Torino, da Bologna al Cagliari passando per il Sassuolo: quelle occasioni perse…

Torino, da Bologna al Cagliari passando per il Sassuolo: quelle occasioni perse…

Il tema / I punti persi dal Torino per colpe proprie devono far riflettere: la squadra ha ancora margini di miglioramento

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto
GettyImages-1134100316-min

Premesse: il Torino ha condotto una bella stagione, lo dicono i 63 punti, che normalmente portano in Europa. Se qualche punto è mancato per arrivare al sesto posto (quattro, per la precisione, contando gli scontri diretti a sfavore con la Roma), il Torino poi si può appellare agli errori arbitrali: che ci sono stati e sono stati tanti, specie nel girone di andata (qui l’approfondimento con la classifica dei torti arbitrali).

BOLOGNA E SASSUOLO – Tuttavia ci sono state anche occasioni sciupate. Quelle classiche partite a cui ripensi quando arrivi a fine stagione, mordendoti le mani. Non ci riferiamo tanto alle partite completamente sbagliate, incidenti che nell’arco di una stagione possono accadere: le partite casalinghe con Parma e Bologna, la trasferta di Empoli. Ma sopratutto alle partite in cui il Torino c’era, quelle in cui ha fatto comunque la sua partita, senza però trovare una vittoria che poteva essere alla portata. Tra le occasioni perse per definizione, ci sono quelle con il Bologna e il Sassuolo all’andata: farsi recuperare due gol dalla squadra rossoblù, che non era quella arrembante di Mihajlovic ma quella spaurita di Inzaghi, non ha deposto a favore della squadra di Mazzarri, così come subire il gol del pari al “Mapei” di Reggio Emilia prendendo gol di testa da Brignola, non esattamente un marcantonio. Una beffa accresciuta dal gol annullato a Falque dal Var subito dopo.

CAGLIARI E PARMA – Nell’elenco dei punti persi per colpe proprie vanno anche quelli lasciati per strada nel girone di ritorno contro Cagliari in casa: un po’ per sfortuna, vedi la posizione regolare per questione di centimetri di Pavoletti, un po’ per demeriti propri, vedi l’espulsione di Zaza, un po’ per errori dell’arbitro Irrati (non dato un rigore netto su Izzo). Anche la trasferta del “Tardini” di Parma grida vendetta: contro una squadra decimata dall’assenza dei suoi tre giocatori più forti (Bruno Alves, Gervinho e Inglese), i granata non sono riusciti a cogliere i tre punti in una partita che era assolutamente da vincere.

Detto ciò, un campionato di 38 partite è fatto molto spesso anche di rimpianti, che nel caso di Torino perdono consistenza se si pensa ai punti fatti negli scontri diretti contro le concorrenti (tutti a favore tranne quelli contro la Roma). E il fatto che si potesse fare qualcosa in più per certi versi può rendere Mazzarri ottimista per il futuro: il suo è un Toro che ha ancora margini di miglioramento.

15 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ToroSardo - 6 mesi fa

    Parma 2 volte,( una con tante riserve) Cagliari, Bologna, derby mezzo regalato, Fiorentina,( senza Chiesa e allo sbando) Empoli, Mister coraggio era obbligato a gio0care x vincere e non ha osato. Giusto non andare in Europa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. avvopal_14171626 - 7 mesi fa

    Noi abbiamo fatto un campionato in linea con le previsioni visto che il 7^/8^ posto era quello che la maggior parte dei tifosi pensava di poter raggiungere. Il rammarico è che quest’anno più di una big è andata peggio di come ci si era abituati e se avessimo fatto quei 5/6 punti in più finivamo addirittura in CL….in sostanza i punti sono quelli meritati solo che ne sono stati fatti più del previsto con le big che con le squadre di bassa classifica…Tutto lì….Negare che ci sia un progetto vuol dire negare l’evidenza….e se cairo mantiene le promesse (e sarebbe più facile farlo se estromettono il Milan dall’EL),bastano 3/4 innesti di qualità e saremo davvero al livello più alto dai primi anni 90….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13932186 - 7 mesi fa

    Sempre i soliti criticoni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 7 mesi fa

      I risultati parlano chiaro.
      Un’altra stagione di nulla quando sarebbe bastato un piccolo sforzo in più da parte della società e un po’ di coraggio in più da parte di Braveheart Mazzarri

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Oni - 7 mesi fa

    Con le squadre piccole si vince con il gioco e mazzarri mai lo ha avuto e mai lo darà mi spiace e quest’anno ci è andata anche bene visto che un po’ tutte le squadre hanno lasciato punti x strada quindi mettiamoci l’anima in pace che con costui non arriveremo o andremo da nessuna parte

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Immer - 7 mesi fa

      Purtroppo questa è la sacrosanta verità quante partite vincte senza mai tirare in porta. Questa è la caprese tra 5 anni saremo forse 7 in classifica sperando alle disgrazie altrui

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. PrivilegioGranata - 7 mesi fa

        La caprese mi risulta che sia pomodoro e mozzarella a fette.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. ToroSardo - 6 mesi fa

        Mister coraggio.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. unasolafede - 7 mesi fa

      Spiegami come mai se tutte le squadre hanno lasciato punti la quota Europa League è la più alta di sempre. Perché Le vittorie con Milan, Inter, Lazio, Atalanta sono una cosa normale e invece qualche partita sbagliata no? Il calcio non è matematica.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Immer - 7 mesi fa

    Non so io non vedo programmazione se si fosse voluto andare in Europa forse si poteva comprare qualcuno con i dovuti rischi di sbagliare ma almeno si provava a migliorare. Questo Cairo sembra l’armata Brancaleone e quest’anno è andato bene per fortuna per noi. Io l’unica cosa che critico al nostro Cairo di non aver ancora detto di aver battuto il record di non aver centrato nessun obiettivo in 14 anni sono pochi e forse nessuno dei presidenti di squadre medie come il toro a non averlo centrato. Secondo me questo è il vero record del nostro amato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. unasolafede - 7 mesi fa

      Assieme a qualche giocatore di livello chiedi a Cairo di comprarti anche un libro di grammatica.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. malva - 7 mesi fa

      E’ più probabile che diano un premio a te per le cazzate che spari ogni volta che scrivi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Ciccio Graziani - 7 mesi fa

    Con le squadre piccole che si chiudono, le partite le vince chi ha giocatori che saltano l uomo. Noi non ne abbiamo, l unico iago falque ha saltato troppe partite. Il campionato fatto è stato eccellente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. robertozanabon_821 - 7 mesi fa

    Abbiamo vinto con Atalanta, Inter e Milan e senza perdere a casa loro. Due volte con Samp e Genoa. Chissà se succederà l’anno prossimo. Non esiste una regola. È andata così. E gli arbitri?. Facciamo una Squadra più forte per battere anche il destino, che da sempre ci perseguita. FVCG!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 7 mesi fa

      Semplicemente con le squadre che si chiudono abbiamo avuto SEMPRE problemi ai quali wm non ha trovato soluzione

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy