Torino, il pagellone di fine 2020: Verdi 5.5, è ancora deludente. Serve un cambio di registro

I voti / L’attaccante segna poco e sbaglia ancora troppo. Poteva essere il momento per riscattarsi, non l’ha sfruttato

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

La fine dell’anno è il tempo dei bilanci. Dopo i centrocampisti, tocca agli attaccanti, e adesso ci concentriamo su Simone Verdi, l’acquisto più oneroso dell’era Cairo. Ancora una volta, purtroppo, non è riuscito ad essere l’arma che il Torino ha sempre voluto diventasse. Poche prestazioni ad alto livello e soprattutto il solito problema della costanza.

PARTITA TOP – La sua partita migliore non può che essere quella contro il Lecce, in Coppa Italia, nella quale – con la sua doppietta e il suo assist – ha permesso al Torino di passare il turno. Se gli si deve rimproverare qualcosa in quella gara, è la tempistica: ha dovuto impiegare 120 minuti per piegare una formazione di Serie B. Ma se i granata sono passati, il merito è pressoché solo suo.

PARTITA FLOP – La partita flop di Verdi è stata quella contro il Cagliari, anche se la scelta è stata ardua. Nella gara contro gli isolani, entrato a 11 minuti dalla fine, serviva che piazzasse il colpo di qualità per impedire una sconfitta casalinga pesante. Un’occasione gigantesca è capitata sul suo sinistro, ma non lo ha buttato in rete. Verdi era stato acquistato per quei colpi, quei tiri a giro con entrambi i piedi. L’ennesima chance di prendersi la ribalta e le copertine, buttata alle ortiche.

VOTI – Per questo il voto è un 5.5, ancora un’insufficienza per lui, che non è il giocatore che ci si aspettava. Poteva prendersi la squadra sulle spalle ma non ci è riuscito e continua a restare in un eterno limbo tra grandi giocate e errori clamorosi. Da gennaio in poi dovrà essere però a disposizione di Giampaolo, perché nella corsa alla salvezza servirà anche il suo apporto.

19 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. mp63 - 4 settimane fa

    Non ha dimostrato nulla. Fisicamente non regge una partita. E’ lento e viene sempre recuperato. Come dribbling non sembra un talento. Tecnicamente non mi sembra un giocatore di livello. Certo calcia con tutti e due i piedi ma come calcia? Punizioni 0 calci d’angolo 0. Sono palloni con traiettorie che potrei calciare meglio io che ho quasi 60 anni. Non parliamo di come partecipa al gioco. Voto 4. Come Zaza. Certo che stanno bene al Torino. Ingrassano il portafoglio e giocano impegnandosi al minimo. Fuori rosa Verdi e Zaza. Pittosto faccio giocare un primavera. Tanto nella cioccolata ci siamo già.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. altoro - 4 settimane fa

    Purtroppo un altro flop assoluto, sotto l’aspetto tecnico, quello di Verdi, sostanzialmente nell’identica misura dell’altro oneroso investimento di mercato della gestione Cairo che fu durante l’estete 2018 Simone Zaza. In riferimento alla sua carriera personalmente ricordo soltanto una stagione esplosiva di Verdi nel Bologna, alcuni anni fa, che gli valse la convocazione e l’esordio con la maglia azzurra della Nazionale Italiana. Successivamente la costante della discontinuità di rendimento della sua unica stagione al Napoli che ha convinto il patron partenopeo DeLaurentiis a scaricarlo al TORO di Cairo allo stesso “prezzo di fabbrica” con il quale un anno prima lo aveva prelevato appunto dalla Società felsinea, ossia circa 24 milioni di euro, una cifra assolutamente esorbitante in rapporto al reale valore tecnico dello stesso ragazzo di Broni. Nella sostanza durante la stagione nel Napoli che avrebbe dovuto sancire la sua definitiva consacrazione, egli delude totalmente le aspettative sia della stampa specializzata sia dello stesso ambiente partenopeo, ragione per la quale dopo una lunga ed estenuante trattativa estiva sul prezzo del cartellino durante le ultime ore di mercato della sessione estiva del 2019 il Presidente napoletano ha l’abilità di “scaricare il “pacco” confezionato all’incompetente Cairo all’identico prezzo con il quale, ribadisco, lo aveva prelevato appena un anno prima dal Bologna. Purtroppo la cronaca oggettiva dei fatti documenta la prosecuzione del flop, sotto l’aspetto tecnico, delle prestazioni di Verdi, la cui assoluta discontinuità di rendimento è sotto gli occhi di tutti dallo scorso Settembre 2019, ossia da oltre un anno, quindi nella fattispecie il periodo in cui egli iniziò il suo secondo ciclo in maglia granata.
    Aldilà della conclamata discontinuità di rendimento, Verdi non è assolutamente supportato da una struttura fisica adeguata, sotto l’aspetto atletico, per cui immancabilmente perde tutti i contrasti in campo con i calciatori della squadra avversaria. Anche sotto porta, negli ultimi sedici metri dell’area di rigore, la sua evidente fragilità fisica lo penalizza fortemente e infatti spesso il suo tiro non è dotato della necessaria potenza, anche soltanto per mettere in difficoltà il portiere avversario. La Redazione di ToroNews evidenzia l’errore di Verdi in occasione della clamorosa occasione fallita durante il secondo tempo di TORO – Cagliari con il pallone scagliato da buona posizione, all’interno dell’area, nettamente alto sopra la traversa, personalmente ricordo una topica assoluta ancora di superiore entità rispetto a quella citata. Infatti durante il secondo tempo di TORO – Lazio Verdi non sfrutta un perfetto assist del “Gallo” Belotti e difatti, con la porta assolutamente sguarnita, con una postura assolutamente scoordinata arriva sulla sfera e ad un metro dalla stessa coglie incredibilmente il palo. Ritengo che in quella circostanza una “topica” del genere ossia un tale macroscopico errore individuale a ridosso della porta vuota documenta senza s e senza ma l’assoluta pochezza tecnica di un attaccante assolutamente sopravalutato, ribadisco, nell’identica misura di Zaza dall’ambiente del calcio professionistico. Come già evidenziato nei precedenti post personali ritengo che per l’attaccante lucano dall’assurdo ingaggio milionario il tempo delle verifiche è scaduto per cui è assolutamente auspicabile una cessione a titolo definitivo in occasione dell’imminente sessione di mercato che decorre Lunedì prossimo 4 Gennaio, tuttavia nel caso specifico di Verdi ritengo legittimo concedergli con pazienza ancora la seconda parte della stagione in corso nella speranza che possa ancora riscattare la stagione e mezza fallimentare sino ad oggi disputata e quindi nella sostanza smentire il totale scetticismo che si manifesta attorno a lui in considerazione appunto del suo rendimento assolutamente discontinuo che ha caratterizzato troppe deludenti prestazioni individuali. Amen. Alè TORO !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. pupi - 4 settimane fa

    5,5? Ma cosa deve fare di meno per meritarsi un bel 3! Perché è questo ciò che merita, considerando costo e aspettative, evidentemente sballate.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Toroperduto - 4 settimane fa

    Avessi avuto voi a darmi i voti a scuola ahhhh quanti ceffoni in meno avrei preso i miei 3 e 4 sarebbero stati tutti 5,5-6-7.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. GiaguaroGranata - 4 settimane fa

    Verdi è un cessone e serve la cessione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Il_Principe_della_Zolla - 4 settimane fa

    Va beh! lo sanno anche i muri che è stata un’operazione compiacente tra il re del giornaletto e il re del cinepanettone (tra i due re di cartapesta, noi abbiamo pescato il peggiore, va da sé), ma oltre ad essere scarso è pure presuntuoso. Sarebbe da svendere, ma non se lo prende nessuno uno così, nemmeno nel Qatar.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Bacigalupo1967 - 4 settimane fa

    Se Cairo merita 7 come presidente, il 5,5 a Verdi e Zaza è più che meritato anzi è un pochino stretto.
    Abbiamo un bel presidente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. GalloMania - 4 settimane fa

    Ma danno 5.5 a tutti i giocatori. Siamo 12esimi in classifica? Forse l’ho letta male

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. granatadellabassa - 4 settimane fa

    5,5 mi sembra troppo generoso, Francamente non capisco il metro di giudizio con cui vengono dati i voti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Bela Bartok - 4 settimane fa

    Non serve un cambio di registro, serve una cessione. Tanto è capace a fare una cosa ed una sola: l’ala destra nell’attacco a tre. Lo sposti di 2 metri e non capisce più nulla. O prendiamo un allenatore che gioca con le tre punte o è inutile insistere, cediamolo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. granatadellabassa - 4 settimane fa

      Sante parole. Possibile che nessun giornalista chieda a Cairo con che criterio scelga gli allenatori? In questi anni avevamo una rosa ricca di attaccanti esterni e andiamo a prendere Mazzarri che fa il 3-5-2 e Giampaolo che fa il 4-3-1-2. Manco fossimo una società che spende e spande in sede di mercato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bela Bartok - 4 settimane fa

        Mi sa che li sceglie a simpatia personale, infatti l’unico che ha funzionato è stato Ventura che non ha scelto lui ma Petrachi. Bisogna però anche ammettere che Verdi l’ha voluto proprio Mazzarri, convinto di poterlo trasformare in trequartista.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. rolandinho9 - 4 settimane fa

    Da prendere subito sul mercato con un paio di milioni PATRICK BERG, play del Bodo Glimt, quello é fare mercato, non parlare di mediani di 28 anni a 7/8 milioni stati tutta la carriera al Nantes o dei soliti Duncan e Eysseric…io veramente mi chiedo, ma per cosa li pagano i DS se non devono scoprire nulla ma comprare sempre l usato, quel regista del bodo vale 1000 Rincon e si vede in 3 secondi e costa nulla. CHI NON RISICA NON ROSICA dice un detto, sveglia! Tocca rischiare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. nicodeimos8_13775722 - 4 settimane fa

      Ti sei mai chiesto perché l’Atalanta scopre ad ottimo prezzo Gosens De Roon Freuler Toloi Djimsiti, l’Udinese idem con De Paul e negli anni passati decine e decine di ottimi giocatori a costo “nullo”, il Milan pesca un Hauge fantastico, la Lazio trova un Caicedo o un Patric di ottima scorta, mentre noi riusciamo solo a pescare un sanchez pino, un vesovic, un menga manga, un meite, un bellomo, un carlao, un sansone, un djidji, un zavagno, uno stevanovic, un sudiq? Sbagliare un anno ci puó stare, 2 anche, 3 cominci ad essere insulso, 4 lo fai proprio apposta! LO INSEGNANO PERSINO NEI PAESINI SPERDUTI DELL’HIMALAYA KE UNA SOCIETÁ NON RICCA E POTENTE COME LE BIG PER POTER COMPETERE LO STESSO E MAGARI PURE VINCERE DEVE AVERE UN’OTTIMA RETE DI OSSERVATORI E UN OTTIMO SETTORE GIOVANILE ALLE SPALLE! CON CAIRO COSA ABBIAMO DI TUTTO QUESTO? E non venite a dirmi ke la Primavera per 2-3 anni ha vinto trofei.. Bene, ki ha prodotto? EDERA? MILLICO? CARISSONI? D’ALENA? BARRECA? GILLI? CUCCHIETTI? DE ANGELIS? OUKADDA? DEBELJU? DANZA? BUTIC? DOVE SONO TUTTI QUESTI QUI, KI SONO?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. rolandinho9 - 4 settimane fa

        Ma infatti pienamente d accordo e in aggiunta io penso che ad oggi 2020 con tutti gli strumenti esistenti sia anche estremamente facile fare scouting, molto più di una volta in cui c erano molte meno statistiche video dati tv e bisognava avere L “ occhio fino “ e vedere tante partite di persona allo stadio. Se vedi su transfermarket la nostra rosa “ vale “ 162 milioni, i Rangers ( fenomenali ) 61, ci danno 4-0 e il Bodo Glimt 8 milioni… nel loro campionato hanno fatto 81 punti e 100 gol in 30 partite…ok in Norvegia ma in Italia fanno metà classifica é valgono 1/20 di noi sulla carta. Fare mercato non è difficile, ma bisogna non farsi portare in giro dai procuratori é essere liberi e coraggiosi ( sempre che ancora sia possibile

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. nicodeimos8_13775722 - 4 settimane fa

          Liberi e Coraggiosi…… 2 parole SCOMPARSE con la cairese

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Emilianozapata - 4 settimane fa

    Capitolo Verdi. Era già da noi, anni fa. Bravo ma troppo esile, si disse. E venne ceduto. Gli capita di avere due buone stagioni, che evidentemente valgono 10 mln a stagione, se tanto lo abbiamo pagato. Verdi? È come quegli quadretti carini che per qualche motivo sono finiti in solaio
    Un giorno mentre frughi tra le carabattole lo ritrovi e dici: carino, ma come ho potuto relegarlo in solaio? E così lo spolveri e te lo riporti in casa. Dopo qualche giorno capisci perché lo hai spedito in solaio e ce lo rimetti. Peccato che nel frattempo hai speso un occhio per mettergli una bella cornice.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. granataLondinese - 4 settimane fa

    Bravi cmq il 5.5 è il nuovo 3 in pagella

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. rolandinho9 - 4 settimane fa

      Esatto,quello che vuol dire adeguarsi alla mediocrità! Gravissimo errore. Mettetegli 3, quello merita, lo sa anche lui che é stato irriconoscibile, mica c’è niente di male, solo che si merita 3

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy