Longo e le amichevoli in famiglia allo stadio: così il Torino si prepara al campionato

Longo e le amichevoli in famiglia allo stadio: così il Torino si prepara al campionato

La situazione / I granata torneranno in campo il 20 giugno alle 19.30 contro i crociati di Roberto D’Aversa

di Luca Sardo

Manca sempre meno alla ripresa del campionato. Sabato 20 giugno alle 19.30 il Torino di Moreno Longo tornerà in campo a disputare una gara ufficiale dopo quasi quattro mesi dall’ultima (Napoli-Torino 2-1 del 29 febbraio). Per prepararsi al meglio, il Torino in queste settimane ha svolto – anche ieri mattina, sotto gli occhi vigili del presidente Urbano Cairo – alcune partitelle in famiglia a tutto campo allo stadio Olimpico Grande Torino.

Torino, partita in famiglia: doppiette di Belotti e Zaza sotto gli occhi di Cairo

LA RIPRESA – Per abituarsi al fatto di giocare senza pubblico, la società ha deciso di mettere a disposizione il Grande Torino per permettere alla squadra di ritrovare il feeling giusto con il terreno di gioco e per fare abituare i calciatori all’impatto psicologico dovuto al giocare in quello stadio senza i tifosi. Le amichevoli in famiglia sono l’unico modo per provare a riacquistare il ritmo partita, che verosimilmente i granata hanno perso dopo più di tre mesi. Fondamentale sarà per la squadra di Longo ripartire al cento per cento: la situazione in classifica non è delle migliori (i granata sono attualmente al quindicesimo posto con soli due punti di vantaggio dalla zona retrocessione) e in queste prime giornate di ripresa del campionato, Belotti e compagni dovranno affrontare fin da subito Parma, Udinese e Cagliari: è in questo trittico di partite che i granata si giocheranno una fetta importante di questa stagione.

RIPARTIRE AL MASSIMO – C’è da ricordare che la squadra dovrà fare a meno di Baselli (che è stato costretto ad operarsi al ginocchio) e per il primo mese circa anche di Verdi (out a causa di una lesione di primo grado al retto femorale sinistro). Per questo motivo i giocatori a disposizione di Longo dovranno dare il massimo per raggiungere immediatamente la salvezza, anche se dovranno fare a meno del calore e della spinta emotiva che avrebbero trasmesso i tifosi presenti all’Olimpico Grande Torino.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Madama_granata - 4 mesi fa

    Il Toro ha giocato le ultime partite in affanno, dando l’impressione di patire molto i dissensi, peraltro giustificati, dei tifosi granata.
    In questo particolare momento credo che per i nostri calciatori sia un vantaggio poter giocare senza pubblico.
    Il non sentirsi costamtemente sotto esame, il non sentirsi fischiare ad ogni errore, potrebbe aiutarli a giocare con più serenità e maggior concentrazione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. bertu62 - 4 mesi fa

    Partiamo dal fondo dell’articolo…
    Giocando a porte chiuse secondo Luca Sardo “..[i giocatori del Toro] dovranno fare a meno del calore e della spinta emotiva che avrebbero trasmesso i tifosi presenti all’Olimpico Grande Torino…”..Ora, io non so a quali partite abbia assistito oppure abbia visto ma assicuro Luca che ultimamente i tifosi del Toro facevano DI TUTTO TRANNE CHE INFONDERE CALORE ai giocatori granata e se proprio c’era da vedere UNA SPINTA era per mandarli il più velocemente possibile negli spogliatoi! Direi che il fatto di giocare a porte chiuse per quello che s’è visto sul campo ed allo stadio non potrà che FAR DEL BENE ai nostri giocatori: meno pressione, meno “ansia da prestazioni” e zero incubi di sentir partire bordate di fischi o cori tipo “andate a lavorare”….
    Andando sempre a ritroso nella rilettura dell’articolo c’è l’analisi del calendario da considerare: incontrare Parma Udinese e Cagliari può essere sia un vantaggio che uno svantaggio, ma considerando che il Parma era comunque già “”a scaletta” se non si fosse bloccato tutto per il COVID-19, gareggiare con Udinese e Cagliari adesso oppure dopo beh, sarebbe cambiato poco tanto avremmo dovuto comunque giocarci la partita di ritorno, e personalmente direi meglio giocare adesso con Loro che una “BIG” (e per BIG intendo le prime 6 del campionato), e così ci agganciamo al resto dell’articolo che parla sostanzialmente di “COME E’ MESSO IL TORO OGGI”…
    Soprattutto a beneficio del “caro amico” ragliante (come ama definirsi, come contraddirlo??), detto che a parer mio le cessioni hanno avuto una Loro “logica” (Parigini aspettato in eterno, Iago era infortunato e non gli si garantiva minutaggio sufficiente, Bonifazi sovrannumero nel reparto e “forse” utilizzato per arrivare ad “altri” della Spal, Laxalt richiesto indietro da Milan),
    detto che NON SO perché al Loro posto non sia stato preso nessuno, immagino (ma è un’ipotesi, francamente valida esattamente tanto quanto qualsiasi altra ipotesi…) perché Bava non aveva ancora “scaldato il motore” a sufficienza per un mercato, oltretutto, di Gennaio fatto principalmente di “seconde/terze scelte” e magari anche perché Mazzarri (che sedeva ancora in panchina..) abbia detto che “si fidava al 100% dei ragazzi” che aveva con sé già dall’anno scorso,
    detto anzi RI-DETTO ciò (a beneficio dei “testardi”…) abbiamo una rosa “contata”, indubbiamente, però tanto per cominciare è sicuramente di qualità superiore rispetto alla posizione attuale di classifica, e questo lo diciamo noi tutti (basta vedere i vari sondaggi) oltre che “gli esperti del settore”, e questo significa che “sulla carta” abbiamo anzi HANNO nei piedi la possibilità di migliorare la classifica…
    La classifica però viene determinata dal punteggio alla fine partite, dopo che le squadre si sono incontrate: adesso si riparte anzi SI PARTE CON UN MINI TORNEO, dove siamo TUTTI alla pari, 3 mesi fermi, infortuni e convalescenze e 5 sostituzioni che sono tutte NOVITA’ PER TUTTI (a proposito, nel Milan dei Miliardari Americani Pioli ha fatto giocare un 2000 dal 52′, e Laxalt, per dire, è entrato a fine partita, come mai? Eppure si giocavano l’accesso alla finale di Coppa Italia, mica la Coppa del Bar Sport, mentre Sacchi ha “fatto una cazzata” ((parole Sue)) sostituendo 3 giocatori in una volta sola, mentre Conte addirittura ha sostituito gli ultimi 2 giocatori all’85°…), ed è una cosa che “livella” ulteriormente i gap che potevano esserci PRIMA dell’interruzione…Interruzione fra l’altro che, nel caso del Toro, potrebbe (condizionale) essere servita ad appianare i dissidi, a chiarire le cose in sospeso o, alla peggio, a prendere delle decisioni in merito alla cessione il prossimo anno… Ed in proposito di cessioni, ho letto che sarebbero in tanti “con la valigia in mano”: beh, considerato COME si sono comportati “questi professionisti” nel momento che sono rimasti dall’anno scorso, mi verrebbe da dire MENO MALE! Continuando il Festival delle frasi fatte, “non vogliamo giocatori che non danno il 110%”, oppure “non vogliamo mercenari” oppure “se non si sentono orgogliosi del Granata che vadano pure via” ecc…ecc….Però tutte hanno un fondo di verità: ed oramai anche le altre frasi fatte tipo “Cairo braccino corto” oppure “Cairo spilorcio” non hanno più senso, visto il denaro speso in cartellini (magari speso male, MA SPESO..)…
    Tornando però alla rosa, ci sono stati “innesti” di giocatori senza esperienza e provenienti dalla Primavera, vero, però non è che PRIMA, cioè fino a Gennaio, le cose SENZA DI LORO andassero benissimo, o sbaglio? Non è che quando ci si è fermati avevamo 57punti, neanche 47, e neppure 37, ma 27, giusto? Certo, a Gennaio magari sarebbe stato bello se fossero arrivati 2 centrocampisti bravi e sani, una punta brava e sana al posto di Zaza, un’altra punta brava e sana per fare da riserva al Gallo, un portiere bravo e sano da fare da riserva a Sirigu, un N’Koulou BIS magari e un Izzo-bis, così tanto per gradire, MA NON E’ SUCCESSO, giusto?
    Adesso abbiamo un MIX di giovani e “meno giovani, ma più esperti” che DEVONO tirarsi su le maniche (un po’ come faceva IL LEGGENDARIO CAPITAN VALENTINO….) e darsi da fare, anche PER LORO STESSI ammesso che abbiano davvero l’intenzione di cambiare maglia, CHI li prenderebbe se continuassero a giocare DA SCHIFO?
    ————
    Quindi, che facciamo noi tifosi, continuiamo ad infestare i forum di Post dove condanniamo tutto e tutti, dove ci diciamo che finiremo in B, dove prendiamo per i fondelli quelli che cercano motivi per vedere il bicchiere mezzo pieno, oppure “svoltiamo”, ci diamo un taglio A TUTTA STA NEGATIVITÀ e ci crediamo per davvero? NON PARTIAMO BATTUTI! CE LA GIOCHIAMO FINO IN FONDO!!!
    FV♥G!! SEMPRE!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy