Toro, pochi cambi e tardivi: Giampaolo non ritiene affidabile chi ha in panchina?

L’approfondimento / L’unica eccezione la gara vinta con il Genoa. Le assenze non sono mancate, ma la squadra non è mai stata in emergenza…

di Alberto Giulini, @albigiulini
Giampaolo

Cambi a gara in corso? Pochi, spesso anche tardivi. Dietro al problema delle rimonte subite, oltre ad un’importante componente psicologica, c’è anche una squadra che con il passare dei minuti esaurisce la benzina e troppo spesso non può contare su risorse fresche dalla panchina. Una situazione che si è presentata sabato sera nel derby, ma non si è trattato di un caso isolato. Procediamo con ordine. Minuto 75, Toro in vantaggio ma che già fatica ad uscire da parecchio dalla sua metà campo: Giampaolo decide di inserire Lukic per Zaza. Quindi, al 90′ e con la Juve in vantaggio, tocca a Bonazzoli e Segre per Linetty ed Ansaldi. Mosse che, di fatto, si sono rivelate tardive e pressoché inutili.

TURIN, ITALY – DECEMBER 05: Matthijs De Ligt and Leonardo Bonucci of Juventus celebrate their sides victory after the Serie A match between Juventus and Torino FC at Allianz Stadium on December 05, 2020 in Turin, Italy. Football Stadiums around Italy remain empty due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in fixtures being played behind closed doors. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

NEL DERBY – Nel caso del derby, non mancano comunque alcune attenuanti per il tecnico. Detto che la difesa generalmente non si tocca a gara in corso, gli unici cambi veri e propri dal centrocampo in su erano Segre, Edera e Bonazzoli. Vojvoda, Lukic e Gojak rientravano infatti da inattività dovuta a Covid e l’altra opportunità era il Primavera Vianni. Che Giampaolo non ritenga Edera funzionale al suo gioco è ormai cosa nota, ma evidentemente il giudizio va in parte esteso anche a Segre e soprattutto Bonazzoli: nei loro confronti sono arrivate belle parole, ma per non inserirli in un momento in cui servivano cambi probabilmente il tecnico non li ha ritenuti affidabili. Due pedine come Verdi e Murru – oltre al lungodegente Baselli – avrebbero sicuramente fatto comodo per portare freschezza, ma la questione dei giocatori a disposizione andrà sicuramente approfondita da parte di tecnico e società.

IN CAMPIONATO – Il problema dei cambi si è infatti posto fin dalla prima giornata di campionato. A Firenze la prima sostituzione arrivò al 69′ e così via anche nelle gare successive: 64′ con l’Atalanta, 79′ con il Cagliari, 62′ con il Sassuolo, 70′ con la Lazio, 65′ con il Crotone, 85′ con l’Inter (Verdi uscì nel primo tempo ma per infortunio), 71′ con la Sampdoria e infine 75′ nel derby. L’unica eccezione è rappresentata dalla gara contro il Genoa, quando Giampaolo ricorse ad un triplo cambio al 53′. E forse non è un caso che proprio quella sia stata l’unica gara vinta e dominata fino all’inizio dei minuti di recupero. È comunque giusto ribadire che il tecnico ha dovuto fare i conti con assenze importanti, tra Covid e altri problemi fisici, ma gli indisponibili non sono mai stati un numero tale da parlare di emergenza. A questo punto è lecito chiedersi se Giampaolo non ritenga inadeguati alla causa o non ancora pronti certi giocatori di cui dispone. Perché senza fare ricorso alla panchina, è difficile non ipotizzare un fisiologico calo nei secondi tempi.

57 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. altoro - 1 mese fa

    Alla data odierna risulta un dato oggettivo che Giampaolo non si fida assolutamente delle cosiddette seconde linee a disposizione in panchina. In conferenza stampa con enorme ipocrisia lo stesso tecnico abruzzese afferma testualmente che ” nel calcio attuale del 2020, costituito da vari e differenti sistemi di gioco non ha più senso parlare di formazione titolare”, tuttavia nella cronaca dei fatti e nell’applicazione delle scelte tecniche egli si smentisce clamorosamente in quanto si affida ai soliti noti elementi, da lui evidentemente ritenuti maggiormente affidabili e quindi sostanzialmente “intoccabili”. Il dato che mi rende assolutamente perplesso ò il seguente : neppure di fronte all’evidente black-out collettivo di tenuta mentale e atletica della squadra granata che si registra con frequenza costante e modalità cronica durante il secondo tempo egli non percepisce il pericolo incombente provvedendo a sostituire tempestivamente, a mio parere, indicativamente già dopo circa venti minuti della stessa ripresa gli elementi già sulle gambe per l’evidente precaria condizione fisica … .
    Nel derby di sabato sera alludo in particolare all’esausto trentaquatrenne Ansaldi, il quale, per il dispendio di energie fisiche che le sue giocate, sempre apprezzabili, sotto l’aspetto tecnico, fatte di improvvise e continue sterzate e buona dinamicità, ad oggi è tarato soltanto per circa 70 minuti al massimo a partita, e l’inguardabile Meitè, il quale perde in media almeno 4/5 palloni sanguinosi a partita senza che lo stesso abbia l’energia nè tantomeno la determinazione per inseguire l’avversario che gli ha sottratto la sfera. Ribadisco l’opinione personale per cui l’esito della partita interna di sabato prossimo contro l’Udinese sarà decisivo per la sorte di Giampaolo sulla panchina granata. Come tutti i fratelli granata del forum, naturalmente faccio gli scongiuri che il TORO ottenga il successo contro la squadra friulana e presto possa risollevarsi dall’attuale deprimente posizione in classifica.
    Alè TORO !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. oscarfc - 1 mese fa

    Vedo che state continuando a discutere la qualità della panchina, si potevanon cambiare, non c’erano sostituti adeguati, etc.
    Tuttavia per decidere cosa bisognava fare basta guardare i risultati otttenuti.
    Con questa strategia dei cambi ritardati e ridotti abbiamo subito una perdita di 19 punti.
    Tolta la partita con il Sassuolo e con la Sampdoria le rimonte subite ci hanno sempre portato alla sconfitta.
    Si può quindi dire senza tema di smentita che qualche cambio in più, ma ben fatto non come quello di Zaza con Lukcic per ragioni già spiegate da altri e che non ripeto, avrebbe nel peggiore dei casi portato agli stessi risultati ma probabilmente avrebbe portato risultati migliori.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Innav (CAIROVATTENEINBELIZE) - 1 mese fa

    Più che altro non ha nemmeno i titolari che gli avevano promesso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. leggendagranata - 1 mese fa

    Assolvere Giampaolo attribuendo ad altri colpe che sono soltanto sue mi sembra una vera sciocchezza. Con ciò non dico che di calcio non capisce nulla o che è cotto. Il Toro gioca meglio delle stagioni precedenti, ma poi crolla. E’ una costante, possibile che Giampaolo non sappia prendere delle contromisure rimediando dalla panchina ai buchi che si vedono in campo? Con Inter, Sampdoria e Juventus (tanto per citare le ultime tre partite) Conte, Ranieri e Pirlo gli hanno dato una lezione di strategia, inutile nasconderlo. L’ articolista adombra la possibilità che non si fidi di chi va in panchina, giustificazione plausibile, ma io aggiungo che tende anche a difendere i quattro che ha voluto e che si stanno rivelando giocatori abbastanza mediocri. Per trovare un posto a Rodriguez lo ha spostato a fare il terzo centrale di difesa, mandando in panchina o ‘Nkoulou (che ieri ha dimostrato di essere ancora molto utile al Toro) o Bremer, che ieri nel finale avrebbe fatto molto comodo per prendere i palloni di testa. E poi con Segre mantiene un atteggiamento ostruzionistico incomprensibile. Segre e Singo dovevano essere le due vere novità di questo Toro, dopo una campagna acquisti mediocre. Linfa giovane e freschezza da gettare nella mischia. Ma Segre, come si è visto ieri anche nei pochi minuti di partita giocati, può soffiare degnamente il posto a Lynetti e allora panchina. Ma mi sbilancio in una previsione: vuoi vedere che nella prossima partita, obtorto collo e vista la pessima classifica, lo mette dal primo minuto? In fondo, nonostante quello che dice il presidente, la sua panchina sta scottando assai.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Ardi - 1 mese fa

    “La squadra non è mai stata in emergenza “. Ora la squadra è in emergenza, soprattutto a centrocampo da anni, in più si sono aggiunti diversi giocatori col covid e verdi infortunato Concordo sul fatto che le sostituzioni andavano fatte comunque, ma dire che la squadra non è in emergenza è un emerita caxxata. Persino i titolari non sono adeguati, più ci sono giocatori come Sirigu, che ringrazio per gli anni scorsi, che quest’anno è responsabile o corresponsabile di molti gol che ci hanno fatto perdere le partite.Poi mi fa impazzire il fatto che si riesca a dar contro a Giampaolo, sia se adotta il suo metodo di gioco pur non avendone i giocatori adatti, sia perché si adatta al 352 , perché invece di dire che fa legna con quello che ha pur di riuscire ad ottenere un risultato, si dice che è in confusione. Insomma la sostanza è che fino a che cairo sarà presidente, per un motivo o per l’altro, e i motivi sono sempre plurimi, la squadra non funzionerà mai. Lasciamo perdere poi il fatto sulla gestione societaria e delle infrastrutture, l’ultima delle follie è stato mandare via Milanetto coi suoi osservatori, perché la fatto? Per risparmiare qualche euro? Non credo, l’investimento avrebbe portato nel tempo ad avere un ritorno in termini di giocatori scoperti utili sia in campo che per le sue plusvalenze. Allora perché?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. michelebrillada@gmail.com - 1 mese fa

    buon giorno il sig gianpaolo non capisce piu nulla non si fida di chi ha in panchina e chi ha giocato a calcio sa che la fiducia anche se sai di essere una cosi detta riserva non deve mai mancare anzi il mister ti deve tenere sempre sulla corda per farti sentire importante cosa che non fa gianpaolo anzi di edera ,segre,bonazzoli (che per me vale trenta zaza),millico.buongiorno ecc non gliene importa nulla ha una squadra preparata per 70 minuti (peccato che le partite durino 96 minuti)e poi uno che mi viene a dire che lo scarpone rincon è un regista o è in malafede o di calcio proprio non ci capisce nulla

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. bertu62 - 1 mese fa

    Buongiorno a tutti…
    Leggevo in questi giorni che per alcuni è cominciato il processo a Giampaolo mentre per altri il processo continua, ma credo sia un grosso errore addossare le responsabilità di questa situazione a Lui, Lui che è arrivato anche a cambiare il Suo modo di vedere e di fare calcio, da un modulo (4-3-1-2) che prevede l’utilizzo di una difesa composta da 2 centrali e 2 terzini con play basso trequartista e mezzeali più 2 punte ad un modulo che vede ben 5 difensori (3 centrali più 2 terzini) ed un centrocampo di incontristi con 1 punta (Belotti) di sacrificio ed una mezzapunta di manovra, e questo perché? Il perché lo ha chiarito Lui stesso in conferenza stampa post-derby: perché questa squadra, con questi giocatori, non riesce a PALLEGGIARE, non riesce a “gestire il pallone” facendo giro palla veloce, non riesce a “tenere” per la durata dell’intera partita né fisicamente né mentalmente, punto.
    Che fosse un campionato di sofferenza lo si sapeva, per lo meno lo sapevano/capivano bene coloro che “masticano” di calcio, perché per arrivare a giocare secondo il modo/modulo di Giampaolo si sarebbe dovuta stravolgere COMPLETAMENTE la squadra, si sarebbero dovuti cambiare ALMENO 3/4 della rosa, ed invece vuoi per un motivo vuoi per un altro i giocatori sono rimasti sostanzialmente gli stessi con ben DUE aggravanti:
    1) che i ruoli FONDAMENTALI per il gioco di Giampaolo sono rimasti scoperti e si è dovuto ricorrere ad “adattare” Rincon a fare il play basso e trovare (per fortuna) un Lukic come 3/4rtista dopo aver provato un po’ tutti in quella posizione…
    2) che quei giocatori che avevano già in passato manifestato (per usare un eufemismo) la volontà di andar via sono ancora rimasti, acuendo l’acredine nei confronti della Società e (probabilmente) contribuendo in maniera attiva alle prestazioni ALLUCINANTI di questo inizio di campionato….
    La “soluzione” del cambio allenatore non porterebbe a nulla, lo abbiamo vissuto in passato ed anche solo pochi mesi con l’avvicendamento Longo per Mazzarri: la squadra era totalmente allo sbando prima con Mazzarri ed è rimasta sbandato dopo con Longo, ed il cambio-modulo di Giampaolo (invocato da molti come “IL RIMEDIO”…) non ha portato a nulla, a dimostrazione che NON E’ un problema di modulo, di difesa o di giocatori fuori-ruolo, né tantomeno di cambi in panchina non all’altezza, il problema sta proprio nel fatto a Gennaio si dovrebbe continuare a lavorare PESANTEMENTE sia in uscita che in entrata, liberando chi vuole cambiare aria anche a costo di rimetterci dei soldi dato che l’alternativa sarebbe ancora peggiore, e prendendo giocatori anche NON di nome bensì FUNZIONALI….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Salentogranata - 1 mese fa

      Mi scusi signor Bertu ma quando dice che il cambiamento non ha portato a nulla non mi sembra veritiero: con l’ultimo Mazzarri si era sempre in difesa e passaggio lungo e se ci andava bene un tiro in porta lo facevamo..con Longo non è cambiato nulla se non qualche azione in più ma nulla di che..con Giampaolo ( che a me non piace per non aver polso e che per statistiche le sue squadre giocano solo un girone, ma piace soltanto il modulo che usa) le azioni le creano, giocano o almeno ci provano.. almeno fino a che non decidono di spegnere l’interruttore..cioè quasi sempre tutto il secondo tempo!
      Un cambio di allenatore non penso sia una panacea anche perché lo abbiamo già visto..cambiamo gli allenatori ma il risultato è oramai lo stesso da un anno e mezzo ( mi riferisco ai risultati) qua è proprio un problema di testa senza lasciare nessuno in disparte,ci vorrebbe un reset totale sperando che si sveglino presto perché quest’anno non ci sono Spal Brescia o il Lecce che fa harakiri!
      Una buona Immacolata a tutti
      E sempre Forza Toro

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Bischero - 1 mese fa

      Ci hai messo un po’ a capirlo. Ma quando te lo dicevo io glissavi. Ora continua a fare outing… Ci stai riuscendo. Il prossimo passo é ammettere che Cairo é un peto maleodorante ed é tutta colpa sua

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Innav (CAIROVATTENEINBELIZE) - 1 mese fa

      L’altro motivo qual’e?
      Il tuo datore non ha speso un euro. Io conosco solo questo motivo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Bischero - 1 mese fa

    I cambi non sono all altezza? Ammazza… Perspicacia. Direi che anche alcuni titolari non lo sono.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. granataLondinese - 1 mese fa

    Tra covid, mezze seghe e infortuni e’ dura.

    Tuttavia insisto che poteva cambiare gli esterni spompi o passare al 4312

    Izzo e Bremer dentro e provare Lyanco davanti alla difesa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. rossomalpelo - 1 mese fa

    Leggo tante domande, tanti dubbi, tante possibili soluzioni e/o alternative, anche tante baggianate, a partire da quelli che vorrebbero il ritorno del “vin brulè” livornese, magari per cancellare anche le ultime fievoli e quasi spente speranze di restare nella massima serie.

    Poi guardo questa società di falliti, il suo padrone mandrogno, il DG, il DS (perlatro tutti colpevolmente muti, assenti o dispersi) nonchè l’organigramma dei vari lacchè, allenatore copreso, e mi viene da ridere al pensiero che un’armata Brancaleone cone questa possa essere presa sul serio a qualsiasi livello, anche queelo di noi tifosi, e avere un programma, un progetto e un futuro.

    Quello che non poterono i vari Goveani, Vidulich, Regis Milano, Calleri, Cimminelli e Romero, con il mandrogno è diventato realtà, onta, vergogna, disonore e fine della storia.

    Il Toro resterà per sempre e nessuno potrà mai cancellarlo, nemmeno questa accozzaglia di mercenari, opportunisti e lacchè chiamata cairese.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Blasphemous !Sentenza.3! - 1 mese fa

    Viste le ultime dichiarazioni di Jumpy direi che non ritiene all’altezza nemmeno che va in campo. Comunque tranquilli, sta nascendo un bel torello, ci sono le basi per la svolta del.prossimo anno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bischero - 1 mese fa

      Concordo. Gemello in porta. Sìngo bremer buongiorno in difesa. Segre e magari rincon con gojak. Millico rauti ed edera in attacco. Poi dentro altri 10 di categoria. Per la serie b qualcosa c’è.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. paulinStantun - 1 mese fa

        A parere mio con quella squadra il passaggio di categoria sarebbe molto probabile.
        (naturalmente parlavo dalla B alla C)

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Gigiotto - 1 mese fa

    Ma non scherziamo, anche se poco affidabili vanno buttati in campo per venti minuti,molti erano in apnea.
    Vogliamo parlare del risultatorisultato? al limite si perdeva com’è successo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Héctor Belascoarán - 1 mese fa

    Perché era fuori condizione con pochi allenamenti. Ha rischiato Lukic perché lo ritiene il più affidabile, ma guardiamo in faccia la realta: non abbiamo panchina. Segre non lo vede (e da ieri non lo vediamo pure noi), Bonazzoli? Aveva dei difensori ma erano gli unici che stavano tenendo bene. D’accordo con @Daniele.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Héctor Belascoarán - 1 mese fa

      Era una risposta @Donato…
      Maledette microtastoere.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. donato - 1 mese fa

      Si hai ragione ma anche Lukic era fuori condizione causa Covid. Comunque concordo con te, come detto altrove, siamo senza una panchina all’altezza

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Nero77 - 1 mese fa

    Tranquilli il Mago di Gallarate e il tronista di Uomini&Donne sono stati confermati.I 10 punti alla pausa natalizia non sono più un miraggio!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Fantomen - 1 mese fa

    Non so se resterà o no ma su tutto mercatoweb ho letto dei nomi da accaponare la pelle ……Nicola Longo semplici d’aversa…….manca novellino e deviasi e abbiamo toccato il fondo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. donato - 1 mese fa

      Speriamo che resti GP, significherebbe che dopo il gioco arriverebbero i punti
      Sui sostituti, di solito si sparano nomi a caso; D’Aversa andrebbe al Monza e al Toro contemporaneamente
      Nicola, deve essere un rompicoglioni perché ottiene sempre il risultato partendo da situazioni quasi irrecuperabili. Nonostante ciò poi non viene riconfermato. Genoa è l’ultimo caso, prima ancora Udinese, Crotone, Bari
      De Biasi è il tecnico dell’Arzebaijan
      Longo…. mi taccio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Cup - 1 mese fa

    Non si doveva prendere Giampaolo, un mediocre che non ha mai fatto niente. Era peraltro impensabile che si potesse dargli la squadra che chiedeva, anche con un’altra dirigenza, figuriamoci la nostra. Abbiamo finito per cercare di rinforzare la squadra con i giocatori della Samp, peraltro richiesti da Giampaolo, molti dei quali nemmeno titolari. Murru e Bonazzoli non andranno bene nemmeno per la B se ci finiremo. Linetty mi fa rimpiangere Benassi… Rodriguez preso per fare il terzino funziona meglio come centrale nella difesa a tre. Forse l’unico acquisto abbastanza buono è stato Vojvoda, che però richia di frebnare l’ascesa di Singo. E tutti a piangere per Torreira che non è arrivato e mi pare che dove si trova gioca pochissimo. Ma puntare su un allenatore vero, emergente, e solo su due o tre giocatori veramente forti e nei ruoli giusti era proprio così difficile?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. paulinStantun - 1 mese fa

      Fai un nome di allenatore che secondo te sarebbe andato bene??? Un emergente che non abbia subito esoneri ma che sia affidabile e che non costi 10 milioni l’anno???

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. masochismogranata - 1 mese fa

        uno che non si conosca e lo si scopra noi? uno che abbia le palle di decidere e di fare

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. paulinStantun - 1 mese fa

          Appunto, non sai chi dire… Se uno giudica che si doveva prendere un altro profilo, dovrebbe almeno avere l’idea di che profilo sia, altrimenti è troppo facile.

          Preferisco comunque GP rispetto a una cazzata come han fatto i gobbi di mettere una figurina dell’album panini a fare l’allenatore oppure prendere un signor nessuno “scoperto da noi” che al 99.9999% farebbe peggio di GP.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. donato - 1 mese fa

        Mourinho !!! 🙂

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. michelebrillada@gmail.com - 1 mese fa

        potrebbe anche aspettare qualche partita in panchina il sig sirigu parliamo di un portiere di rendimento che nella sua carriera prima di venire al torino ha fatto 2/3 anni di panchina fissa rincon è uno scarpone meitè ne fa sempre una giusta e tre sbagliate perde regolarmente palloni velenosi che costano gol con facilità

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      4. michelebrillada@gmail.com - 1 mese fa

        nicola d’aversa donadoni almeno gente che li prepara per 95 minuti e non per 60/70

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      5. renato (quello vero) - 1 mese fa

        Ad esempio Nicola,lo trovo un ottimo allenatore, ha una voglia matta di “emergere” come chiedi tu e ha altre doti che non enumero che non annoiarti…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 mese fa

    Premesso che a me Gianpaolo non piaceva, non riesco a incolpare lui di questo pessimo inizio campionato. Non ha avuto i giocatori che chiedeva e per la prima volta nella sua carriera si è adattato.
    E nel derby quali cambi poteva fare ?
    Lukic era appena guarito
    Segre non ha esperienza e non voleva bruciarlo (si è più cotto da solo lui con quella foto, che dimostra appunto di non essere ancora maturo )
    Bonazzoli per Zaza con tutto l’astio che provo per Zaza, è stato un indebolimento.
    Chi restava ? Bremer Izzo Savic ? Due difensori e un portiere di riserva …
    Credo che se avesse avuto a disposizione Verdi e Lukic avrebbe giocato con una sola punta e forse avremmo fatto meglio. Ma non li aveva..
    insomma, secondo me nel derby non ha colpe. Piuttosto contro l’Inter avrebbe dovuto togliere Rincon. Ma ha preferito la sua personalità senza notare che non aveva più benzina. E un Rincon o un Meite spompati sono delle zavorre.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. donato - 1 mese fa

      Scusa ma per Zaza è entrato proprio Lukic, che non ha mai toccato palla ed ha anche rischiato un rosso diretto dopo 1 minuto
      Bonazzoli forse sarebbe dovuto effettivamente entrare per Zaza

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 mese fa

      Donato@ mi riferivo ai cambi che ha fatto in generale. Per l’appunto, Lukic non era pronto e si è visto. Bonazzoli invece non è pronto e basta. Non penso sarebbe cambiato granché mettendolo in campo prima per Zaza

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. LeoJunior - 1 mese fa

    Ma vogliamo parlare dei cambi che possono fare Benevento, Crotone, Udinese, Sampdoria, etc.? Loro chi mettono dentro, dei palloni d’oro? Non diciamo fesserie. I nostri non sono inferiori a quelli. E’ una questione di paura anche in questo caso. Chi dice che la difesa non si cambia? Quindi meglio tenere Ansaldi che non la vedeva più e lasciare libero Quadrado piuttosto che mettere Bremer nei 3 e spostare Rodriguez sulla fascia? Ma pier piacere. Diciamo che lo staff non cambia per paura di decidere

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gl65 - 1 mese fa

      Se i giocatori sono in panchina vuol dire che 15 30 minuti li possono fare, quindi i cambi vanno fatti tutti e cinque, come fanno tutti gli allenatori quest’anno, e non al 90°. Forse Giampaolo non ha capito che è cambiata la regola

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. donato - 1 mese fa

      Esatto, Cuadrato andava limitato inserendo Bremer per Ansaldi e spostando Rodriguez

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. cos75 - 1 mese fa

      Sono d’accordo, quando hai dei giocatori che non ce la fanno più metti quelli freschi anche se li ritieni meno forti almeno ti possono aiutare con la corsa e la grinta che gli altri spompati non hanno più.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Cristiano.123 - 1 mese fa

    Non la penso esattamente cosi’.
    Nella partita precedente con la Sampdoria il saggio Ranieri sotto di una rete ha avuto il coraggio di stravolgere la propria squadra con ben 4 cambi all’ingresso del 2° tempo, e la panchina dei doriani non mi sembra assolutamente piu’ qualificata di quella granata.
    In panchina con la Juventus sedevano Frabotta, Dragusin, Portanova, Da Graca, giocatori attinti dalla squadra under 23 che in alcune occasioni hanno trovato modo di esordire ed accumulare minutaggio prezioso.
    Quanto ai reduci dalla degenza o sono abili ed arruolabili o non lo sono, non ci sono vie di mezzo quando il medico ne dispone l’idoneita’, seppure per 15/20 minuti avrebbero potuto offrire respiro ed un contributo di energie.
    Le sostituzioni operate oltre quella di Lukic per Zaza, sono al :
    90 + 2 di reupero Segre
    90 + 4 di recupero Bonazzoli
    che senso hanno se non mortificare il morale di questi giovani promettenti?
    Semmai viene da chiedersi se sia affidabile qualcun altro in panchina.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. MarchigianoGranata - 1 mese fa

      Sono d’accordo. MGP è ora di allontanarlo dalla panchina del Toro ed in fondo è quello che lui voleva; la societa, oltre a sbagliare a prenderlo, non gli ha poi preso i giocatori funzionali al suo gioco.
      Lui giustamente ci ha provato non rinunciando ad un bel mucchietto di soldi che avrebbe perso se avesse lasciato la panchina del Toro per le mancate promesse della società.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. michelebrillada@gmail.com - 1 mese fa

    è il mister che non va assolutamente bene non ha dei fenomeni ma non puo considerare meite ,rincon,sirigu inamovibili è assurdo solopensare (lo abbiamo detto e scritto tutti)che rincon possa fare il regista forse nel cinema ma sicuramente non nel calcio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. paulinStantun - 1 mese fa

      Meitè è stato considerato inamovibile (e in tempi che giocava pure peggio) da Mazzarri, da Longo ed infine da Giampaolo: saranno tutti allenatori più inesperti di noi che scriviamo su questo forum????
      Su Sirigu ho già detto più volte la mia: sta cannando l’impossibile, però a tanti portieri succede un periodo di un paio di mesi così.. aspettiamo a dargli fuoco…
      Rincon non piace neanche a me, non mi è mai piaciuto, però da garanzia di corsa e grinta.. spero che il rientro di baselli lo faccia passare un po’ in secondo piano

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. michelebrillada@gmail.com - 1 mese fa

        potrebbe anche aspettare qualche partita in panchina il sig sirigu parliamo di un portiere di rendimento che nella sua carriera prima di venire al torino ha fatto 2/3 anni di panchina fissa rincon è uno scarpone meitè ne fa sempre una giusta e tre sbagliate perde regolarmente palloni velenosi che costano gol con facilità

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Spliff - 1 mese fa

    Lukic 1 allenamento e la rifinitura. Gojak solo la rifinitura, Vojvoda Idem. Murru e Verdi out. Boh e chi poteva mettere? Più che togliere Zaza avrebbe potuto mettere lukic al posto di Meitè.. Ma poi fine delle fiera..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. michelebrillada@gmail.com - 1 mese fa

      zaza non lo deve fare giocare mai in tribuna è uno scempio solo vederlo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. iugen - 1 mese fa

    No, non condivido, mi spiace. Proprio perché i titolari non sono dei fenomeni, la differenza coi cambi non è così marcata. Giocando col 352 c’erano Lukic e Segre da poter mettere a centrocampo, Vojdova come esterno (20 minuti poteva giocarli, nonostante il Covid) e Bonazzoli in attacco, che non sarà un fenomeno ma per correre e pressare va bene (tanto non è che stessimo facendo chissà quale bel gioco). Lui invece ha lasciato gli stessi tre centrocampisti in campo fino al 90esimo. Errore madornale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. paulinStantun - 1 mese fa

      Non sono convinto di quello che dici. Lukic col senno di poi era quasi meglio non metterlo: non ha fatto quasi nulla che non sia un fallo che se lo buttavano fuori non è che ci si poteva poi lamentare tanto (non per colpa sua ma era visibilmente fuori forma) e temo che Vojvoda sarebbe stato lo stesso, con l’aggravante che essendo difensore sarebbe stato ancora più sotto pressione.
      Bonazzoli e Segre ok, forse si sarebbe potuto mettere Bremer e spostare Rodriguez ma tutto li…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. oscarfc - 1 mese fa

        ..e hai detto poco.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. dennislaw - 1 mese fa

    I cambi o i mancati cambi sono il peggior errore di GP. L’ho già scritto : ha una panchina che è quasi dello stesso livello dei titolari,a parte 4 giocatori : Belotti, Zaza, ora Singo e Verdi, forse( speriano che si riprenda) Sirigu.E’ un limite molto grave , nel campionato dei 5 cambi, il mister sembra incerto e confuso in panchina. . Ranieri ne ha fatti 4 a inizio ripresa e ci ha rimontati, così Pirlo . Lui uno ( fino al 90 esimo) e l’ha pure sbagliato: Lukic per Zaza, così Bonucci è potuto salire e ha segnato. In panchina sedevano Brener, Izzo, Segre, Voivoda, lo stesso Bongiorno mentre in campo vagavano stremati Ansaldi, Rincon, Meitè ( che si sa regge poco) ,Linetti…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. paulinStantun - 1 mese fa

      Boh non ci capirò nulla di calcio ma come diavolo fai a mettere Zaza tra quelli “buoni”????
      E’ una attaccante ma ha gli stessi goal di Meitè (che è lo scarsone per partito preso) e un terzo di quelli di Lukic, si mangia dei goal fatti che quando li mangia Verdi viene (giustamente) crocifisso gioca nello stesso ruolo di Belotti e fisicamente non è certo meno grosso ma se si fa il paragone con le palle difese sembra di paragonare Lukaku a Sgrigna, non fa assist non fa tiri non fa un cavolo di niente che non siano smorfie quando va per terra e ci mette 20 minuti a rialzarsi (sempre il suo compagno di ruolo cade difende il pallone da terra si rialza in un decimo di secondo). Però è forte… boh…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. gl65 - 1 mese fa

      daccordo su tutto tranne Zaza, non è un giocatore da squadra di calcio, solo istinto, gioca da solo, non tiene una palla che è una, con lui giochi in dieci

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. giacki - 1 mese fa

    E Goijac ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fabrizio - 1 mese fa

      appunto.. che fine ha fatto? un altro fenomeno alla Boye’?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. paulinStantun - 1 mese fa

        Ma aspettiamo un attimo!!!
        E’ arrivato all’ultimo momento, ha avuto le nazionali ha avuto il covid ha giocato una partita e poco più… anche Belotti non è che quando è arrivato al Toro dopo 2 giornate era l’idolo della Maratona ed era già a quota 6 goals

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. fabrizio - 1 mese fa

    20/11 della sqaudra sono inaffidabili. il resto e fuffa. DAi che quest’anno battiamo il recorddella spal, cosi vagnati e’ contento

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. Vit71 - 1 mese fa

    “L’ennesima rimonta subita nel derby dal Toro (che nei primi 45 minuti avrebbe virtualmente conquistato 20 punti contro i 2 dei secondi tempi) scatena l’ennesimo psicodramma in casa granata. Tanti i colpevoli del triste presente che vede il Torino terzultimo (con una partita in più rispetto al Genoa penultimo): i giocatori in campo, lo staff tecnico in panchina e soprattutto lo staff dirigenziale (a partire dal presidente Cairo e dal direttore sportivo Vagnati). Tutti, chi più e chi meno, sotto accusa. In queste prime 10 giornate, però, sta emergendo con forza un’emergenza fino a poco tempo fa assolutamente inattesa: quella del portiere. Salvatore Sirigu, detto in tempi neppure troppo remoti SalvaToro per lo spessore delle sue prestazioni a difesa della porta granata, sta passando un autentico periodaccio. E’ assolutamente irriconoscibile. Da Protagonista è diventato un Problema. Nel derby una bella parata su Chiesa ma anche tante, tantissime responsabilità sui due gol presi: colpi di testa (di McKennie e Bonucci) dal limite dell’area piccola su cross leggibili arrivati da lontano dall’educatissimo piede di Cuadrado. Con Sirigu passivo e impaurito, che arretra invece di uscire con presenza e personalità. Hai voglia a parlare di errori della linea difensiva… Non c’è da scomodare fenomeni come Lido Vieri, Castellini o Marchegiani. L’impressione è che il Toro questo derby avrebbe potuto vincerlo tranquillamente con in porta un Casazza, un Pastine, un Ichazo. Non esattamente tre idoli della Maratona. Qualche tempo fa Giampaolo si era (giustamente) lamentato del fatto che quasi a ogni tiro contro il Toro (padron per il gioco di parole) corrispondesse un gol. In tutto questo, stupisce che Mancini continui a chiamarlo in azzurro: a 33 anni Sirigu, più che un portiere, sembra diventato… un citofono”
    Credevo di pensarlo solo io, e invece…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. Vit71 - 1 mese fa

    Perché, c’è qualcuno che li ritiene affidabili????
    Non sono affidabili neppure quelli in campo, almeno per metà di loro….
    Il più affidabile di tutti è entrato e ha fatto un fallo da espulsione diretta dopo 0 secondi…. che ci avrebbe fatto piangere come sempre dei torti arbitrali, sfortuna, maledizione, etc….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy