tantomeno noi giocatori abbiamo acconsentito. In quel campionato cercavamo la promozione a tutti i costi come spettava al Torino e ogni punto valeva oro. Impossibile pensare di regalare sconfitte o pareggi. E poi, Dorigo dice che in una certa partita uscì all’intervallo per non essere complice: che senso ha? Allora uno si rifiuterebbe proprio di scendere in campo”.

19 Oct 1996: Luca Mondini of Vicenza in action during the Serie A match between Vicenza and Juventus at Vicenza in Italy. Vicenza won the match by 2-1. Mandatory Credit: Claudio Villa/Allsport

MONDINI – Stando alle parole di Dorigo, la partita a cui potrebbe riferirsi sembra Treviso-Torino 0-0 del 26 aprile 1998, match in cui l’inglese uscì all’intervallo. Ai microfoni di Toro News interviene anche Luca Mondini, che quel giorno difendeva la porta della squadra veneta. “Cado veramente dal pero – dice l’ex portiere, oggi preparatore -. Nego con forza ogni ipotesi di irregolarità in quella partita che ricordo bene tuttora. Si può solo dire che noi del Treviso quell’anno facemmo un ottimo campionato e dunque il Torino scese in campo rispettandoci molto da un punto di vista tattico. In quel Toro peraltro c’erano giocatori di tutto rispetto sia dal punto di vista tecnico che dal punto di vista umano come Ferrante, Sommese, Brambilla, Bonomi, Bucci… No, impossibile. Non voglio giudicare nessuno ma queste mi sembrano le parole di un ex giocatore straniero che prova a infangare un campionato in cui non ha avuto molta fortuna”.

28 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Attoro - 1 mese fa

    Probabilmente i soldi li avrà incassati lui per sbagliare quel rigore…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Scifo7 - 1 mese fa

    Ragazzi Amo il Toro da quando sono nato ma vi ricordo il “fallo segnare” di Galante a Delli Carri….un Toro-Bologna di vent’anni fa circa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. bloodyhell - 1 mese fa

    il guardian non è l’ultimo dei giornali, e comunque bisognerebbe riflettere sul fatto come non ci sia nessun interesse, da parte di dorigo e del guardian, a parlare di qualcosa avvenuta così tanto tempo fa. detto questo, di partite combinate, o per soldi o per convenienza agonistica, ce ne sono state e sempre ce ne saranno, quindi smettiamola di parlare di un complotto contro il toro, perchè non non mi pare proprio il caso. esercizio inutile sentire i compagni dell’epoca di dorigo, perchè non potevano che smentire.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Toroperduto - 1 mese fa

      Si sa del resto che il Guardian patisce la concorrenza della Gazzetta e quindi attacca il Toro

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Bela Bartok - 1 mese fa

    Ovviamento credo a Ferrante e Bonomi, non certo ad una comparsa insignificante che ricordo solo per il famoso palo e che da anni è un personaggio televisivo in inghilterra. Divertente vedere i gobbi infiltrati del forum al settimo cielo per sta buffonata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Gigiotto - 1 mese fa

    Il rigore fini’ sul palo, potrebbe essere anche solo sfortuna, che cone sappiamo ci è molto amica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Toroperduto - 1 mese fa

    non ho elementi per dire chi abbia ragione nel dubbio non dico né che ha ragione uno né che hanno ragione gli altri.
    Faccio solo tre considerazioni:
    1) che interesse ha dorigo dopo vent’anni a dire questo.
    2) se avesse ragione lui davvero si pensa che gli altri confermerebbero?
    3) stiamo parlando del mondo del calcio dove queste cose sono successe succedono e succederanno per cui non è fantascientifico, non solo ma vorrei anche ricordare che noi siamo passati anche attraverso un DS che pagava le mignotte agli arbitri

    Infine ultima considerazione, in ogni caso quello che dice dorigo è l’ultimo dei problemi.

    Dite che stanno cercando in tutti i modi di infangare il Toro?
    Veramente quello che lo infanga più di tutti è chi lo sta comandando che con il suo disinteresse e la sua incapacità più totale ne sta facendo un fenomeno da baraccone

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. tric - 1 mese fa

      Perchè “gli altri” non dovrebbero confermare visto che ti chiedi “che interesse ha dopo 20 anni a dire questo”?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Toroperduto - 1 mese fa

        Perché fosse vero non lo direbbero certamente come capita in ogni episodio di questo genere.
        Non ho mai sentito confessioni di massa quindi sono sempre tutti inventati perché gli altri non confermano mai?
        Ripeto non ho elementi per dire che non ha ragione ma certamente non userei le parole di chi nega quei fatti come argomentazione per dire che non ha ragione.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Luke90 - 1 mese fa

      Io la penso un po’ come te.
      Detto che episodi simili sicuramente ne sono successi, visto i trascorsi del calcio italiano, e chi più chi meno se ne sarà reso protagonista, la domanda è proprio perché adesso è perché (solo) Dorigo … detto ciò hai di nuovo ragione questo è l’ultimo dei problemi anzi ormai non è neppure un problema ma folclore.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Toroperduto - 1 mese fa

        Ma guarda magari hanno ragione quelli che dicono che sono le parole di un avvinazzato.
        Perché dopo così tanto tempo?
        Su questo hai ragione ma è sempre così “i pentiti” non parlano mai a tempo.
        Ma se non è vero secondo te è gente in cerca di pubblicità?
        Qualcuno che invece viene pagato da altri per parlare male?
        Non lo so mi chiedo sempre la ragione.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Rimbaud - 1 mese fa

      ti dico la verità, non scarterei a priori l’ipotesi che dorigo non capisse l’italiano e non abbia definitivamente capito un cazzo quel giorno- Più che altro perchè comunque quella rosa era formata da giocatori che non penso avrebbero venduto la promozione così, sicuramente molto più da toro di adesso

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Toroperduto - 1 mese fa

        Un po’ come me quando parla Conte dei DPCM

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. OldBull - 1 mese fa

    Ma non c’è niente di strano, il calcioscommesse è sempre esistito facendo anche vittime illustri non solo nel Torino FC ma anche e soprattutto in club decisamente più ricchi. Esempi clamorosi come Paolo Rossi che prima di prima di partire per il mondiale 82 s’era beccato una bella squalifica per calcioscommesse, Albertosi fu addiritrura radiato… per non parlare di Buffon… Calciatori corrotti ce n’è sempre stati, con la complicità di dirigenti e tifosi scommettitori per questo, niente di strano in tutta questa storia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abedinpele - 1 mese fa

      Su Paolo Rossi, pace alla sua anima, bisogna distinguere, lui, molto onestamente, aveva ammesso che aveva avuto un incontro con gente strana che non conosceva prima dell’incontro e avevano accordato un pareggio con l’Avellino ma non per denaro a suo favore ma perchè nel calcio purtroppo spesso si faceva e si fa ancora così, il denaro andava a finire in tasche altrui e questo lui non era a conoscenza. Ha pagato per questo ed è stato uno dei pochi a farlo, per esempio i difensori/giocatori dell’Avellino di allora che non ammisero mai il complotto non ebbero alcuna squalifica. Come si possono accordare due parti se una non sa nulla dell’accordo? Purtroppo Rossi non era “coperto” all’epoca, giocava nel Perugia che l’aveva comprato dal Vicenza dopo che quest’ultima aveva battuto la juve alle buste per la proprietà di Rossi. Una provinciale che si permette di fare un affronto alla vecchia signora… Per puro caso, solo i maligni come me vedono dietro il disegno, dopo la squalifica Rossi andò alla Juve praticamente a costo zero e il tanto glorificato Agnelli risparmio 2,5 miliardi (era il 1980 non erano pochi…).

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. tric - 1 mese fa

    Uno che aspetta 23 anni per raccontare una cosa simile è detestabile quanto il giornale che ne ospita le dichiarazioni. Si vergognino!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Gigiotto - 1 mese fa

    Per quanto riguarda me il dubbio rimane,anche perché se non ricordo male a tre/quattro giornate dalla fine avevamo 4/5 punti di vantaggio sul Perugia, che poi ci sconfisse nello spareggio,rigore sbagliato proprio da Dorigo..
    In ogni caso è normale che gli altri dicano che non è vero, posso eventualmente confermare secondo voi?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. undici - 1 mese fa

      Tutto può essere… ma che dopo un recupero del genere (4/5 punti) si arriva allo spareggio e, all’ultimo rigore, l’unico non d’accordo è così bravo che centra il palo mi sembra troppo da film o da “gomblotto”.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Héctor Belascoarán - 1 mese fa

        Ma dai, in quel finale di campionato pesarono diversi fattori, in primo luogo la fatica nel recuperare il ritardo accumulato durante la gestione Souness, poi gli infortuni clamorosi(tre crociati contro la Salernitana prima in classifica: Brambilla Citterio e Sommese) e ancora il gran finale coi fiocchi: nella gara di Perugia, partita poi persa, fummo aggrediti in albergo dagli ultras perugini fomentati da Gaucci e nello spareggio di qualche giorno dopo giocammo inspiegabilmente in 10 tutta la partita per una espulsione che ancora oggi nessuno è in grado di spiegare.
        Altro che venduti, sfigati e tartassati come al solito!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. lake - 1 mese fa

    E’ facile infangare il Toro e gli italiani da parte di un albionico etilista caduto in disgrazia.Comunque mi auguro che tutti i fascicoli riguardanti gli strisciati e i loro secolari pastrocchi si materializzino come d’incanto sopra le loro zucche avariate,diciamo ad una decina di metri sopra,e che per semplice gravità sommergano le merde ben oltre la loro statura,cancellandoli cosi dal Creato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. ALELUX777 - 1 mese fa

    Nella sua intervista dice chiaramente che tutti risero quando lui chiese qualcosa riguardo a pareggio.. Per me non capiva l’italiano e tutti ridevano in forma goliardica e simpatica per farlo integrare al meglio. Per me è solo un grand’ imbecille che eccede con l’alcol

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. mp63 - 1 mese fa

    Comunque per sviare l’attenzione dai problemi degli altri l’uscita ha avuto successo. Stanno cercando in tutti modi di infangare il toro. Se non è un complotto questo poco ci manca. Per i casi delle 2 squadre indicate negli altri commenti ci sono poche speranze. Riesco a comprendere che i giudici e i tribunali hanno cose più importanti da gestire ma la giustizia sportiva dovrebbe aver già chiuso da un pezzo la vicenda. Non ci sono dubbi che Immobile non doveva giocare. Per rispetto della salute e la vita degli altri calciatori e ancor di più di tutte le persone con cui ha avuto contatti. Ma è noto a tutti che il loro presidente non è una persona facile. Per il caso dell’esame del somaro estero non ci sono parole. Gli unici che hanno pagato sono dei professori universitari ma degli zebrati si sono perse le tracce. Non discuto su come si deve evidenziare la loro partecipazione al misfatto ma mi da fastidio il loro atteggiamento di falsa onestà. Come al solito hanno commesso un errore che non serve a nulla. Per vincere la champions sono ancora molto in ritardo sulle altre squadre europee. Certo se si riprendessero Zaza…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. wally - 1 mese fa

    Dorigo dice che negli spogliatoi tutto il Toro disse di sì salvo lui.. (unica anima pura?).. ma daiii..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. GranataFinchCampo - 1 mese fa

    Speriamo queste dichiarazioni stronchino qualche palazzinaro ad aprire un fascicolo e depositarlo sopra quelli dei tamponi della Lazio e del caso Suarez

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. CiHannoRubatoIlToro - 1 mese fa

    @redazione: l’affare suarez-gobbi ora vede un ministro della repubblica coinvolto. Possibile avere un articolo sul tema? Grazie

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bacigalupo1967 - 1 mese fa

      Meglio un po’ di fango sul nostro Torino. Almeno si distraggono i tifosi dal nostro non mercato

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. antares - 1 mese fa

        Esatto, il Guardian è ossessionato dal Toro, non pensa ad altro.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Bacigalupo1967 - 1 mese fa

          Il guardian no di sicuro, ma toro news si

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy